KLEOS - domenica, 14 maggio 16:55

Migrano dal nostro Paese in cerca di lavoro e trovano all’estero i riconoscimenti che mai si sarebbero sognati!

MAZARA DEL VALLO – Melchiorre Messina (milco) è il primo mazarese ostetrico in Germania. Il mazarese Melchiorre (Milco) Messina di anni 29, dopo aver conseguito la Laurea in ostetricia presso l’università di Palermo, si mette alla ricerca di una occupazione come fan tutti. Trascorso il primo anno senza nessun risultato, decide di fare ulteriore esperienza come […]

milco 03 d

MAZARA DEL VALLO – Melchiorre Messina (milco) è il primo mazarese ostetrico in Germania. Il mazarese Melchiorre (Milco) Messina di anni 29, dopo aver conseguito la Laurea in ostetricia presso l’università di Palermo, si mette alla ricerca di una occupazione come fan tutti. Trascorso il primo anno senza nessun risultato, decide di fare ulteriore esperienza come volontario presso la unità di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Vittorio Emanuele II di Castelvetrano. Naturalmente con spese e assicurazione a totale carico della propria famiglia. Dopo un anno di volontariato, stanco ancora di aspettare, decide di raggiungere il fratello Gianvito già residente in Germania da 4 mesi, anche lui emigrato, ma fortunatamente inserito da subito dopo la laurea in infermieristica, anch’essa conferitagli dall’università di Palermo: prima trova occupazione presso delle strutture private e dopo un anno trova occupazione presso l’ospedale pubblico di Bonn nel reparto di Terapia Intensiva Neurochirurgica.

Melchiorre rimane per ben due anni in Germania a cercare una occupazione e a studiare la lingua. Durante questo periodo trova ospitalità presso l’abitazione del fratello Gianvito che convive con altri due ragazzi: grazie alla loro disponibilità Milco ha potuto risparmiare le spese di vitto e alloggio. Nella ricerca di lavoretti per alleviare i costi sostenuti dai genitori abitanti a Mazara del Vallo, trova occupazioni temporanee come operatore di volantinaggio, di puliziere e infine di magazziniere. Dopo circa qualche mese di lavoro come per un accanimento della sorte, si ritrova ad accusare sintomi della sindrome del tunnel carpale in entrambe le mani, tant’è che risulta costretto a ritornare in Italia per sottoporsi a due interventi chirurgici entrambi andati a buon fine. Non ancora sconfitto, ma animato dalla caparbietà di chi è alla ricerca della posizione in cui crede e che merita, con il sostegno della famiglia tutta e della fidanzata, ritorna in Germania alla ricerca della tanto sperata occupazione, e continuando nel frattempo a studiare la lingua. Dopo altri 3 mesi, purtroppo arriva il momento del crollo psicologico e della sfiducia: una sera chiama la famiglia in Sicilia dicendo che se non avesse trovato niente da lì a giorni, non avrebbe esitato a ritornare in Italia.

Per i genitori la notizia diventa un macigno da scongiurare, così continuano a incoraggiare il figlio il quale si rianima di un coraggio testardo e si pone come obiettivo la ricerca dell’occupazione, con qualunque tipologia di lavoro, e andando a bussare a tutte le agenzie di cerca lavoro della città di Bonn.

Una mattina trovandosi presso una delle tante agenzie di collocamento, chiede di essere disponibile per una qualunque occupazione: dall’aiuto cuoco al lavapiatti, all’addetto alle pulizie. Alla presentazione dei documenti e dei titoli di studio (già tradotti in tedesco) l’operatrice nota che il “nostro” Milco, oltre ad avere il diploma di perito chimico in chimica industriale, è in possesso della laurea in Ostetricia, per cui domanda come mai non abbia chiesto un lavoro congruente alla laurea posseduta. Milco chiarisce che in Germania non esiste la figura di ostetrico uomo e la richiesta più volte inviata agli ospedali di Kiel, Bonn e altre città aveva dato esito negativo.

L’operatrice assicura che la fame di ostetriche/ci è molto grande in Germania e che sicuramente avrebbe trovato qualche ospedale interessato alla proposta. Situazione che si avvera nel giro di qualche settimana; infatti, finalmente, un anno fa Milco Melchiorre Messina ottiene il suo contratto a tempo indeterminato presso l’ospedale pubblico di Hannover nel reparto Ostetricia e Ginecologia.

La caparbietà e l’abnegazione di questo giovane hanno portato all’esito positivo e hanno fatto la differenza; infatti è riuscito non solo a concretizzare il proprio sogno (quello di lavorare nel campo per il quale ha studiato), ma grazie alla grande disponibilità, professionalità e senso di responsabilità sta dando una mano anche a contribuire a modificare la mentalità degli stessi tedeschi che non concepivano fino a qualche anno fa la figura di un uomo con le mansioni di ostetrico. Grazie al “nostro” Melchiorre Messina possiamo vantarci adesso, che un giovane italiano è stato tra i primi Ostetrici nella nazione più ricca dell’UE.

 

 


Torna alla Home