Monthly Archives: Marzo 2018

Serata per Rosa Balistreri nella Festa della Donna

MUSSOMELI – In occasione della Giornata della Donna, BCsicilia di Mussomeli dedica la giornata dell’8 marzo alla grande cantante Rosa Balistreri che con la sua straordinaria voce ha reso immortale la canzone popolare siciliana.

Alle ore 18 dell’8 marzo 2018, presso l’Antica Pasticceria Normanna Viale dei Normanni a Mussomeli, attraverso lo “Storytelling musicale” dedicato alla cantante licatese, a cura del musicologo Antonio Pancamo Puglia e il Dj Martino Gaziano, si ripercorrerà la vita difficile e tumultuosa di Rosa mediante la narrazione e l’ascolto della sua voce graffiante e potente che le consentiva di interpretare le canzoni popolari siciliane con tono fortemente drammatico sfogando la rabbia e l’orgoglio della sua terra.

La serata si concluderà con un brioso Happy Hour Mimosa. Per informazioni: Email: mussomeli@bcsicilia.it – Tel. 339.5949184.

Nella foto Rosa Balistreri

Nasce il Gruppo Subacqueo di BCsicilia

PALERMO – Nasce il Gruppo Subacqueo di BCsicilia, la sezione specializzata dell’Associazione che si occuperà di promuovere la valorizzazione e la salvaguardia del “patrimonio culturale subacqueo” ovvero di tutte le tracce di esistenza umana aventi carattere culturale, storico o archeologico e che siano parzialmente o totalmente sommerse da almeno cento anni, così come definito dalla Convenzione Unesco del 2001. Tramite l’uso dei nuovi strumenti di diffusione che offre internet, si potrà contribuire alla sensibilizzazione dei fruitori del mare, con riguardo alla protezione dei beni culturali sommersi e alla diffusione delle attività subacquee volte, oltre che alla segnalazione di reperti di interesse culturale, anche allo studio e monitoraggio dello stato dei fondali dal punto di vista naturalistico. Del gruppo fanno parte archeologi, biologi, geologi, esperti nel campo della fotografia, operatori tecnici, istruttori di provata esperienza. Responsabile del gruppo sarà Gaetano Lino. La sezione è composta dai volontari Ornella Argento, Francesco Balistreri, Gioacchino Barone, Luigi Bisulca, Nicola Bruno, Salvatore Corbo, Maurizio Di Rosa, Salvatore Ferrara, Giuseppe Fricano, Roberto Giuffrida, Alessandro Urbano, Francesco Urso, Stefano Vinciguerra. Per il 2018 il gruppo ha programmato le seguenti attività: indagine subacquea per la conoscenza dei fondali del golfo di Mondello; in accordo con l’Area Marina Protetta delle Pelagie, saranno effettuati ricognizioni, rilievi topografici, documentazione foto-video dei fondali antistanti l’isolotto di Lampione (Lampedusa), con particolare attenzione all’aspetto naturalistico e alla ricerca di tracce di attività marinare del passato; verifica e ricerca dei siti subacquei inerenti lo sbarco in Sicilia del 1943; formazione dei soci del Gruppo Subacqueo di BCsicilia; pubblicazione del data base “Forma Maris Solunto” incrementabile nel tempo con i dati trasmessi dai vari soci di BCsicilia e da rinvenimenti casualmente effettuati; sopralluogo ed implementazione dei dati relativi ai siti subacquei di interesse storico. E’ prevista la convenzione con la Soprintendenza del Mare e con altri istituzioni pubbliche che si occupano di protezione e tutela del mare.

Per Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale di BCsicilia “il Gruppo Subacqueo è una sorta di fiore all’occhiello per BCsicilia. La preparazione, l’esperienza e la competenza dei volontari della Sezione sarà una grande risorsa per la conoscenza e la sorveglianza del nostro mare. Un gruppo che opererà per la valorizzazione e la difesa del paesaggio naturalistico e dei beni sommersi in collaborazione con le istituzioni pubbliche, nel rispetto dei ruoli di entrambi. Nella convinzione che il mare, soprattutto per un’isola, è una incommensurabile ricchezza, oltre che una formidabile opportunità, e ciò che custodisce nei suoi fondali è meritevole di tutela in virtù della sua importanza quale elemento storico-culturale che appartiene a tutta l’umanità. E per una associazione che si occupa di beni culturali e ambientali la salvaguardia del patrimonio marino è una scelta irrinunciabile”.

