Archivi del mese: febbraio 2019

medici e infermieri

Asp Trapani, al via assunzioni di 27 CPS Infermieri

TRAPANI – L’Azienda sanitaria provinciale di Trapani ha proceduto all’assunzione di 27 Collaboratori Professionali Sanitari (CPS) Infermieri.
Saranno destinati ai Presidi ospedalieri e ai distretti sanitari in carenza di personale infermieristico. In particolare tale reclutamento servirà a rafforzare le Unità Operative nei presidi di Marsala, Trapani, Mazara del Vallo, Castelvetrano, Alcamo, Pantelleria (n.1 posto).

LIBERTY LINES

Liberty Lines, promozione per il carnevale 2019 biglietti scontati del 50%

FAVIGNANA – La compagnia di navigazione veloce Liberty Lines lancia una campagna promozionale per il Carnevale 2019 e applicherà uno sconto del 50 per cento su tutti i biglietti di andata e ritorno che saranno acquistati contestualmente tra il 28 febbraio e il 10 marzo 2019.

“L’iniziativa – dice Paola Iracani, presidente del Consiglio di Amministrazione di Liberty Lines – fa seguito a quella che abbiamo portato avanti con successo in occasione del Natale scorso ed è in linea con la “mission” della nostra compagnia di navigazione che ha grande considerazione delle esigenze dei territori da noi serviti, in particolar modo nel settore della promozione turistica. La festa di Carnevale è molto sentita, soprattutto in alcune comunità isolane e siamo certi che la nostra promozione potrà contribuire alla valorizzazione delle manifestazioni che saranno allestite dalle amministrazioni locali”.

A supporto dell’iniziativa della Liberty Lines, si registra anche la decisione dell’Amministrazione di Favignana che ha predisposto l’esonero della tassa di sbarco, offrendo quindi una ulteriore agevolazione ai passeggeri.

Liberty Lines, durante il periodo invernale, assicura i collegamenti veloci con aliscafi per le isole Egadi (Favignana, Levanzo, Marettimo), le isole Eolie (Lipari, Vulcano, Panarea, Stromboli, Salina, Alicudi, Filicudi) e Ustica.

frutta

Partanna, nessun aumento delle tariffe per l’affitto di un’area del mercatino

PARTANNA – L’amministrazione comunale di Partanna replica alle voci incontrollate che si sono diffuse negli ultimi giorni circa un presunto innalzamento del costo delle tariffe relative alle postazioni affittabili dai venditori ambulanti nelle giornate dedicate al mercatino settimanale, solitamente il venerdì. In risposta alle affermazioni di chi ha divulgato la notizia infondata dei costi eccessivamente alti per il noleggio di un’area nella piazza Galileo Galilei, quartiere Camarro, che ospita il mercatino, l’ente locale precisa che non è stata apportata alcuna modifica alle tariffe vigenti. “Si tratta di dicerie – spiega il sindaco Nicolò Catania – divulgate in malafede per provocare un ingiustificato allarmismo fra i commercianti ambulanti partannesi e fra i venditori che provengono da altri comuni. Tengo a specificare che non c’è stata nessuna alterazione nelle tariffe, rimaste invariate, per l’affitto delle aree. Più semplicemente l’ente ha proceduto in queste settimane ad effettuare dei controlli stringenti su coloro che non versano l’importo dovuto, nei casi più gravi anche da molti anni, ai quali è stato richiesto di provvedere al pagamento regolare delle quote e alla corresponsione degli arretrati accertati, aumentati da una sanzione del 30 per cento così come prevede la legge”. Per un’area di 40 metri quadri la tariffa annua corrente (per un totale di 52 settimane) è rimasta fissata a 327 euro, ovvero 6,28 euro ogni venerdì inclusa la quota per la raccolta rifiuti. “Una cifra che di certo non può essere definita esosa – continua Catania – e che la maggior parte dei commercianti, bisogna dirlo, rispetta. Come amministrazione vorremmo che tutti i venditori fossero ligi e scrupolosi nei pagamenti in considerazione dei colleghi che versano puntualmente il dovuto. E i controlli vanno proprio in questo senso, abbiamo assunto un atteggiamento di tolleranza zero perché se tutti riescono a tenere un comportamento corretto ne beneficia l’intera categoria e la collettività in generale”.

san vito lo capo

“No alla chiusura del Presidio Territoriale di Emergenza di San Vito Lo Capo”

SAN VITO LO CAPO – “Questa amministrazione continuerà a battersi per cercare di impedire la chiusura del Presidio Territoriale di Emergenza di San Vito Lo Capo”. Lo dichiara il sindaco, Giuseppe Peraino, che già lo scorso 19 ottobre aveva inviato una lettera al presidente della Regione, Nello Musumeci, e all’assessore regionale alla sanità, Ruggero Razza, manifestando preoccupazione per la paventata chiusura del PTE che, dopo l’adozione della nuova rete ospedaliera siciliana, in linea con i parametri previsti dal decreto Balduzzi, è stata stabilita per il mese di giugno del 2020. Al posto del Presidio, è prevista la collocazione di un’ambulanza con medico a bordo.

