Monthly Archives: Marzo 2018

“Oli…vo” collettiva fotografica a Marsala

MARSALA – Grazie alla disponibilità del sindaco dott. Alberto Di Girolamo continua a Marsala presso il Monumento ai Mille di via Colonnello Maltese 4, fino a sabato 24 marzo, la mostra collettiva di fotografia di autori UIF Sicilia “OLI…VO” col patrocinio nazionale dell’Unione Italiana Fotoamatori, inaugurata nell’ambito del convegno “BEN-ESSERE” organizzato da Associazione Medico Chirurgica Lilybetana e l’Associazione Onconauti sede di Alcamo.

Il Convegno ha fatto luce su alcuni temi: prevenzione delle neoplasie, campagne di screening e sani stili di vita.

La mostra è la seconda tappa di un “work in progress” inaugurato il 9 e 10 dicembre 2016 a Castelvetrano in occasione di ROTOLIO, full immersion di due giorni, avente come tema “La Nocellara del Belice incontra l’alimentazione” organizzata dal Rotary Club “Castelvetrano Valle del Belice”.

Gli autori UIF raccontano con le loro immagini la cultura dell’olio le diverse cultivar dell’olivo, le sue molteplici tipologie di drupe, alcune modalità di raccolta, la produzione olearia e il suo utilizzo in gastronomia.

La mostra è stata curata da Vincenzo Agate e Castrenze Ezio Fiorenza.

Sarà possibile vedere le immagini presso il Monumento ai Mille di via Colonnello Maltese tutti i giorni tranne il Lunedì mattina dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 16:00 alle 19:30.

Pescatori dell’Estonia in visita al Distretto per studiare la Blue Economic Zone nel Mediterraneo

MAZARA DEL VALLO – Una folta delegazione dell’Associazione dei Pescatori del Golfo di Liivi (Estonia) è stata in visita al Distretto della Pesca e Crescita Blu.

L’obiettivo della visita dei trenta pescatori estoni, accompagnati dal Direttore della Pesca, dott.ssa Esta Tamm, è stato quello di acquisire maggiori informazioni in merito al modello di sviluppo della blue economy, proposto in questi anni dal Distretto siciliano, nel Mediterraneo e che, partendo dalla pesca, si estende a tutte le filiere produttive.

Il presidente del Distretto, Giovanni Tumbiolo, ha illustrato ai pescatori del Mar Baltico l’idea progettuale della “Blue Economic Zone” nel Mediterraneo promossa dal Distretto pesca insieme all’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo. Tale modello di sviluppo si basa sulla cooperazione fra i Paesi rivieraschi e dell’area Euro-Mediterranea attraverso il “software” della blue economy, la filosofia produttiva propugnata dal 2009 dal Distretto della Pesca, dall’Osservatorio e dalla Regione Siciliana. Si tratta di un approccio “Made with Sicily” che prevede la creazione di una rete di piccoli cluster produttivi, un macro-distretto del Mediterraneo. La blue economy e le buone pratiche dell’economia circolare e della bio-economy sono fondamentali per sviluppare il modello economico del cluster, l’“hardware” adatto per sviluppare insieme ai Paesi partner progetti condivisi. La “Blue Economic Zone” ha l’obiettivo di valorizzare le piccole comunità costiere e di frenare l’emorragia umana tragicamente in atto.

La delegazione di pescatori baltici ha manifestato molto interesse nei confronti della manifestazione Blue Sea Land, Expo dei Cluster del Mediterraneo, Africa e Medioriente, la cui settima edizione, che si terrà a Mazara del Vallo dal 4 al 7 ottobre 2018, sarà dedicata alla bio-economy.

 

I bersaglieri celebrano l’Unità Nazionale, la Costituzione, l’Inno e la Bandiera con gli studenti della provincia di Trapani

TRAPANI –  Si è svolta venerdì 16 marzo, presso la Caserma “L. Giannettino” di Trapani, sede del 6° Reggimento Bersaglieri, la cerimonia dedicata all’Unità Nazionale, alla Costituzione, all’Inno ed alla Bandiera. Nella stessa occasione, si è tenuta una conferenza dal titolo “Donne in caserma – realtà ed esperienza”.

