KLEOS - martedì, 6 novembre 16:19

Partanna, prosegue il servizio di assistenza e trasporto per i disabili

PARTANNA – L’amministrazione comunale garantirà anche per quest’anno l’assistenza ai disabili della cittadina del Belice. L’ente assicurerà intanto la prosecuzione del servizio di trasporto di un disabile grave residente a Partanna al centro di riabilitazione “Csr Aias” di Salemi. Il Comune contribuirà a coprire il costo del servizio per tutta la durata dell’anno. Il centro […]

Nicola Catania 2

PARTANNA – L’amministrazione comunale garantirà anche per quest’anno l’assistenza ai disabili della cittadina del Belice. L’ente assicurerà intanto la prosecuzione del servizio di trasporto di un disabile grave residente a Partanna al centro di riabilitazione “Csr Aias” di Salemi. Il Comune contribuirà a coprire il costo del servizio per tutta la durata dell’anno. Il centro Aias, che si occupa di fornire nelle ore diurne tutte le terapie utili al recupero funzionale e all’integrazione sociale dei portatori di handicap, accoglie inoltre in regime di seminternato altri disabili della cittadina ai quali il comune di Partanna rimborsa mensilmente le spese di viaggio. Anche per i portatori di handicap che frequentano quotidianamente “l’Oasi Torretta” di Campobello di Mazara e il centro “Aias” di Castelvetrano il Comune ha disposto il rimborso mensile delle spese. “La garanzia della continuità del trasporto ai disabili gravi – afferma l’assessore alla Famiglia e alle Politiche sociali Maria Antonietta Cangemi – rientra fra le prestazioni che l’ente assicura alla comunità in termini di sostegno ai soggetti in situazione di disabilità e alle loro famiglie, nonché ai portatori di handicap che risultino privi di familiari in grado di accudirli”. “L’erogazione di servizi sociali essenziali per questi soggetti e in generale per tutti coloro che versano in stato di disagio e difficoltà – conclude il sindaco Nicolò Catania – è stata da sempre una delle priorità dell’amministrazione. Servizi che abbiamo potenziato ulteriormente ripristinando la figura dell’assistente sociale comunale per venire incontro alle esigenze delle fasce deboli che necessitano di assistenza particolare”.


Torna alla Home