Monthly Archives: Settembre 2019

Azione Cattolica Ragazzi – Iscrizioni anno associativo 2019 – 20

MAZARA DEL VALLO – Inizieranno sabato 28 settembre 2019 presso la Parrocchia Sacro Cuore in Santa Maria di Gesù di Mazara del Vallo le iscrizioni al nuovo anno associativo dell’Azione Cattolica Ragazzi.

Da sabato 28 settembre e per tutti i sabati del mese di ottobre, tranne sabato 19 ottobre, dalle ore 16.30 alle 18.00 è possibile iscrivere i vostri ragazzi al nuovo cammino associativo A.C.R. recandosi presso la Parrocchia Sacro Cuore in Santa Maria di Gesù di Mazara del Vallo dove ci saranno i nostri “cittadini” educatori pronti ad accogliervi.

È la città giusta” è lo slogan dell’Iniziativa Annuale 2019-2020 che quest’anno, attraverso l’ambientazione della CITTÀ, accompagna il cammino di fede dei bambini e dei ragazzi dell’A.C.R..

Osservata dall’alto la città descrive solo in apparenza un paesaggio “statico”. C’è, infatti, un aspetto che non va trascurato, ed è il dinamismo interiore della città, concepita come spazio per la vita di relazione, dentro la quale si sviluppano storie e rumori, in processi di demolizione e continua costruzione. A fare la città, insomma, non sono, infatti, solo “le pietre” ma anche la vita che a quelle “pietre” dà un’anima. In un’altra accezione poi, la casa è concepita come una piccola città e per contro la città come una grande casa: è il senso stesso dell’abitare le città come fossero delle case, appunto, luoghi in cui si avverte un costante senso di familiarità, in cui si coabita ciascuno con il proprio ruolo, in cui ci si riconosce nella quotidianità, in cui ci si sente sicuri e protetti, nei quali ogni spazio assolve a una funzione specifica dell’esistenza quotidiana.

Abitare in pienezza e con senso nuovo i luoghi e gli ambiti delle realtà civili ed ecclesiali, restituendogli significato e credibilità e ponendo in esse il seme buono del Vangelo, sono tappe essenziali nella costruzione di quell’opera meravigliosa che è il bene comune: questa È la città giusta!

Il nostro primo viaggio attraverso la città sarà inaugurato domenica 27 ottobre 2019 con la Festa del Ciao Diocesana e celebrando il compleanno dei 50 anni che l’A.C.R. quest’anno compie.

Dopo il video della dott.ssa Parla, conferenza stampa del sindaco di Partanna

PARTANNA – Dopo il video umanamente coinvolgente che la dott.ssa Roberta Parla ha diffuso su facebook in relazione al grave pericolo della presenza dell’amianto nel territorio e in relazione ai finanziamenti per la bonifica del territorio stesso, il sindaco di Partanna, Nicolò Catania, ha sentito il bisogno di intervenire, indicendo una conferenza stampa alla presenza di rappresentanti di Castelvetranonews, Partanna Today e Kleos. Il sindaco ha evidenziato la sua vicinanza a Roberta Parla ribadendo: “Cara Roberta, la tua tenacia sarà tale che riuscirai a sconfiggere questa brutta bestia con cui combatti”. Nel ruolo da lui rivestito ha sentito anche il bisogno di tranquillizzare la cittadinanza ed ha fatto altresì riferimento ad un finanziamento di 10 milioni di euro che saranno assegnati in particolare ai 14 comuni che hanno avuto il baraccamento. “I progetti – ha informato Catania – sono stati tutti presentati”. Una volta arrivati i finanziamenti, si bonificherà il territorio dell’amianto proveniente dalle baracche e quasi sicuramente anche di quello presente all’interno di edifici pubblici. Si potrà anche pensare ad agevolazioni per tutti coloro che hanno segnalato la presenza di amianto nei loro immobili (2400 segnalazioni a Partanna). “Nel tranquillizzare la città su emergenze in atto a Partanna – ha precisato il sindaco – nessun grave rischio di esposizione ad oggi risulta tale da creare allarmismo e preoccupazione. L’attenzione dell’amministrazione comunale e degli uffici è massima al punto che recentemente sono state operate delle bonifiche con verbale di massima urgenza a valere sul bilancio comunale e la Polizia municipale ha effettuato una denuncia alla Procura della Repubblica e sequestri di materiale di eternit accumulato”.

