Monthly Archives: Marzo 2018

Il Politecnico (Ingegneria e Architettura) di Palermo terrà laboratori e master a Partanna per studenti e laureati

PARTANNA – Il Comune e la Scuola Politecnica dell’Università di Palermo sigleranno un protocollo di intesa per l’apertura all’interno della sede partannese del G55 coworking di due sezioni staccate delle facoltà di Architettura e Ingegneria. Le succursali dell’ateneo del capoluogo organizzeranno negli uffici del G55 delle attività di laboratorio e campus tecnologici rivolti agli studenti del territorio iscritti alle scuole superiori, oltre a diversi master per laureati e neolaureati. Per la firma del protocollo che si terrà a Partanna il prossimo 24 aprile saranno presenti il presidente del Politecnico palermitano, professor Maurizio Carta e i componenti del consiglio direttivo, in particolare i direttori dei Dipartimenti delle due facoltà coinvolte nell’accordo. In rappresentanza dell’amministrazione comunale interverranno il sindaco Nicola Catania e il vicesindaco Antonino Zinnanti. Più avanti verrà comunicato il programma completo della giornata in cui sarà siglata l’intesa fra i due enti.

Cos’è il G55?. La struttura del “G55” è un complesso di oltre 1.500 mq di cui 750 dedicati interamente al coworking e in grado di accogliere fino a 30 coworker e nomad worker nei numerosi locali che includono uffici indipendenti, tre sale riunioni, sale corsi, un’aula formazione da trenta posti, sale studenti, biblioteca, sala relax e bar. Gli spazi sono attrezzati con tutte le dotazioni e gli strumenti tecnologici che possono servire a studenti e laureati ma anche ai professionisti e alle startup: dalle stampanti laser ai fax e videoproiettori, passando per fotocopiatori, scanner 3D e stampanti 3D. La struttura, inoltre, si trova in ottima posizione, in pieno centro storico, attorno a vari riferimenti culturali del luogo come la Chiesa Madre o il Castello Grifeo e in prossimità di tutte le attività e i servizi commerciali della cittadina.

“Un altro accordo che permetterà di sviluppare ulteriormente le grandi potenzialità del G55 per i giovani del territorio – spiega il sindaco Nicola Catania -. L’intesa con l’università di Palermo ci consentirà di cominciare a formare già da qui i ragazzi che intendono specializzarsi nelle professioni legate ai settori di Architettura e Ingegneria. In futuro l’amministrazione intende, inoltre, esportare il modello del G55 anche in altre realtà della provincia di Trapani interessate a offrire nuove possibilità di occupazione in ambito tecnologico ai propri giovani. Confidiamo adesso nel proficuo lavoro del Politecnico perché nel tempo si possano ampliare ancora le attività di formazione delle due facoltà”.

 

1° e 3° posto assoluto per l’Avis di Partanna alla 42esima Assemblea Provinciale

PARTANNA – Domenica 25 Marzo, a Campobello di Mazara, si è svolta la 42esima Assemblea Provinciale dei Soci Avis, appuntamento annuale per monitorare i risultati raggiunti nel corso dell’anno e per pianificare quelle che sono le attività gestionali delle associazioni di volontariato della provincia di Trapani.

L’Avis di Partanna, ancora una volta è stata premiata, conseguendo il 1° posto assoluto per l’INIZIATIVA PLASMIAMOCI, con un incremento rispetto all’anno precedente, al secondo posto l’Avis di Campobello di Mazara, terzo posto per Marsala.

Ma il riconoscimento più significativo, a parere di molti, è stato senz’altro quello relativo all’INDICE DI DONAZIONE, 3° posto assoluto, fiore all’occhiello degli obiettivi delle comunali, risultato eccellente, se si pensa ai numeri di qualche anno fa; nel 2008 infatti l’indice era del 1,35% mentre alla fine del 2017 ha raggiunto il 7,10% (rapporto donazioni-abitanti).

Un altro prestigioso riconoscimento che si aggiunge alla storia di questa associazione, che ha saputo valorizzare in pieno le risorse umane riuscendo a sensibilizzare quante più persone, alla cultura del dono.