Nella foto Gaetano Lino, Responsabile Gruppo Subacqueo BCsicilia.

Tour delle aree carsiche ed evaporitiche della Sicilia centro-occidentale. Riserva Naturale “Grotta di Santa Ninfa” e Riserva naturale “Grotta di Entella”

SANTA NINFA – Parte oggi sabato 3 marzo il “Tour delle aree carsiche ed evaporitiche della Sicilia centro-occidentale”, promosso ed organizzato dalle riserve naturali “Grotta di Santa Ninfa” gestita da Legambiente Sicilia, e “Grotta di Entella” gestita dal CAI Sicilia, che perseguono comuni finalità di tutela, divulgazione ambientale e valorizzazione del patrimonio geologico siciliano.

In continuità con le attività di conoscenza e divulgazione già realizzate, e nell’ottica di offrire un panorama quanto più possibile completo del patrimonio carsico ed evaporitico, le due riserve hanno strutturato un percorso di visita dei principali siti ricadenti nelle province di Trapani, Palermo e Agrigento:

le riserve naturali “Saline di Trapani e Paceco” e “Isole dello Stagnone di Marsala”, per la presenza delle saline dove si comprende il processo di precipitazione chimica dei sali disciolti nell’acqua marina, processo che sta alla base della formazione delle rocce evaporitiche;

la riserva naturale “Grotta di Santa Ninfa”, una delle più studiate zone evaporitiche d’Italia, per la presenza di una grande varietà dei litotipi gessosi e abbondanza di forme carsiche superficiali e ipogee;

la riserva naturale “Rocche di Entella”, importante per la maestosità del rilievo costituito da banchi di gesso selenitico e per le forme carsiche superficiali generate da acque lacustri e da “carso coperto”;

la riserva naturale “Torre Salsa”, per le spettacolari falesie di gesso, le forme carsiche superficiali generate dalle acque marine, e raro esempio di “carsismo a pinnacoli” su gessi;

il geosito Scala dei Turchi, per la magnifica e famosa falesia di marne bianchissime che, geologicamente, rappresentano la fine della “crisi di salinità” messiniana e il ritorno del Mar Mediterraneo a condizioni di mare profondo;

la miniera di Realmonte, dove è possibile osservare grandi giacimenti di salgemma, l’ultimo termine della serie evaporitica a depositarsi, in quanto il più solubile;

la riserva naturale “Grotta di S. Angelo Muxaro”, per la varietà delle forme carsiche sia superficiali che ipogee e per il paesaggio fluvio-carsico.

Il percorso verrà sperimentato sul campo con la partecipazione di personale e collaboratori del Parco dei Gessi Bolognesi e di speleologi dell’Unione Speleologica Bolognese, ed in collaborazione con l’Università di Palermo – Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare e degli enti gestori delle altre riserve naturali coinvolte dall’itinerario.

Il tour delle aree carsiche evaporitiche si propone come un nuovo ed interessante percorso di scoperta e conoscenza del grande patrimonio geologico e naturalistico della nostra Regione, fornendo anche curiosità e riflessioni sulla storia geologica della Sicilia, sull’uso millenario da parte dell’uomo delle rocce evaporitiche, sulle peculiarità naturalistiche che insistono su queste aree.

Missione vocazionale verso l’ordinazione di don Laudicina

CASTELVETRANO – La comunità parrocchiale chiesa madre-San Giovanni Battista di Castelvetrano si mette in cammino verso l’ordinazione presbiterale del diacono don Marco Laudicina, che attualmente svolge il proprio ministero a Castelvetrano.

Da domenica 4 marzo prende il via la Missione vocazionale “Dammi un cuore che ascolta”, che si concluderà sabato 14 aprile, giorno dell’ordinazione in Cattedrale a Mazara del Vallo. La Missione è promossa e coordinata dall’Unità pastorale di Castelvetrano, dal Seminario vescovile e dal Centro diocesano vocazioni, e vedrà anche la partecipazione di alcuni seminaristi del Seminario arcivescovile di Palermo. L’obiettivo è quello di mettere in atto un’azione capace di stimolare i ragazzi, i giovani e tutta la comunità cristiana a riflettere sull’importantissimo tema della vocazione battesimale e personale, seguendo le orme del cammino vocazionale della Chiesa italiana che è in stretta consonanza con la prospettiva del Sinodo dei Vescovi che riflette sul tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale».

