KLEOS - sabato, 12 aprile 13:17

I giovani e la crisi di oggi!

Oggi la crisi si fa sentire ancor di più degli anni passati, e sta danneggiando il futuro di noi giovani. Molti si trovano e si troveranno nella situazione di essere mantenuti dai genitori o di non poter  realizzare una propria vita per la mancanza di lavoro e di denaro. Ogni giorno si sente parlare alla […]

Oggi la crisi si fa sentire ancor di più degli anni passati, e sta danneggiando il futuro di noi giovani. Molti si trovano e si troveranno nella situazione di essere mantenuti dai genitori o di non poter  realizzare una propria vita per la mancanza di lavoro e di denaro. Ogni giorno si sente parlare alla televisione di crisi, di molte aziende che falliscono, di negozi che chiudono, di persone che scelgono di togliersi la vita soltanto perché non sono riusciti ad affrontare i problemi. Noi giovani dobbiamo, però, cercare di capire e studiare questa crisi e soprattutto dobbiamo sempre vedere in modo positivo, anche perché come ha scritto, Albert Einstein, la crisi è anche positiva:  “Non possiamo pretendere che le cose cambiano se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone delle nazioni, perché la crisi porta a progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura…  Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c’è merito, è nella crisi che emerge il meglio di ognuno perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze.” Che fare? Solo con lo studio noi giovani riusciremo a gestire l’Italia, perché è il sapere che ci porterà a risolvere il nostro grande problema;  un popolo di ignoranti è facile da gestire, ma un popolo sapiente riuscirà a non farsi ingannare dai governatori. di Caterina Murania – Veronica Suriano


Torna alla Home