Archivi del mese: maggio 2017

Giovanni Tumbiolo_1

Sapranno i “grandi” della Sicilia cogliere le sfide del G7?

MAZARA DEL VALLO -Pubblichiamo la Lettera aperta di Giovanni Tumbiolo sul recente G7.

“Si sono spenti i riflettori sul G7 di Taormina, evento planetario che ha fatto sognare molti siciliani per via della “botta di notorietà” derivante dalla presenza di decine di operatori di media e della comunicazione provenienti da molti angoli del mondo.

Al netto dei risultati politici e diplomatici non v’è dubbio che eventi che accendono le luci sulla Sicilia, peraltro vestita a festa, non possono che portare benefici effetti nel breve, nel medio e nel lungo periodo alle attività economiche fondamentali per il suo sviluppo: Turismo, Artigianato di valore, Agroalimentare, Mare e Innovazione.

Sì, innovazione, perché molti non lo sanno, o fanno finta di non sapere, che in Sicilia si innova grazie ad un enorme aggregazione di forze e istituzioni pubbliche e private, grazie ad un esercito di giovani talenti che ancora resistono alla tentazione di emigrare al nord. Sono i giovani che operano nelle istituzioni scientifiche siciliane e nelle piccole, spesso micro, imprese che con coraggio ed ingegno riescono ad innovare, nonostante tutto.

Il ritorno però alla quotidianità, alla vita di tutti i giorni, ci riporta alle drammatiche immagini che paradossalmente quasi non fanno più notizia: centinaia di morti in mare fra le migliaia di disperati che ogni giorno tentano di approdare in Europa e la Sicilia è la prima spiaggia.

La Sicilia, al netto dei pochi che attorno al fenomeno dell’immigrazione hanno costruito un vero business, è la terra che paga il tributo più alto. Pensate, noi, che siamo i più poveri d’Italia, siamo costretti a pagare di più. E’ bene che il mondo sappia che nel dna dei siciliani la generosità è elemento dominante ed accanto ai soliti speculatori esiste un esercito di volontari, portatori sani di solidarietà. Ma così non può continuare. Non può sempre contribuire in misura maggiore il più povero.

Al G7, dai Grandi del Mondo è stato sfiorato il tema di un “piano Marshall” per il Mediterraneo e l’Africa. L’avere ospitato simbolicamente all’assise di Taormina alcuni Capi di stato africani aveva un significato preciso. Volgere lo sguardo sul Mediterraneo e l’Africa al fine di frenare questa biblica emorragia umana.

Ritorna ciclicamente, fra i Grandi del Mondo, la semplice ed ovvia idea di fermare l’esodo verso l’occidente attraverso la prima regola naturale, ovvia, scontata: rendere sconveniente l’immigrazione. Ciò si può fare in due modi: alzare i muri, barriere ed elevare la sorveglianza, anche militare, oppure puntando allo sviluppo nei luoghi di partenza, creando lì posti di lavoro e migliorando le condizioni di vita. E’ del tutto evidente che la prima soluzione è la più facile, la meno onerosa e più conveniente nel breve periodo ad alimentare l’industria (anche quella bellica) e gli interessi dei c.d. grandi. La strada più complessa è la seconda. Essa richiede programmazione, progettazione, metodo, coinvolgimento, inclusione, enormi sforzi diplomatici e di intelligence. Ma soprattutto, impone uno strumento di questi tempi ai più inviso: il dialogo.

Dialogo sul piano politico, scientifico, produttivo, interculturale e quindi interreligioso. Credo, senza farsi tentare dalla presunzione, che da alcuni anni proprio dalla Sicilia è partito un fecondo movimento silenzioso di ricercatori, imprenditori illuminati, associazioni, scuole che stanno lavorando e sperimentando intorno ad un modello economico e sociale: il Distretto Produttivo della Pesca e Crescita Blu.

Il Distretto è uno strumento tipico della produzione italiana, già collaudato non solo nei settori del manufatturiero, ma anche nel turismo, nell’agroalimentare e nelle attività legate al mare. E’ proprio da qui dal mare che parte una sfida planetaria: esportare in Africa un modello innovativo e caratteristico del sistema socio economico italiano che il mondo ci invidia e tenta di clonare, ossia il Cluster.