Alla presenza di circa mille studenti delle scuole della provincia di Trapani, la cerimonia ha avuto inizio con l’alzabandiera e con il canto dell’Inno sulle note della fanfara del 6° Reggimento Bersaglieri. Dopo l’allocuzione del Colonnello Agostino Piccirillo, Comandante del reggimento, le scolaresche hanno potuto visitare i luoghi della Caserma, una mostra statica e una dimostrazione di attività operativa tipica dell’addestramento dei fanti piumati di Trapani. Momento particolarmente sentito è stato quello del saluto degli studenti alla Bandiera di Guerra del 6° Reggimento Bersaglieri recentemente insignita della più alta onorificenza di cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia per l’impegno profuso nei teatri operativi del Kosovo, Libano, Afghanistan e Iraq (diga di Mosul).

Nella stessa giornata si è svolta la conferenza dal titolo “Donne in caserma – realtà ed esperienza”, organizzata dalla Inner Wheel di Trapani in collaborazione con l’Associazione per l’Assistenza Spirituale alla Forze Armate (P.A.S.F.A.). La conferenza, oltre alla partecipazione dei bersaglieri, ha interessato gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Rosina Salvo” di Trapani, quale tappa intermedia ad un progetto più ampio dal titolo “Donne tra conquiste e realtà: rilettura di fatti e relazioni”. In tale occasione, il personale femminile del 6° bersaglieri è intervenuto nella relazione attraverso un punto di situazione del ruolo delle donne oggi nella Forza Armata ed una interessante lezione sul ruolo della donna durante la Grande Guerra della quale si celebra quest’anno la chiusura delle commemorazioni sul centenario. Ospiti d’eccezione, una rappresentanza del personale femminile dell’Aeronautica Militare del 37° Stormo accompagnate dal loro Comandante Colonnello Salvatore Ferrara.

La tradizione dell’altare di San Giuseppe

PARTANNA – Quest’anno nel plesso “CAPUANA” della scuola primaria, si è riscoperta la tradizione dell’altare di San Giuseppe. Tutti i bambini delle varie classi con i rispettivi docenti, hanno con entusiasmo lavorato con le loro mani “PANUZZI” e “CUCCIDDATI” per adornare l’altare, allestito nell’aula magna della scuola. Le attività sono state svolte da un gruppo di insegnanti, dai collaboratori scolastici, ma anche dai genitori i quali hanno preparato varie pietanze. L’idea è nata per tramandare la tradizione agli alunni, ma anche per rinnovare gesti di solidarietà verso persone meno fortunate e più bisognose. (Gli alunni della 5^ C).

2sangiuseppe pro loco WP_20180318_16_36_43_RichLa tradizione a Partanna è continuata anche ad opera degli aderenti alla Pro Loco che hanno continuato il loro impegno realizzando, come gli altri anni, uno splendido altare che è stato benedetto, come quello del plesso “Capuana” da don Antonino Gucciardo. 

Anche il gruppo del “Sipario” diretto da Peppe Tusa ha voluto continuare l’impegno da sempre profuso per la preparazione dell’altare di San Giuseppe e ne ha messo in opera un altro diverso da quelli realizzati negli anni passati.2san gius. sc.el.WP_20180318_16_12_30_Rich

2san gius siparioWP_20180318_17_30_07_Rich

 

Alunna partannese in finale nazionale ai giochi matematici del Mediterraneo

PARTANNA – La piccola Greta Li Vigni, frequentante la classe IV C del plesso Capuana di scuola Primaria dell’istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini di Partanna, è stata premiata per aver superato la fase Regionale dei giochi Matematici del Mediterraneo, finale di Area 2018, classificandosi al 1° posto nella categoria P14.

L’alunna è riuscita a raggiungere l’ambizioso traguardo dopo alcune impegnative selezioni che hanno visto impegnati numerosi partecipanti delle varie province siciliane.

Nel mese di aprile parteciperà alla fase nazionale dei Giochi in cui dovrà cimentarsi in prove di più consistente spessore.

Oggi è sicuramente appagata per il lusinghiero riconoscimento che le è stato assegnato durante una coinvolgente cerimonia di premiazione con consegna di attestati e medaglie, avvenuta presso il plesso didattico Ruggero VII di Castelvetrano.

Sgarbi: “Le mie dimissioni non sono all’ordine del giorno”

ROMAVittorio Sgarbi, assessore regionale dei beni culturali, interviene sulle ricostruzioni giornalistiche riguardanti sue possibili dimissioni dalla carica.