Al via al Museo Pepoli il ciclo di conferenze su “Il Ritratto fra tradizione e avanguardia. Percorsi di conoscenza”

TRAPANI – Al via al Museo Pepoli il ciclo di conferenze su “Il Ritratto fra tradizione e avanguardia. Percorsi di conoscenza”. Domani giovedì 26 settembre alle 17,30 inizierà Evelina De Castro con “L’ordine delle somiglianze”. Il ritratto umanistico e il ritratto nel XX secolo. Le ragioni di una mostra.
Le conferenze saranno precedute, alle 16,30, da una visita guidata alla mostra, previo acquisto del biglietto d’ingresso. La partecipazione alla sola conferenza sarà gratuita.

Il GAL Elimos si confronta a Milano con i GAL nazionali

CALATAFIMI-SEGESTA – Si terrà domani, giovedì 26 settembre 2019, a Milano (Piazza Fontana – Ore 11.00) la tavola rotonda dal titolo «Il ruolo dei GAL nelle filiere e le reti di imprese – Scenari futuri e possibili evoluzioni», in cui interverrà anche il Direttore del GAL Elimos, Rocco Lima. Si sono dati appuntamento nel capoluogo lombardo, infatti, diversi GAL provenienti da diverse parti d’Italia al fine di confrontare le proprie esperienze. A seguire la conferenza vi sarà una degustazione dei prodotti tipici di aziende delle aree dei vari GAL.

«Uno dei maggiori obiettivi che si è posto il GAL Elimos – afferma Rocco Lima – è quello di incentivare, entro il 2023, lo sviluppo sostenibile coinvolgendo la popolazione rurale e facendo in modo che essa tragga benefici dalla presenza di maggiori servizi ed infrastrutture attraverso lo sviluppo di almeno cinque reti di impresa. Tali reti dovranno proporre pacchetti turistici legati a specifici segmenti del turismo e che coinvolgano le aree meno “inflazionate”, sulle quali le politiche di promozione del turismo, fino ad oggi, hanno rivolto una minore attenzione, ma che, invece, rivelano, piuttosto, i tratti più autentici dell’identità culturale siciliana. D’altronde i GAL rappresentano un esempio di progettazione e programmazione integrata e partecipata dello sviluppo territoriale, forti di un approccio bottom-up e di una prospettiva metodologica partecipativa propria del cosiddetto approccio LEADER e del Community Led Local Development (CLLD). L’approccio di programmazione territoriale LEADER (Liaison Entre Actions de Développement de l’Économie Rurale), fin dal 1993, promuove, attraverso il coinvolgimento attivo e progettuale degli stakeholders pubblici e privati locali, lo sviluppo sostenibile endogeno e integrato delle aree rurali, soprattutto di quelle più marginali. I principali interventi programmatici e progettuali – conclude il Direttore del GAL Elimos – dei GAL, strumenti orizzontali di gestione del piano di sviluppo locale, mirano a creare o a riorganizzare l’offerta turistica, a migliorare la qualità delle produzioni locali e a salvaguardare il paesaggio, l’ambiente e la biodiversità».

Zone Franche: domani (26 settembre) incontro sulle Madonie con parlamentari e associazioni

PALERMO – I rappresentanti dei gruppi parlamentari all’Ars e le principali associazioni di categoria siciliane si incontreranno domani (26 settembre) nel cuore delle Madonie, a Castellana Sicula (Palermo), per discutere dell’istituzione delle Zone Franche Montane (ZFM). Il tavolo di lavoro si terrà in Piazza Europa, presso il gazebo del presidio permanente organizzato dal Comitato regionale promotore delle ZFM, costituitosi per chiedere l’approvazione di una legge obiettivo che introduca sgravi e agevolazioni per gli operatori economici delle aree interne della Sicilia.

Tante le sigle regionali del mondo produttivo e sindacale che hanno aderito e che saranno presenti: Confcommercio, Confesercenti, Cgil, Assoimpresa, Cidec, Coopagri, Coldiretti, Cia Alte Madonie e Asael.

Al centro del dibattito il testo del disegno di legge n° 3/2017, destinatario di una proposta di emendamento da parte del Comitato, che da oltre 1622 giorni attende di essere esitato da Sala d’Ercole.

Nuovi percorsi nel Parco Archeologico di Selinunte, tra visite guidate, letture e performance teatrali

SELINUNTE – “Crepuscolo a Selinus, lo spettacolo al Tramonto” è il titolo del nuovo evento ideato dal neodirettore del Parco archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria, l’architetto Bernardo Agrò, e destinato a diventare un format che verrà replicato la prossima stagione estiva. L’appuntamento è per domenica 29 settembre, alle ore 18:00, all’ingresso dell’area archeologica, con inizio alle 18.00. L’iniziativa si inserisce altresì nelle Giornate Europee del Patrimonio, con la partecipazione attiva delle Associazioni culturali di Castelvetrano e Selinunte “Club per l’UNESCO” e “La Rotta dei Fenici”.