Esportare un modello non significa delocalizzare le attività, le imprese. Al contrario, significa creare “ponti” fatti di scambi, di lavoro, di ricerca comune, di opportunità comuni.

La Sicilia, una volta tanto, ha fra le mani uno strumento potente ed importante per qualificare la sua identità e cambiare il suo destino.

Speriamo che i cosiddetti “grandi” della Sicilia, cioè la classe politica dirigente, sappia maneggiare bene questi strumenti.

Giovanni Tumbiolo, Presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu”

MioMercato_GiuseppeBlunda

A San Vito Lo Capo un nuovo punto MioMercato: posti di lavoro in arrivo

SAN VITO LO CAPO – Aprirà a San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani, Mercoledì 7 Giugno 2017 il nuovo supermercato del gruppo Mio Mercato, catena siciliana della GDO con sede a Castellammare del Golfo. Il Gruppo, nato nel 2003, è in costante espansione come dimostra l’aumento del numero di supermercati e la crescita esponenziale degli affiliati.

Sarà Porta di San Vito il nome del punto vendita, posto proprio all’ingresso del comune. Si tratta di un Supermercato mai visto nella zona, uno Store di 1600 mq aperto dal lunedì alla domenica con orario continuato dalle 08.00 alle 20.30 che permetterà ai cittadini di rimanere in paese senza doversi spostare per fare la spesa. Mio Mercato amplia l’idea di supermercato tradizionale abbracciando un’offerta di servizi a 360 gradi: è per questo che nella nuova struttura a due piani di San Vito Lo Capo, accanto ai reparti più tradizionali e ad un ampio parcheggio per oltre 150 posti auto, troveranno spazio il bar, la gelateria, la pasticceria, il panificio attivo tutta la giornata, la gastronomia e la sala ristoro, e ancora i reparti casalinghi, bricolage, barbecue e il settore ingrosso cash & carry.

“Anche a San Vito – è la nota dell’Azienda – terremo fede alla nostra missione: soddisfare la clientela con punti vendita sempre più curati, funzionali e confortevoli. Per il nuovo superstore la parola chiave è Varietà, oltre 5mila referenze per offrire una grandissima scelta di prodotti di qualità ad un prezzo conveniente. Il tutto tenendo ben presenti i valori che da sempre guidano ogni nostra scelta: convenienza, genuinità, sicurezza, etica e sostenibilità”.

“Siamo molto contenti della nostra scelta. San Vito Lo Capo è sicuramente una delle mete turistiche più importanti della Sicilia – sono le parole di Giuseppe Blunda, AD del Gruppo – e crediamo che questo nuovo supermercato vada a completare al meglio l’offerta di servizi forniti a cittadini e a turisti”.

Per il nuovo supermercato, inoltre, il Gruppo è alla ricerca di personale qualificato per completare il team di lavoro. Diversi i ruoli interessati dalle assunzioni: si va dal cassiere al macellaio, dal salumiere al magazziniere, dal pasticcere al magazziniere passando per i repartisti. L’indirizzo email al quale inviare il proprio curriculum, specificando per quale posizione ci si candida, è risorseumane@miomercato.net.

 

dav

Oggi presentazione del primo consorzio che promuove nel mondo il meglio delle produzioni dell’isola

PALERMO – Al fine di promuovere la Sicilia nel mondo attraverso un unico marchio, che racchiuda i principali prodotti agroalimentari di qualità e che racconti attraverso il gusto le storie dei numerosi territori che rendono unica l’Isola, nasce “Sicily Experience”, il consorzio che per la prima volta in Sicilia mette insieme differenti prodotti agroalimentari rappresentativi di diversi territori siciliani: dal caffè artigianale di Palermo al cioccolato di Modica, dal vino all’olio extravergine d’oliva delle cultivar locali dell’area di Chiaramonte Gulfi ai grani antichi del territorio di Selinunte, passando per i prodotti caseari della provincia di Siracusa, i salumi del Ragusano e le birre artigianali della Sicilia orientale.