Il presidente, Antonino Battaglia, ha sottolineato l’impegno e la solidarietà di tutti i donatori e li ringrazia per la generosità dimostrata nel corso dell’anno passato, numeri importanti che assicurano sangue e plasma alle attività sanitarie trasfusionali di tutta la provincia, ma ha anche elogiato i lavori di un direttivo, formato da un gruppo fantastico, che ha saputo operare dettagliatamente, senza lasciare nulla al caso. Ha coinvolto giovani e meno giovani, sensibilizzando tante persone con ogni attività, dalla cultura, allo sport, organizzando incontri nelle scuole e in varie manifestazioni, tenendo sempre alta l’attenzione sul significato della donazione del sangue.

Chi intende diventare donatore di sangue può recarsi presso una sede o un centro di raccolta Avis, riceverà tutte le informazioni del caso, effettuerà un piccolo prelievo e se idoneo, la volta successiva potrà fare la donazione.

Oggi l’AVIS è una realtà organizzativa capace di supportare e contribuire ai servizi, all’efficienza, con personale preparato, ma soprattutto in grado di contribuire ad un progetto solidale che tutela il più grande valore umanitario: la vita.

Nella foto, da sinistra, Salvatore Leone, Michela Salvo, Maurizio Napoli, Vincenzo Bonura, Saverio Spina, Antonino Pellicane, Antonino Mangialomini, Ester Clemenza, Giovanni Casciotta, Pietro Piazza.

 

Seduta di consiglio per giorno 30

PARTANNA – E’ convocato il consiglio comunale, in seduta straordinaria, per le ore 10,00 del giorno  30.03.2018 presso i locali dell’aula consiliare di Via del Popolo per la trattazione degli affari di cui al seguente

ORDINE DEL GIORNO

  1. Lettura e approvazione verbali sedute precedenti previa nomina scrutatori
  2. Comunicazioni
  3. Interrogazioni con carattere d’urgenza
  4. Riconoscimento debito fuori bilancio a favore di TO.VI. s.r.l. Ordinanza n. 992/2017 RGC del Tribunale di Sciacca
  5. Approvazione del piano economico finanziario previsionale relativo alla TARI (Tassa sui Rifiuti) per l’anno 2018
  6. Tassa rifiuti (TARI) – Approvazione Tariffe per l’anno 2018

.

Si chiudono i festeggiamenti per San Giuseppe e il borgo rilancia musei e castello aperti per pasqua, 25 aprile e 1 maggio

SALEMI – Cala anche quest’anno il sipario sulla Festa di San Giuseppe che si è confermata come appuntamento immancabile della tradizione a Salemi, attirando numerosi visitatori. Una settimana in cui la cittadina trapanese, inserita nel club dei Borghi più belli d’Italia, ha messo in mostra, oltre alle tradizionali ‘Cene’ realizzate con gli artistici pani lavorati a mano, anche percorsi storici, artistici e musicali.

Ma non finisce qui. Le Cene organizzate dall’Amministrazione comunale in piazza Dittatura e nella ex Chiesa San Bartolomeo, infatti, saranno visitabili anche nel week-end di Pasqua. Nello stesso week end, così come per il 25 aprile e per l’1 maggio, resteranno aperti anche il castello normanno-svevo e il Palazzo dei Musei, con il Museo della mafia e le altre sezioni dedicate all’archeologia, all’arte sacra e al Risorgimento. Questi gli orari d’apertura in quei giorni: dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

Resteranno a disposizione dei turisti fino all’8 aprile altre due mostre: ‘Ritualità, tradizione e contemporaneità del pane – Verso la costituzione dell’Ecomuseo del grano e del pane’, giunta alla quarta edizione, con il Collettivo Alterazioni Video, curata da Giuseppe Maiorana e posta all’interno del Museo d’Arte sacra dell’ex Collegio dei Gesuiti; e ‘In nome del Pane’, con fotografie di Leonardo Timpone, al Castello normanno-svevo.

“La Festa di San Giuseppe si è conclusa con un bilancio certamente positivo, ma l’offerta turistica di Salemi mette a disposizione tante valide ragioni per continuare a visitare la nostra città in primavera – commenta il sindaco di Salemi, Domenico Venuti -. Le Cene organizzate dall’Amministrazione al palazzo comunale e nella chiesa di San Bartolomeo continueranno a essere visitabili nel week end di Pasqua. Fino all’8 aprile, invece, saranno aperte la mostra fotografica ‘In Nome del pane’ e quella su ‘Ritualità, tradizione e contemporaneità del pane’ organizzata in collaborazione con il Polo museale regionale di Palazzo Riso a Palermo”.