“Nelle attuali condizioni non sono all’ordine del giorno le mie dimissioni, tema di grande interesse per le cronache, sollecitato dalla dichiarazione dell’assessore Cordaro (rappresentante della giunta all’Ars) il quale ha indicato una scadenza al 27 marzo che non corrisponde né alla costituzione del nuovo governo né alla convalida della mia nomina a parlamentare.

Per rispetto delle funzioni e dell’incarico – sottolinea Sgarbi – ricordo di aver dichiarato che mi sarei dimesso da assessore soltanto se nominato ministro, come appare logico, mantenendo in quella posizione un rapporto privilegiato con la Sicilia.

Prendo atto che, diversamente dagli accordi definiti prima delle elezioni regionali siciliane, il presidente della Regione e la giunta ritengono che io debba rinunciare all’assessorato in quanto nominato deputato, e che quindi, al di là dei risultati, risulto sgradito.

Per questo sono costretto ad accettare una decisione che non è la mia, e che in ogni caso risponde a una procedura diversa da quella indicata dell’assessore Cordaro; procedura che ben conosce il deputato Raffaele Stancanelli, già senatore e sindaco di Catania, oltre che persona vicina a Musumeci.

Gli uffici della Camera – spiega Sgarbi – mi comunicano che la proclamazione del 23 marzo non coincide con la convalida a deputato, la quale è sancita dalla giunta delle elezioni, ancora non costituita.

Si prevede dunque che tale giunta sia insediata e convocata entro i primi giorni di aprile, e che, valutato caso per caso, prenda atto della mia incompatibilità, e mi conceda, per diritto costituzionale (sulla materia si è pronunciata la corte proprio sul caso Stancanelli) 30 giorni per scegliere e decidere.

Credo quindi che si potrebbe giungere ai primi di maggio, in singolare coincidenza con la data del mio compleanno e con la fine del mio mandato di assessore a Milano, 10 anni fa, nel 2008, sgradito all’allora sindaco Moratti.

Mi dispiace – fa notare Sgarbi – non essere gradito, nonostante io abbia fatto molto più di quello che mi viene riconosciuto, a partire dalla mostra su Boldini che ho disertato oggi, sapendo che non sarebbe stato oggetto della conferenza stampa, e per la quale ho incardinato il rapporto tra i marchesi Berlingeri, proprietari del dipinto, e Raffaele Bonsignore, presidente della Fondazione Sicilia che ha sostenuto tutte le spese e seguito le mie indicazioni di allestimento.

Aggiungo, per il presidente Musumeci, che tra le iniziative in corso, dopo una riunione alla quale anch’egli ha partecipato, vi è quella con lo sponsor privato che s’impegna per la ricostruzione del Tempo G di Selinunte per un costo di 39 milioni di euro, senza alcun contributo regionale.

È questa la ragione per cui intendo arrivare alla conclusione naturale del mandato, secondo le indicazioni del Parlamento, costretto ad andarmene per la necessità di attribuire ad altri il mio assessorato, e senza alcuna certezza di svolgere il ruolo di ministro, largamente improbabile.

Se i patti fossero rispettati, allo stato della questione, direi che la mia volontà è quella di restare assessore in Sicilia”.

L’assessore Sgarbi lunedì 19 marzo alle 12,00 sarà al Museo Abatellis di Palermo per la conferenza stampa di presentazione della mostra “Antonello incontra Laurana”.

Presentazione di Blue Sea Land alla Farnesina

ROMA – Il 14 marzo 2018, presso la Farnesina, si è tenuta una riunione di presentazione di “Blue Sea Land – Expo dei cluster del Mediterraneo, Africa e Medioriente”, organizzata dal Distretto della Pesca e Crescita Blu. L’iniziativa, lanciata nel 2009, giunge quest’anno alla VII edizione e si terrà dal 4 al 7 ottobre a Mazara del Vallo.

La manifestazione vuole rafforzare il dialogo con i Paesi del Mediterraneo, del Medio Oriente e dell’Africa, valorizzando le risorse delle filiere agroalimentari. Il Presidente del Distretto Giovanni Tumbiolo, intervenuto in apertura, ha annunciato che il tema portante della prossima edizione sarà la bio-economia, tematica che ben si collega alle caratteristiche delle produzioni italiane, sostenibili e naturali, legate al territorio e al mare. Tunisia e Burkina Faso saranno i Paesi main partner della manifestazione.