A farne parte sono otto realtà di diversi angoli dell’Isola: Frantoi Cutrera per la produzione di olio extra vergine d’oliva e conserve, Sabadì per la produzione di cioccolato tradizionale di Modica, la torrefazione Morettino per il caffè, Molini del Ponte per le farine di grani antichi, il Caseificio Mongibella per i formaggi, Tarì per la birra artigianale, il salumificio il Chiaramontano per la produzione di salumi tipici e Terre di Giurfo per quella di vino.

Obiettivo del consorzio è quello di promuovere l’Isola attraverso due tipi di azioni: da un lato la diffusione all’estero dei prodotti agroalimentari d’eccellenza e dall’altro attraverso attività di incoming sul territorio con buyer stranieri e operatori turistici, che visiteranno non solo le aziende aderenti ma anche le bellezze storiche e naturalistiche dei territori in cui sorgono, per un’immersione nella cultura del luogo a 360 gradi.

“In un momento di grande vivacità per la nostra Isola, sia dal punto di vista enogastronomico che turistico, unire le forze e fare sistema è la via migliore per crescere – spiegano i rappresentanti di “Sicily experience” – abbiamo scelto persone, aziende, storie di qualità dei diversi angoli della Sicilia per presentarci all’estero offrendo un’esperienza unica, che parta dai prodotti ma si estenda alla storia e alla cultura del territorio, attraverso diverse sfumature di bellezza e gusto. Un’iniziativa che può fungere da volano per tutti i settori economici, anche per quelli non strettamente legati all’agroalimentare”.

“Il consorzio Sicily Experience nasce dalla volontà di otto amici di mettersi assieme per condividere le proprie esperienze, in modo da fare sistema e relazionarsi insieme nei mercati internazionali – spiega Salvatore Cutrera dei Frantoi Cutrera, promotore principale dell’iniziativa – ogni nostro prodotto racconta la storia, la passione, il saper fare locale della nostra Sicilia”.

“La nostra è una terra unica, dove il bello incontra con una straordinaria naturalità il buono – dice Andrea Morettino di Caffè Morettino, azienda che ha ospitato la presentazione del consorzio a Palermo – abbiamo unito la nostra passione ed il nostro entusiasmo per raccontare la bellezza di tanti angoli di Sicilia. Una Sicilia che va riscoperta, valorizzata e raccontata attraverso storie autentiche di passione per il territorio e per materie prime di qualità. Oggi per noi è un’emozione unica poter iniziare questo lungo viaggio proprio dal cuore del nostro Museo, scrigno di antichi saperi e sapori del mondo del caffè, in compagnia di Oscar Farinetti, ambasciatore delle eccellenze eno-gastronomiche italiane nel mondo”.

“Il comune denominatore che accomuna tutte le otto aziende del consorzio è l’attaccamento alla Sicilia – aggiunge Filippo Drago di Molini del Ponte – la tradizione accompagnata dall’innovazione crea prodotti apprezzati in tutti i mercati del mondo”.

A intervenire anche Oscar Farinetti, patron di Eataly, che ha annunciato un accordo con Sicily experience per esporre i prodotti delle aziende nei supermercati Eataly di New York. “Il mondo del vino insegna che unirsi è il modo migliore per andare avanti, solo attraverso consorzi e associazioni si possono affrontare i mercati esteri – dice Farinetti – il branco supera sempre gli eroi solitari”.

 

Premio Vela Blue Sea Land 2016_I Dirigenti delle scuole di Mazara con il Sindaco Nicola Cristaldi ed il Pres Distretto Giovanni Tumbiolo

Il Sindaco Cristaldi ed il Presidente Tumbiolo premiano le vele realizzate dagli studenti a Blue Sea Land 2016

MAZARA DEL VALLO – Domenica 28 maggio, in piazza San Bartolomeo, sono state premiate le vele realizzate da studenti delle scuole di Mazara del Vallo, con il progetto alternanza scuola-lavoro, in occasione di Blue Sea Land 2016.