Per Venuti si tratta di “un’offerta che si aggiunge alla bellezza del nostro centro storico e al richiamo dei nostri musei che resteranno aperti – spiega – anche nei giorni festivi di primavera, così come il castello”.

Oggi verrà ripresa la tradizionale Via Crucis vivente

PARTANNA – Oggi (28 marzo 2018) dalle 19:00 si svolgerà la Passione e Resurrezione di Cristo. La manifestazione, ideata ed organizzata dalla Parrocchia di Santa Lucia di Partanna si snoderà attraverso alcune vie del Centro nuovo della città e riproporrà ai presenti alcuni dei momenti più significativi della Passione di Cristo che vanno dall’Ingresso trionfale di Gesù in Gerusalemme, all’Ultima Cena, all’Agonia nel Getsemani, al Processo nel Pretorio di Pilato, al Viaggio verso il Calvario, alla Crocifissione e alla Resurrezione.
A più di vent’anni dall’ultima rappresentazione con Padre Ignazio Li Vigni, quest’anno, per volontà di Padre Mario Giammarinaro, del comitato organizzativo e dei ragazzi della parrocchia di Santa Lucia, con il patrocinio del Comune e con la collaborazione della Pro Loco di Partanna, verrà ripresa la tradizionale Via Crucis vivente.
Lo scopo di quest’esperienza è quello di realizzare un evento culturale ma soprattutto permettere a tutti di comprendere il mistero centrale dell’esperienza cristiana: la Passione, la Morte e la Resurrezione di Gesù Cristo …Da qui il titolo “Passio et Resurrectio Christi”.

Cerimonia di consegna holter all’Asp di Trapani da parte del 37°Stormo di Birgi

TRAPANI – Oggi (27 marzo), alla Cittadella della Salute di Erice Valle il colonnello Salvatore Ferrara, comandante del 37° Stormo dell’Aeronautica militare di stanza a Trapani Birgi, consegna al commissario dell’Azienda sanitaria provinciale Giovanni Bavetta 18 apparecchi diagnostici Holter per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e neurologiche.

Intervengono le autorità civili e militari della città.

Il dono del 37° Stormo è frutto di una raccolta fondi e di un evento di solidarietà e beneficenza.

Si presenta alla Soprintendenza del Mare il libro: “Palermo Turrita”

PALERMO –  Verrà presentato mercoledì 28 marzo 2018 alle ore 16,00, presso la Soprintendenza del Mare in via Lungarini, 9 (Palazzetto Mirto) il libro “Palermo Turrita” di Alessandro Bellomo. Ne discuteranno con l’autore Sebastiano Tusa, Alessandra De Caro, Alfonso Lo Cascio. Saranno esposte due opere della pittrice Valentina Faraone.

Un libro che conduce nell’antica Palermo del XVI secolo, un tempo costellata da grandi alte torri quasi al pari di moderne città come New York. Le torri, allora simboli dell’opulenza e dell’antichità storica non solo di chi le deteneva, ma nell’insieme, della città di Palermo, oggi sono pressoché totalmente scomparse dal panorama urbano. Cosa è rimasto di esse? Quale è stato il destino di questi simboli ? Una ricerca storica e visiva di ciò che è sopravvissuto alla modernità, tracciandone l’origine e le vicissitudini delle torri cittadine.

L’iniziativa si svolge nell’ambito del progetto “Il Dialogo delle Forme” curata da Alessandra De Caro, della Soprintendenza del Mare, in collaborazione con Alessandro Bellomo e Angela Valentina Faraone. Il programma prevede la presentazione delle pubblicazioni “Le fortificazioni della Città di Palermo”, avvenuta il 14 febbraio 2018, “Palermo Turrita”, 14 marzo 2018, e “Le conchiglie nell’Arte e nella Società dell’Uomo” 19 aprile 2018, per la regia di Alessandro Bellomo con proiezione di foto, esposizione pittorica di opere di Angela Valentina Faraone e laboratorio creativo dedicato ai più piccoli presso l’Arsenale della Marina Regia. Il progetto sarà realizzato a Palermo presso Palazzetto Mirto e l’Arsenale della Marina Regia e a Ustica all’interno del Villaggio Letterario di Punta Spalmatore.

