KLEOS - lunedì, 8 ottobre 17:10

Il nipote di “Che Guevara parla dello zio

SALEMI – Nel giorno del 51° anniversario della morte di Ernesto Guevara, martedì 9 ottobre, a partire dalle 18:30, a Salemi, presso la sede dell’Associazione Socio-Culturale “Peppino Impastato”, in Via A. Lo Presti, incontro di un ospite d’eccezione: Martin Guevara Duarte, nipote del “Che”, il quale racconterà, attraverso l’esperienza filtrata in prima persona, la figura […]

che

SALEMI – Nel giorno del 51° anniversario della morte di Ernesto Guevara, martedì 9 ottobre, a partire dalle 18:30, a Salemi, presso la sede dell’Associazione Socio-Culturale “Peppino Impastato”, in Via A. Lo Presti, incontro di un ospite d’eccezione: Martin Guevara Duarte, nipote del “Che”, il quale racconterà, attraverso l’esperienza filtrata in prima persona, la figura dello zio, una delle più influenti personalità dei nostri tempi: rivoluzionario, anticonformista, guerrigliero, ma anche medico, scrittore e poeta; un uomo diventato ben presto un’icona nell’immaginario comune.

Martín Guevara Duarte è nato in Argentina nel 1963. All’età di 10 anni si reca a L’Avana con la sua famiglia, rimanendo a Cuba per 12 anni. Si diploma nel 2007, presso l’Accademia di Belle Arti “José Joaquín Tejada”, con specializzazione in pittura e disegno. Attualmente vive tra Spagna e Argentina e si dedica alla scrittura di articoli, racconti, riflessioni.
In uno dei suoi libri di successo, “A la sombra de un mito” (All’ombra di un mito), del 2013, racconta la sua esperienza cubana e il suo rapporto con la figura e l’eredità dello zio.
Del libro e di umanità si parlerà in occasione dell’incontro salemitano: un’occasione imperdibile per quanti ne vogliano sapere di più sul rivoluzionario argentino.


Torna alla Home