I riconoscimenti e gli attestati di partecipazione sono stati consegnati dal Sindaco della Città on. Nicola Cristaldi, dal Presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu dott. Giovanni Tumbiolo, alla presenza della prof. Paola Scontrino, coordinatrice del progetto, e dei Dirigenti degli Istituti Scolastici mazaresi che hanno ritirato i riconoscimenti insieme ai rispettivi alunni autori delle opere.

Il Sindaco on. Nicola Cristaldi ha così dichiarato: “Voglio ringraziare il dott. Tumbiolo, la prof. Scontrino e quanti hanno lavorato in questi mesi per aver realizzato tutto questo. Il mondo della scuola rimane un polmone straordinario per qualsiasi società, capace di alimentare l’ottimismo in una città grazie al coinvolgimento delle famiglie e dei ragazzi; inoltre l’arte è un elemento fondamentale per l’economia di una comunità alla pari della pesca e dell’agricoltura. Blue Sea Land – ha aggiunto il Primo Cittadino mazarese – è cresciuto nel tempo e adesso, grazie alla capacità di chi lo ha ideato e portato avanti, ha assunto un’importanza sempre maggiore che rappresenta, oltre ad uno strumento essenziale per lo sviluppo economico della città, anche una componente fondamentale per coltivare valori quali la multietnicità e la multiculturalità. La nostra Amministrazione patrocina ed accompagna questo evento mettendo a disposizione degli organizzatori spazi di grande pregio che abbiamo recuperato dal degrado e restituito alla pubblica fruizione e che oggi rappresentano un’attrattiva al pari del Satiro e del centro storico, come testimonia il sempre crescente sviluppo turistico della nostra Città, al quale eventi di marketing territoriale come Blue Sea Land danno certamente un apporto”.

Il Presidente Tumbiolo ha così ringraziato tutti i presenti: “Ringrazio la prof. Paola Scontrino per l’immenso lavoro che fa ogni anno con tutte le scuole. Ringrazio l’Amministrazione Comunale nella persona del Sindaco on. Nicola Cristaldi, perché gli effetti benefici di questa collaborazione sono sotto gli occhi di tutti. La cooperazione – ha detto Tumbiolo – ha prodotto iniziative di un certo spessore e di una certa importanza che valorizzano tutta la Comunità mazarese e siciliana. Blue Sea Land – ha sottolineato – è una manifestazione internazionale che fa di Mazara un punto di riferimento durante tutto l’arco dell’anno e le attività svolte si riflettono nei settori economici, sociali e culturali”.

A ricevere il primo premio è stata la vela realizzata dalla Scuola Media Statale “Giuseppe Grassa”, il cui riconoscimento è stato consegnato al professore di storia dell’arte Giacomo Cuttone. La vela è dedicata al tema dell’immigrazione e alla speranza di quanti intraprendono quotidianamente rischiosissimi viaggi in mare al fine di raggiungere l’Europa attraverso la Sicilia.

Infine è stato rinnovato l’appuntamento alla VI edizione di Blue Sea Land Expo dei Cluster del Mediterraneo Africa e Medioriente che si svolgerà dal 28 settembre al 1 ottobre e che avrà come tema “Green e Blue Economy: i Distretti produttivi nell’Economia Circolare”.

 

aquiloni festival san vito sicilia

L’Asp al Festival degli aquiloni di San Vito Lo Capo per la prevenzione dei comportamenti a rischio

SAN VITO LO CAPO – Un Focal Point sanitario per l’attività di prevenzione primaria sui comportamenti a rischio in salute mentale e per la lotta alla violenza sulle donne, organizzato dall’Azienda sanitaria provinciale di Trapani è stato presente all’IX Festival internazionale degli aquiloni a San Vito lo Capo, che si è concluso domenica scorsa.

L’unità mobile, coordinata da Antonio Sparaco, responsabile delle attività di prevenzione del dipartimento Salute mentale dell’ASP, era posto all’interno del villaggio sociale della manifestazione e parte del locale. Presenti anche il direttore del servizio Dipendenze patologiche e Sert Guido Faillace e gli operatori del Coordinamento aziendale tossicodipendenze. Il Focal Point dell’ ASP di Trapani è stato molto visitato e le persone vi hanno potuto trovare materiale informativo preventivo e ricevuto informazioni direttamente dagli operatori sanitari.