“Le leggi dello Stato vanno ovviamente rispettate – sottolinea il sindaco Peraino – ma molto spesso sono basate su calcoli analitici che non tengono conto delle situazioni particolari. In un Comune con 4700 abitanti – continua -, un ambulatorio che effettua circa 1500 prestazioni annue appare quasi superfluo ma così non è!”.

Il sindaco spiega, dunque, perché la chiusura del PTE, all’interno del quale è possibile effettuare interventi di primo soccorso o di stabilizzazione del paziente in fase critica, prima del trasporto in ospedale, arrecherebbe un danno per la salute dei suoi concittadini e dei numerosi turisti mettendone a repentaglio, in alcuni casi, anche la vita.

Da San Vito Lo Capo, il presidio sanitario più vicino, il “Sant’Antonio Abate” di Trapani, dista 45 chilometri. Essendo un Comune turistico, da maggio a settembre, il numero delle presenza cresce in maniera esponenziale: 20.000 astanti tra giugno e settembre, con punte di 30.000 tra luglio, agosto e settembre. Da maggio a novembre, inoltre, nel territorio comunale (Riserva dello Zingaro, Monte Monaco, Baia Santa Margherita), vengono svolte le più svariate attività all’aperto, a contatto con la natura, dal trekking allo snorkeling, dalle immersioni alla arrampicate che comportano, talvolta, il verificarsi di incidenti.

La guardia medica turistica, che opera dal 15 giugno al 30 settembre con orario dalle 08.00 alle 20.00, effettua 4500 codici verdi. Per la guardia medica ordinaria (orario 20.00-08.00), invece, sono circa 5000 i codici verdi. Nel PTE, nell’arco di un anno, vengono eseguite circa 1500 prestazioni tra codici verdi, gialli e rossi. Il totale delle prestazioni sanitarie annue è quindi di 11000.

“Con la chiusura del PTE ­- dice il sindaco Peraino- residenti e turisti sarebbero privati dell’unica struttura sanitaria di soccorso avanzato in grado di ricevere codici che vanno dal giallo al rosso mettendo in pericolo la vita delle persone. La presenza di un’ambulanza con medico a bordo – continua – non è sufficiente per garantire una prestazione adeguata ed ottimale: bisogna considerare i tempi di percorrenza per raggiungere il “Sant’Antonio Abate”, specialmente nel periodo estivo. E poi l’ambulanza, sarebbe assente per diverse ore dalla sua postazione tutte le volte che dovrà portare un paziente a Trapani o soccorrere un turista o un escursionista ferito. Per non parlare – conclude il sindaco – del fatto che la competenza medica dei sanitari che operano nel PTE ormai è riconosciuta dai cittadini che, in loro assenza, finirebbero per congestionare il pronto soccorso dell’ospedale del capoluogo anche per prestazioni da codice verde che potrebbero, invece, effettuarsi in loco con professionisti esperti”.

Foto concerto

“Concerto per duo viola – pianoforte per i piccoli orchestrali della scuola Pappalardo”

CASTELVETRANO – Lunedì 18 Febbraio 2018, presso il plesso “Vito Pappalardo” di Castelvetrano, il duo Comuzzi – Curti Giardina è stato protagonista di un concerto per Pianoforte e Viola indirizzato agli alunni frequentanti l’Indirizzo Musicale, operante presso la Scuola Secondaria di I grado “V. Pappalardo”.
E’ stato eseguito un programma con composizioni di J. S. Bach, R. Schumann, J. Brahms, M. Glinka, A. Longo, suscitando negli alunni attenta partecipazione ed emozione davvero esemplare.
Il Dirigente Scolastico, prof.ssa Maria Rosa Barone, ha evidenziato la grande attenzione e sensibilità destinata da sempre dall’Istituto alla Musica; infatti non a caso l’I.C. “Radice – Pappalardo” è l’unica scuola ad indirizzo musicale della città.
Particolare apprezzamento è stato manifestato per l’alta qualità musicale, in particolare al M° Demetrio Comuzzi, violista di chiara fama nazionale nonché docente di Quartetto e Musica da Camera al Conservatorio di Trapani e al M°Anna Maria Curti Giardina, docente di pianoforte nelle scuole secondarie di I grado ad indirizzo musicale che è stata alunna di pianoforte del corso ad indirizzo musicale della S.M.S “V. Pappalardo” di Castelvetrano.

