KLEOS - giovedì, 11 gennaio 12:31

Lu Tirrimmotu, poesia di Giuseppe Giardina

PARTANNA – Avvicinandosi la scadenza del 50° anniversario del terremoto del 1968 e sollecitati dai parenti del defunto insegnante Giuseppe Giardina autore di una raccolta di poesie dialettali dal titolo “Lu Friscalettu” pubblicata dopo il terremoto, riproponiamo una delle poesie lì raccolte dal titolo “Lu Tirrimmotu”: Ncuminciò cu ‘na scossa di straviu, tantu ca foru picca […]

friscalettu

PARTANNA – Avvicinandosi la scadenza del 50° anniversario del terremoto del 1968 e sollecitati dai parenti del defunto insegnante Giuseppe Giardina autore di una raccolta di poesie dialettali dal titolo “Lu Friscalettu” pubblicata dopo il terremoto, riproponiamo una delle poesie lì raccolte dal titolo “Lu Tirrimmotu”:

Ncuminciò cu ‘na scossa di straviu,

tantu ca foru picca l’allarmati.

La notti scatinò l’ira di Diu

e ‘n tempu a nenti fomu strati strati!

 

Chi scantu, chi tirruri ‘nta nuttata!

Un trenu parsi ‘n casa sfirragghiari:

Tatatan…tatatan…cu ‘n annacata

ca misi mura e cosi a scavigghiari.

 

La terra dava ‘n sutta sdirrupuna:

Un fracassu di ‘nfernu ch’un finia!!!

A centu a centu foru l’assaccuna,

c’un scrusciu d’autru munnu ch’attirria!!!

 

A lu mumentu si niì jiu la luci

e vittimu la fini niura e ria!

Nta ddù scumpigghiu mè figghia ajsò ‘na vuci:

“Misiricordia!! Madunnuzza mia!!”

 

Pò ‘ntisi lu tan tan chi s’allintava,

un rufuliu di tozza e di vitrini,

un cani ‘ntra la strata ch’abbajava

e grida ‘n luntananza e di vicini…

 

E fu silenziu ‘ntornu paru paru,

la vita turnò allura a ripigghiari,

li machini e tilefuni ‘mpazzeru

e fomu tutti fora…a zammatiari!!

 

Lu restu lu sapiti: E chi v’è diri?

E’ storia vecchia…di filibustieri.

 

 


Torna alla Home