Il segreto del successo di “Blue Sea Land” sta nei Distretti agroalimentari e nella volontà di promuovere lo sviluppo nel contesto di un’economia circolare che non riguarda soltanto l’agricoltura e la pesca, ma che si estende a tutte le filiere produttive tramite la lotta agli sprechi, la rigenerazione delle risorse naturali, terrestri e marine, la sostenibilità economica, sociale, ambientale e culturale, l’innovazione nei processi produttivi.

Il Direttore Generale per la promozione del Sistema Paese, Vincenzo De Luca, ha confermato il convinto sostegno della Farnesina ad una manifestazione con così forte proiezione internazionale e partecipazione di delegazioni straniere, come pure ha evidenziato il costante supporto del Ministero finalizzato al suo successo. La continuità nel tempo ed il consolidamento di un’iniziativa che cresce di anno in anno e che, nell’edizione 2017, ha registrato oltre 150.000 visitatori sono stati apprezzati dai rappresentanti delle Amministrazioni, degli enti, delle associazioni di categoria e delle imprese partecipanti.

 

Torna al Museo Pepoli “Turisti per cosa”, l’analisi annuale sul movimento turistico in provincia di Trapani

TRAPANI – Analisi dei flussi turistici, mezzi di trasporto, nuove strategie da mettere in campo per superare le difficoltà: adesso, più che mai, è necessario un confronto e un’azione per lo sviluppo del settore. Torna anche quest’anno, Turisti per cosa, l’appuntamento annuale sul movimento turistico in Provincia di Trapani. L’iniziativa, giunta alla sua 9° edizione, si terrà, domani venerdì 16 marzo alle 16.30 nella sala convegni del Museo Pepoli di Trapani.

Il convegno – organizzato da Trapani Welcome in collaborazione con il Distretto turistico Sicilia Occidentale e la Pro loco “Trapani Centro” –   ha l’obiettivo di fare il punto sulla situazione chiamando a confronto operatori, pubblici amministratori e rappresentanti delle categorie interessate.

Fra i temi della 9° edizione:

– l’analisi dei dati: una panoramica aggiornata sui flussi turistici in Provincia;

– cosa sta succedendo allo scalo di Birgi? Il quadro generale, le azioni in campo e le possibili soluzioni;

– non solo Aeroporto: altri mezzi di trasporto e nuove forme di accoglienza turistica;

– turismo a 360 gradi. Nuove risorse, nuove idee e nuove strategie per lo sviluppo del settore.

A parlarne saranno: Paolo Angius, presidente di Airgest; Giuseppe Briuccia (PWC Pricewaterhouse Coopers Advisory spa); Toti Piscopo direttore di Travelnostop; Giuseppe Pagoto presidente del Distretto turistico Sicilia Occidentale; Giovanni Guarnieri, Coordinatore di Reti Ciclabili Siciliane; Sandro Pappalardo, Assessore al Turismo della Regione Sicilia. Modererà Paolo Salerno di Trapani Welcome, interverrà il direttore del Polo regionale per i siti culturali in provincia Luigi Biondo.

Vela – Selezione Interzonale Optimist: a Marsala tre giorni di regate

MARSALA – Comincia da Marsala la corsa per l’ammissione alla squadra che rappresenterà l’Italia ai prossimi Campionati Europei e Mondiali di Optimist. Dal 16 al 18 marzo, nello specchio d’acqua antistante le isole Egadi, i migliori velisti del Sud Italia, classe Optimist, si sfideranno nella selezione interzonale che permetterà ai vincitori di accedere alle selezioni nazionali. Circa 200 Optimist Juniores provenienti da Campania, Calabria, Sicilia, Basilicata e Puglia disputeranno una selezione interzonale di alto livello tecnico, dalla quale usciranno i velisti che potranno accedere alle due selezioni nazionali propedeutiche ai prossimi Campionati Europeo e Mondiale. Come si ricorderà, proprio l’anno scorso, il timoniere di punta della società Canottieri Marsala, Marco Genna, partecipò al Campionato Mondiale in Thailandia.

Si tratta di un importante evento, patrocinato dal Comune di Marsala e dalla Federazione Italiana Vela, organizzato in sinergia dalla Società Canottieri e dal Circolo Velico, e che conferma in maniera sempre più preponderante Marsala come città della vela. Già nel 2016, infatti, la Società Canottieri aveva ospitato il Campionato Nazionale a squadre. Grande entusiasmo quindi non solo da parte degli addetti ai lavori e dei giovani velisti coinvolti, ma un momento di grande sport e di condivisione anche per l’intera cittadinanza che assisterà alle regate da terra.