tartamella

Deceduto Enzo Tartamella. Il cordoglio di Assostampa Trapani

TRAPANI – E’ deceduto dopo una lunga malattia Enzo Tartamella, uno dei decani dei giornalisti trapanesi. Per tanti anni responsabile della redazione trapanese del Giornale di Sicilia, dove ha formato diverse generazioni di giornalisti, è stato da esempio per competenza e capacità professionali.

L’Assostampa di Trapani, di cui Tartamella è stato anche segretario, lo ricorda con commozione ed è vicina alla famiglia, in particolare ai figli Massimiliano, Roberto e Davide.

polizia

Tratto in arresto un nigeriano

CASTELVETRANO - Gli agenti del Commissariato di P.S. di Castelvetrano hanno svolto straordinari controlli in tutto il territorio di competenza. Sono state identificate 57 persone, fermati 31 autoveicoli ed elevate due sanzioni per violazione del codice della strada. L’attenzione dei poliziotti si è, altresì, concentrata sui soggetti sottoposti a misure restrittive. In esito a tali controlli è stato tratto in arresto NOCHI Stanley, nato a Benin City (Nigeria) il 7.9.1987, per il delitto di evasione.

Nello specifico alle ore 15.00 di sabato 16 febbraio la Volante del Commissariato si recava presso il domicilio del NOCHI, per procedere al relativo controllo in quanto lo stesso è sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Il controllo dava esito negativo.

Pertanto gli operatori si mettevano immediatamente alla ricerca del sottoposto NOCHI Stanley. Alle ore 15.30, Nochi veniva rintracciato prossimità della propria abitazione con dei sacchetti di spesa senza aver dato giustificazioni sulla sua assenza. Considerando che Nochi Stanley in quella precisa giornata non doveva fruire di alcun permesso o autorizzazione, gli operatori procedevano all’arresto per evasione.

In data 18.02.2019 nell’udienza di convalida tenutasi presso il Tribunale di Marsala, veniva convalidato l’arresto e NOCHI Stanley veniva risottoposto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio definitivo.

Ospedale "Vittorio Emanuele II" Castelvetrano

L’Oncologia Medica dell’Ospedale realizza un docufilm con le testimonianze degli ammalati

CASTELVETRANO – Di cancro si può guarire. Oggi più che mai il coraggio e la consapevolezza della volontà personale costituiscono uno strumento determinante per la guarigione, così come indicano le testimonianze di pazienti e medici dell’Unità Operativa di Oncologia Medica dell’Ospedale “Vittorio Emanuele” di Castelvetrano, raccolte nel documentario “La scatola del tempo”.
Il lavoro nasce da un idea di Lia Calamia, artista castelvetranese ammalata di cancro, e si sviluppa attraverso la sua esperienza diretta alla ricerca di storie di vita e di lotta contro la malattia, di stereotipi e pregiudizi.
Il documentario punta sull’importanza dei rapporti umani e sulla potenza delle relazioni interpersonali a partire dalla gestione e dalla considerazione della relatività del Tempo, nel lungo viaggio verso la sopravvivenza.
Il video documentario è stato realizzato, prodotto e portato a termine da Castrenze Ezio Fiorenza, fotografo e artista di Castelvetrano e dal regista Marco Tumbiolo. Alla realizzazione ha collaborato il personale dell’Unità Operativa di Oncologia Medica, che su iniziativa della dott.ssa Eliana Gucciardo e di Vito Barruzza, infermiere del presidio sanitario, hanno raccolto le testimonianze dei pazienti e del personale.
“A questa iniziativa di grande spessore umano va il mio apprezzamento – ha detto Fabio Damiani, Commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani – attraverso il racconto delle singole esperienze, si raggiunge un obiettivo fondamentale: promuovere la prevenzione, fornire adeguate informazioni sulla patologia oncologica, rendere fruibili le campagne di screening attive sul territorio”.
Il docufilm sarà presentato giovedì 21 febbraio alle ore 17,00 al Cine –Teatro Marconi, a Castelvetrano.