Ecco in dettaglio il programma. 4 marzo, ore 11 (chiesa madre): Santa Messa presieduta dal rettore del Seminario con i seminaristi e gli aspiranti al diaconato permanente; 14, 15 e 16 marzo, di mattina: Testimonianze nelle scuole secondarie superiori; 16 marzo, ore 21: Via Crucis cittadina animata dai giovani (dalla chiesa di San Francesco di Paola alla chiesa madre); 21, 22 e 23 marzo, di mattina: Testimonianze nelle scuole secondarie superiori; 23 marzo, ore 17 (chiesa San Giovanni Battista): incontro con i cresimandi;​ ​23 marzo, ore 19,30 (chiesa madre): Veglia vocazionale; 6 aprile, ore 17 (chiesa San Domenico): incontro con le catechiste; 8 aprile, ore 17 (chiesa madre): incontro con le famiglie; 13 aprile, ore 21 (chiesa madre): Veglia di preghiera presieduta dal nostro Vescovo con la professione di fede e il giuramento di don Marco.

Al via ad Alcamo il progetto “educazione sentimentale alla sessualità“

ALCAMO – Anche quest’anno è stato rinnovato il protocollo d’intesa tra il Liceo statale magistrale “Vito Fazio Allmayer” di Alcamo e il Consultorio familiare di Alcamo dell’ASP, per il progetto “Educazione sentimentale alla sessualità”. E’ il decimo anno che l’Azienda sanitaria provinciale di Trapani avvia questa attività.

Gli alunni del secondo anno del Liceo sono accolti presso la sede di via Maria Riposo per effettuare incontri relativi all’Educazione sessuale. Tali appuntamenti, gestiti dalla psicologa del Consultorio familiare Eugenia Pugliesi, in collaborazione con l’assistente sociale Agatina Viscò e con l’intervento del ginecologo Natalino Ferrara, responsabile del Consultorio, e dell’ostetrica professionale Maria Mililli, mirano alla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

Hanno luogo a settimane alterne e hanno tra gli obiettivi primari anche la prevenzione dell’aborto minorile. Il dibattito di gruppo ha un taglio di tipo esperienziale e ha sempre visto i giovani partecipi e protagonisti dello stesso progetto.

Gli incontri hanno avuto inizio venerdì scorso (23 febbraio) e termineranno il prossimo 1 giugno 2018.

Salemi, incontro sulla famiglia con don Giuseppe Alcamo

SALEMI – Domenica 4 marzo, con inizio alle ore 16, presso la Chiesa Madre di Salemi, si terrà l’incontro sul tema “Famiglia, porta della fede”, organizzato dal Coordinamento catechistico interparrocchiale. Relazionerà don Giuseppe Alcamo, docente di Catechetica e porteranno la loro testimonianza i coniugi Piera Di Maria e Antonio Adamo, fondatori del centro “Oasi Cana” per la famiglia e la vita. Alle 18 sarà celebrata la santa messa.

A Partanna torna in servizio l’assistente sociale, grazie ad una convenzione stipulata con il comune di Castelvetrano

PARTANNA –Torna l’assistente sociale al Comune di Partanna. A svolgerne le funzioni, grazie ad una convenzione stipulata dall’ente locale con il comune di Castelvetrano, sarà la dottoressa Francesca Lo Coco. La neo responsabile dell’Area dei Servizi sociali avrà una ripartizione dell’impegno orario al 50 per cento tra i due Comuni. La dottoressa Lo Coco presterà servizio a Partanna fino al 31 maggio 2018.

Il Comune di Castelvetrano, per il quale la professionista lavora a tempo indeterminato, anticiperà le somme per la retribuzione che poi saranno rimborsate dal Comune di Partanna. Il servizio di assistenza sociale si era interrotto il 1 gennaio 2018 a seguito di dimissioni della dottoressa Maria Concetta Alioto che aveva ricoperto il ruolo continuativamente dal 2014. “La nomina dell’assistente sociale – afferma il sindaco Nicolò Catania – è essenziale per assicurare la necessaria attenzione alle situazioni di disagio sociale e di emarginazione che investono particolari categorie, dai singoli alle famiglie in difficoltà socio-economica, passando per minori, anziani, portatori di handicap, immigrati. Attraverso questa importante figura professionale garantiremo gli interventi indispensabili per aiutare i soggetti che ne hanno particolare bisogno”. “Un sentito ringraziamento – aggiunge il primo cittadino – va alla commissione straordinaria che amministra il Comune di Castelvetrano, guidata dal viceprefetto Salvatore Caccamo, per la disponibilità e collaborazione da subito dimostrate”.