Ad accompagnare la presentazione del secondo libro di Alessandro Bellomo “Palermo turrita” sono due opere pittoriche dell’Artista siciliana Valentina Faraone. “Il mare verticale” e “l’alieno” sono quadri di grande formato, realizzati con tecnica mista e con pigmenti puri. La prima è rappresentativa di un grosso sforzo, anche mentale, perchè il mare verticale innesca chiaramente la nostra immaginazione, qui si traduce in pittura un mare agitato che violentemente sale, che non si distingue dall’orizzonte, ma si unisce ad esso lasciando presagire una luce calda. L’alieno si lega alla voglia di conoscenza, di scoperta di nuove forme di vita presenti descrivendo anche un senso di solitudine e alienazione proprie del soggetto. Sono squarci quelli che lo rappresentano in una visione prospettica dall’alto che drammatizza l’espressione del viso, e copre l’intera superficie.

 

L’ultimo personale infermieristico rientrerà all’ospedale di Mazara del Vallo entro il 15 aprile

MAZARA DEL VALLO – Entro il prossimo 15 aprile le ultime 18 unità del personale infermieristico dell’ospedale Abele Ajello di Mazara del Vallo, in atto in servizio all’ospedale Paolo Borsellino di Marsala, torneranno nel nosocomio mazarese.

Lo ha annunciato il commissario dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani Giovanni Bavetta, di concerto con il direttore sanitario Salvatore Requirez e la responsabile del servizio infermieristico aziendale Anna Nuccio.

“Mai è stato in dubbio il rientro di questo personale al presidio ospedaliero di appartenenza – spiega Bavetta – ma prima di riassegnarlo abbiamo dovuto effettuare le convocazioni di analogo personale, a tempo determinato, per l’ospedale di Marsala, così da sostituirli nei reparti dove prestavano servizio ed evitare disagi all’utenza. Procedura che avevamo comunicato a tutti i sindacati del comparto già nel corso della riunione dello scorso 16 febbraio. Nonostante questo c’è sempre qualcuno che preferisce inutili strumentalizzazioni”.

“Scarsa sicurezza e insalubrità del comando di polizia municipale”

CASTELVETRANO – Fp Cgil, Fp Cisl, Uil Fpl e Csa Trapani hanno proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori della polizia municipale del comune di Castelvetrano riunitisi ieri pomeriggio (23 marzo) in assemblea sindacale.

“Abbiamo deciso di proclamare lo stato di agitazione – affermano i rappresentanti sindacali Enzo Milazzo, Marcello Caradonna, Giorgio Macaddino e Antonio Ferracane – a causa delle gravissime condizioni in cui versa il comando, sia dal punto di vista della sicurezza e salubrità dei locali, sia per le ataviche condizioni di abbandono istituzionale che di fatto hanno relegato il corpo a una presenza fantasma. Ci riserviamo nelle prossime ore di formalizzare circostanziata e dettagliata relazione da inviare al prefetto di Trapani circa le criticità che mettono a rischio l’incolumità dei lavoratori stessi”.

Imminente la pubblicazione degli stabilizzati Asp

TRAPANI – Il segretario generale della Uil Fpl Trapani Giorgio Macaddino dichiara la propria soddisfazione per l’imminente pubblicazione della delibera dell’Azienda sanitaria provinciale trapanese contenente i nomi dei beneficiari delle procedure di stabilizzazione.

“Dopo avere ripetutamente e costantemente, senza risparmiare energie, – afferma Macaddino -, chiesto le stabilizzazioni all’Asp, finalmente si giunge a un risultato soddisfacente. Domenica prossima l’Asp di Trapani potrebbe pubblicare i nominativi dei lavoratori del comparto sanità che sono destinatari della stabilizzazione a tempo indeterminato. Plaude all’azione puntuale e vulcanica del manager Giovanni Bavetta per la riuscita di questi traguardi. Si continua a porre fine ad un lungo periodo di precariato che dà giustizia ai lavoratori che nel tempo sono stati impegnati in questa attività. Merito allo staff dell’Azienda che in tempi record è riuscita ad esaminare gli aventi diritto”