E’ questo il primo evento con cui tradizionalmente l’ASP trapanese avvia ogni estate, da diversi anni, una serie di manifestazioni nell’ambito di un progetto di prevenzione primaria per la lotta ai comportamenti a rischio in salute mentale, quali le tossicodipendenze e la violenza sulle donne, anche con attività sportive ed altri eventi collaterali.

idroambulanza 1

Efficace intervento di emergenza sanitaria su un turista

FAVIGNANA - Il pronto intervento dell’équipe di emergenza del distretto sanitario di Trapani dell’ASP, in servizio a Favignana ha salvato la vita a un turista 35enne in vacanza nell’isola, F.C., di Parma, che la notte scorsa alle 3, si è presentato al presidio sanitario con una profonda ferita lacerocontusa alla mano destra, con arteria e nervi recisi, e una grave emorragia in corso.

I medici e gli infermieri del presidio e della guardia medica, coordinati da Vito D’Angelo, hanno stabilizzato il paziente, e poi, allertata l’idroambulanza dell’ASP in servizio nelle Egadi, il paziente, accompagnato da un familiare, è stato trasferito al porto di Trapani e da qui in ambulanza all’ospedale Sant’Antonio Abate, dove è stato trasportato in sala operatoria ed è ora in buone condizioni.

balata di baida castellammare

Da domani sera (31 maggio) la guardia medica di Balata di Baida torna nei locali originari

CASTELLAMMARE DEL GOLFO – Riprenderà alle ore 20 di domani, 31 maggio, il servizio della guardia medica ordinaria di Balata di Baida, nella sede storica di via Giovanni Pascoli 32. Si sono infatti conclusi i lavori di adeguamento che interessavano i locali. Lo comunica di Distretto sanitario di Alcamo dell’ASP.

Dal marzo scorso infatti la guardia medica si era provvisoriamente trasferita in contrada Castello di Baida 8.

Gli orari del Presidio di continuità assistenziale restano invariati: feriali dalle 20,00 alle 8,00, mentre prefestivi dalle ore 10 alle ore 20 e festivi dalle 8 alle 20. Invariato anche il recapito telefonico: 0924 38115.

mazara

Pellegrinaggio Comunitario Santuario Diocesano di San Francesco di Paola

MAZARA DEL VALLO – Venerdì 26 maggio 2017 in occasione della conclusione del mese mariano dedicato ai pellegrinaggi, la Comunità parrocchiale del Sacro Cuore in Santa Maria di Gesù di Mazara del Vallo ha effettuato una visita al Santuario Diocesano di San Francesco di Paola comunemente chiamato “Santo Padre delle Perriere” dell’omonima contrada di Marsala.

L’iniziativa suggerita dalla Comunità Fede e Luce Nuovo Germoglio e proposta al Consiglio Pastorale è stata subito accolta e condivisa da tutti gli altri gruppi, movimenti e associazioni parrocchiali che hanno partecipato numerosi.

Durante la celebrazione eucaristica, officiata da don Vincenzo ALOISI, il parroco ha ricordato la vita di Francesco da Paola, patrono della Sicilia e Calabria protettore dei naviganti e pescatori, e dei suoi genitori Giacomo e Vienna che hanno dato il nome Francesco al figlio perché molto devoti a San Francesco di Assisi, ricordando che “ognuno di noi può fare miracoli senza bisogno di rincorrere a particolari stratagemmi o invocazioni perché tutti noi terreni siamo portati alla santità, basta professare la propria fede come annunciato dal nostro Vangelo”.

Dopo la Santa messa, i fedeli si sono raccolti in processione verso la grotta del Santo Padre scavata nel tufo tra il 1823 e il 1866. Durante la benedizione finale, don Gaspare Tortorici, Rettore del Santuario, ringraziando la Comunità di Santa Maria di Gesù ha detto a tutti i pellegrini di ritornare a casa pieni di gioia e con un sorriso da portare a chi in questo momento sta soffrendo.