In corso d’espletamento la gara per il rifacimento dell’illuminazione pubblica finanziato tramite il fondo “Jessica”

PARTANNA – È in corso di espletamento la gara presso l’Urega di Trapani per l’affidamento dei lavori per gli interventi di efficientamento e adeguamento normativo degli impianti di pubblica illuminazione del Comune di Partanna. L’importo dell’intervento, finanziato al 70 per cento tramite il fondo europeo “Jessica” e al restante 30 per cento mediante l’accensione di un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti, è di un milione e 812 mila euro a base d’asta per un finanziamento complessivo di 2.210.505,00 euro.

Al bando di gara, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana del 7/12/2017, sono pervenute 143 offerte da parte di altrettante ditte interessate a svolgere i lavori. Ultimate le verifiche amministrative delle ditte partecipanti, l’apertura delle buste contenenti le offerte economiche, la relativa aggiudicazione avverrà il 14 marzo. Nonostante le difficoltà incontrate per ottenere lo sblocco degli investimenti ad oggi, con in corso l’espletamento della gara per il totale rifacimento del sistema di illuminazione pubblica della città, sembra che la realizzazione dell’intervento sia ormai ad un passo dal realizzarsi.

L’iter si è concluso positivamente grazie all’apposito emendamento stilato dal sindaco Nicola Catania e inserito nella scorsa legge per il Mezzogiorno per garantire ulteriori spazi finanziari verticali in favore dei comuni siciliani impossibilitati a procedere a spese per investimenti a causa dei vincoli di pareggio di bilancio imposti dalla normativa vigente e che aveva bloccato nelle casse comunali per più di un anno il finanziamento per l’illuminazione pubblica di oltre due milioni di euro. A permettere l’esito favorevole della vicenda la determinazione del sindaco Catania raccolta e supportata dall’ex senatrice Simona Vicari, relatrice del disegno di legge in sede di Commissione Bilancio. “A dispetto dei vincoli burocratici che al Sud troppo spesso bloccano o allungano considerevolmente i tempi di attuazione degli investimenti – afferma il sindaco Nicolò Catania – siamo riusciti a portare a casa un risultato non scontato ma frutto di esperienza amministrativa e legislativa. Adesso non ci resta che confidare nell’esito rapido della gara per la selezione della ditta che si aggiudicherà l’appalto e nell’immediato avvio dei lavori”.

“Il progetto prevede – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Nicolò La Rosa – la riqualificazione di tutti i corpi illuminanti, la sostituzione delle armature stradali e delle apparecchiature a sospensione, la manutenzione e sostituzione dei pali ammalorati, il completo rifacimento dell’illuminazione di via Castelvetrano e di altre zone della città ad oggi non servite dall’illuminazione pubblica oltre all’adeguamento alle normative vigenti delle cabine elettriche della città”.

 

Insediato oggi il nuovo direttore sanitario dell’Asp trapani

TRAPANI – Si è insediato questa mattina (1 marzo 2018) il nuovo direttore sanitario dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani Salvatore Requirez. Insieme al commissario dell’ASP Giovanni Bavetta e al direttore amministrativo Rosanna Oliva ha incontrato tutti i capi dipartimento e i direttori dei presidi ospedalieri e dei distretti sanitari dell’azienda.

“Sono alla mia sesta direzione strategica aziendale – ha detto Requirez – quindi non sono emozionato. Sono invece entusiasta, perché è palpabile già la voglia di fare che emerge in questo primo incontro da parte di tutti. Non voglio fare programmi, ma opererò per migliorare la cosiddetta autosufficienza, cioè per abbassare l’indice di fuga dei nostri pazienti verso altre aziende, per un’equa disponibilità dell’offerta sanitaria e presterò una particolare attenzione all’abbattimento delle liste d’attesa”.