Partanna, la seduta del Consiglio comunale

Nuova seduta del consiglio comunale a Partanna

PARTANNA – E’ convocato il consiglio comunale, in seduta ordinaria, per le ore 19,00 del giorno
18/02/2019 presso i locali dell’aula consiliare di Via del Popolo per la trattazione degli affari di cui al seguente
ORDINE DEL GIORNO

1. Lettura e approvazione verbali sedute precedenti previa nomina scrutatori
2. Comunicazioni
3. Interrogazioni con carattere d’urgenza
4. Approvazione regolamento per l’esercizio di attività dello spettacolo viaggiante
5. Concessione annuale attraversamento strada 188 Occidentale Sicula per posa tratto di fognatura. Riconoscimento debito fuori bilancio ANAS s.p.a
6. Concessione nulla osta al trasferimento di cui al 7° comma dell’art. 8 L. 433/91 dell’immobile in catasto al Fg.35 part.lla 895/2 sita in via Vespri di proprietà della ditta Cappadoro Natalino

calzini-spaiati (9)

“Giornata dei Calzini spaiati 2019”

CASTELVETRANO – I bambini della Scuola dell’Infanzia e della Primaria dell’I.C. “Lombardo Radice- Pappalardo” riflettono sui valori della Diversità e dell’Amicizia.
La manifestazione si è svolta nell’ambito della “Giornata della Diversità”, venerdì 8 febbraio 2019 all’I.C. “Lombardo Radice- Pappalardo”.
Cos’è un calzino spaiato? A cosa può servire? E soprattutto, come può accadere che due parti di uno stesso indumento, così ragionevolmente uniti da un comune destino, cioè quello di rivestire i nostri piedi, si perdano di vista e alla fine si separino? Ce lo domandiamo tutte le volte che ciò succede al termine dell’ennesimo lavaggio… I calzini spaiati, sperduti e soli, si ammucchiano negli angoli dei nostri cassetti in attesa di ritrovare i loro rispettivi compagni: una storia di solitudine o chissà!… un’opportunità per nuove combinazioni di colori, righe, pois, fantasie più o meno bizzarre? Rimanere da soli, vivere l’abbandono e l’emarginazione è una situazione sgradevole, difficile, dolorosa per ogni essere umano, ma sicuramente ancor più pesante per un bambino che, come un calzino spaiato, si ritrova solo e senza amici per motivi diversi.
L’essere “spaiato” può trasformarsi, però, in una meravigliosa opportunità: situazione ottimale per fare nuove amicizie, intrecciare rapporti con altri “spaiati” e scoprire che la realtà può essere molto più varia e colorata di quanto non si possa immaginare…
La “Giornata dei Calzini spaiati” si pone come obiettivo fondamentale proprio questo, cioè quello di far riflettere tutti sui valori dell’Amicizia e del rispetto dell’altro attraverso la valorizzazione della diversità. Si tratta di un inno alle differenze, un no alle omologazioni.
Nel corso di questa manifestazione che è ormai giunta alla sua sesta edizione in ambito nazionale, diverse sono state le attività svolte dagli alunni delle sezioni di Scuola dell’Infanzia e delle classi prime e seconde dei plessi “Lombardo Radice” e “G. Verga”: canti, poesie, filastrocche a tema e la storia del brutto anatroccolo che ha fatto da filo conduttore per una riflessione sul tema dell’emarginazione e della diversità. In una serena atmosfera di festa, i bambini si sono poi divertiti ad abbellire i corridoi dei plessi, sciorinando dei calzini di cartone decorati da loro in modo originale e fantasioso. Variopinti erano anche i calzini ai loro piedi, tutti coloratissimi e rigorosamente spaiati. Nella stessa giornata di venerdì, in tutta la scuola, come ormai è consuetudine da alcuni anni, si è svolta la “Festa dell’Inverno”: i bambini hanno così potuto consumare vivande (soprattutto dolci e frutta) tipiche della stagione invernale e del nostro territorio.
“Per colorare un po’ i piedi, la giornata, il Mondo, il Cuore…” ecco lo slogan della giornata che gli alunni della scuola hanno vissuto in modo intenso, un invito per tutti a guardare le cose in modo diverso, meno convenzionale e più divertente e ad aprirsi alle novità senza alcun pregiudizio.
Tutti i docenti che si sono impegnati nell’organizzazione dell’evento sono certi che il messaggio sia stato ampiamente recepito e che la Scuola abbia opportunamente fornito ai suoi utenti degli spunti importanti di riflessione e di crescita.

Pagina 1 di 41234