 

camassa

Si è conclusa con la piéce su Falcone e Borsellino della dr. Camassa la Settimana della Cultura

PARTANNA – Si è conclusa stasera (28 maggio) alla grande, così come alla grande si sono svolte le diverse sue manifestazioni, la Settimana della Cultura, caratterizzata da iniziative di ottimo livello. Nelle Scuderie del Castello Grifeo è stata messa in scena stasera la piéce teatrale con la regia di Dario Garofalo dal titolo “Giovanni e Paolo. Al di là di Falcone e Borsellino” con Gaspare Balsamo, Dario Garofalo e Giusy Zaccagnini. Presente Alessandra Camassa, presidente del tribunale di Marsala, autrice della piéce. Soddisfatta l’assessore alla cultura Noemi Maggio, così come il sindaco Nicolò Catania che ha detto: “Si è chiusa una settimana toccante, partecipata e coinvolgente. Le amministrazioni o si limitano all’ordinaria amministrazione o stimolano le coscienze. In questa settimana abbiamo stimolato le coscienze soprattutto dei giovani coinvolgendoli in iniziative volte all’educazione al rispetto della legalità a 360 gradi. Stiamo puntando – ha continuato il sindaco – ad una città che cresca nel pieno rispetto della legalità”. La dr. Camassa nel suo intervento ha ribadito di essere contenta di essere ritornata a Partanna, ma con un ruolo diverso da quello investigativo del passato.

visitapastorale3

Da oggi a giovedì visita pastorale in cattedrale

MAZARA DEL VALLO - Inizia stamattina (domenica 28 maggio) e durerà sino a giovedì la Visita pastorale del Vescovo monsignor Domenico Mogavero nella Cattedrale di Mazara del Vallo.

Questa sarà l’ultima tappa della Visita che è iniziata nel 2015 e ha portato il Vescovo a visitare tutte le comunità parrocchiali della Diocesi. L’inizio a Poggioreale (periferia est della Diocesi) e si conclude ora in Cattedrale nella città episcopale. Intenso il programma della Visita.

Oggi, domenica alle ore 9,30 visita alla Lega Navale; alle 10,30 accoglienza in piazza della Repubblica; alle 11 santa messa; ore 17 incontro con gli operatori pastorali della parrocchia; dalle ore 18,30, santa messa e incontro con i cresimandi e i loro padrini.

Lunedì 29 maggio: dalle ore 9 visita al I Circolo didattico “Daniele Ajello”, Istituto comprensivo “P. Borsellino”, Scuola tunisina; alle ore 12,30 incontro con la comunità islamica; ore 19 santa messa e cresime; ore 21,30 incontro con il Consiglio pastorale parrocchiale.

Martedì 30 maggio: dalle ore 9 incontro con la comunità delle suore oblate presso la chiesa di Santa Caterina, incontro con la comunità delle benedettine di clausura presso la chiesa di San Michele; ore 11 visita allo sportello Caritas e incontro con gli operatori; ore 12,30 visita alla casa di accoglienza “Orchidea” e incontro con le suore della Sacra Famiglia e la loro comunità; ore 15,30 incontro con le suore francescane missionarie e i membri della “Casa della Comunità Speranza”; ore 16,30 festa dei ragazzi del catechismo e dei lupetti; ore 18,30 santa messa e consegna del Credo ai ragazzi cresimandi; ore 19,30 incontro con i giovani.

Mercoledì 31 maggio: dalle ore 9 santa messa, incontro con l’amministrazione comunale presso il palazzo dei Carmelitani; ore 16,30 adunanza aperta del Consiglio Comunale presso l’aula consiliare “31 marzo 1946”; ore 19,30 incontro con i professionisti del territorio parrocchiale presso l’atrio della Cattedrale.

Giovedì 1° giugno: dalle 10 incontro con le attività imprenditoriali del territorio; ore 17 visita agli ammalati; ore 18,45 incontro con gli operatori pastorali e adulti della parrocchia; ore 20 santa messa e festa. #movipastor è l’hashtag col quale si può seguire la Visita pastorale sia su Twitter che su Facebook.

 

Pagina 1 di 812345...Ultima »