Gli attori accompagneranno il pubblico in una visita che attraverserà i luoghi più significativi del Parco archeologico più grande d’Europa, dai resti dei templi fino all’acropoli. Le tappe del percorso saranno scandite da alcune letture e perfomance teatrali. Al termine della visita guidata, che si concluderà con l’osservazione del tramonto, sarà possibile degustare i vini dell’azienda Settesoli, che ha impiantato un vigneto didattico all’interno dell’area archeologica, e il pane nero di Castelvetrano prodotto dal Consorzio Ballatore con i grani antichi coltivati sempre all’interno del Parco.

Il clou della manifestazione alle 21:00 con lo spettacolo “Troiane” di Seneca, una messa in scena suggestiva sullo sfondo delle colonne del tempio di Hera. Lo spettacolo, prodotto da Laros di Ginio Caudai, traduzione e adattamento di Fabrizio Sinisi, per la regia di Alessandro Machìa, vede tra gli attori protagonisti Paolo Bonacelli, Edoardo Siravo, Alessandra Fallucchi, Marcella Favilla, Silvia Degrandi, Cecilia Zingaro e Gabriella Casali.

“Condividere spazi e percorsi inediti – dice Bernardo Agrò – costituisce la nuova mission, unitamente al restauro filologico dei percorsi e degli spazi museali che caratterizza l’area monumentale del parco. Qui anche i visitatori anche più assidui scoprono spazi e scorci nuovi, con un coinvolgimento esperienziale di notevole livello che genera consapevolezza alla bellezza: Architettura e paesaggio, Archeologia e singolarità naturalistiche, il tramonto osservato e assaporato dalla terrazza dell’Acropoli”.

“Crepuscolo a Selinus” rientra tra le iniziative promosse dal direttore del Parco archeologico Bernardo Agrò nell’ambito dei nuovi percorsi ideati aggiunti alla canonica visita de “Cantieri della conoscenza”, cioè l’apertura delle zone archeologiche a cantiere aperto ai visitatori anche durante le campagne di scavi e le missioni degli studiosi. Un modo per conoscere da vicino le testimonianze dell’antica civiltà greca e rendere vivo e fruibile un patrimonio archeologico di inestimabile valore.

PROGRAMMA

Appuntamento ore 18.00 ingressi

BIGLIETTO €. 10.00

info e prenotazioni

Francesco 347 99 06520

Emanuele 328 13 94940

Andando verso il tramonto: a piedi dall’ingresso alle mura dell’Acropoli (percorso circa 15 min)

Sosta alle Mura dell’Acropoli – performance

Dalle Mura all’Acropoli (percorso circa 5 min)

Sosta davanti al tempio O

performance

Cocktail di ringraziamento nella terrazza antistante la Casa del Viaggiatore

Termine previsto circa ore 19.30 / 20.00

Spostamento al Tempio E

inizio spettacolo “TROIANE” di Seneca ore 21.00

 

 

Ospedale "Vittorio Emanuele II" Castelvetrano

Approvato questa mattina il Piano sanitario provinciale dell’Asp di Trapani

PARTANNA – L’assemblea provinciale dei sindaci dei Comuni che costituiscono l’Ambito territoriale dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani si è riunita questa mattina (24 settembre) per partecipare alla seduta di approvazione dell’atto aziendale dei servizi ospedalieri dell’Asp, ovvero il piano sanitario provinciale relativo all’organizzazione e alla gestione dei nosocomi presenti sul territorio. Ad esprimersi sul piano sanitario, dopo averne preso visione nei giorni scorsi, i cinque comuni di Trapani, Alcamo, Castelvetrano, Marsala e Mazara del Vallo, con diritto di voto (non vincolante). A favore dell’atto si sono espressi i comuni di Marsala, Alcamo e Mazara del Vallo, contrario invece il sindaco di Castelvetrano mentre il primo cittadino di Trapani si è astenuto. Nel corso dell’incontro il sindaco di Partanna Nicolò Catania ha rappresentato e fatto mettere a verbale la necessità, condivisa già nel tempo con gli altri primi cittadini del Belice, di inserire in appendice all’atto aziendale anche la richiesta, con ampie e documentate motivazioni, di una deroga normativa relativa all’operatività dell’Ospedale “Vittorio Emanuele II” di Castelvetrano. Inoltre Catania ha chiesto di valutare all’interno dell’atto aziendale oggetto di approvazione il mantenimento del reparto di Rianimazione. “Con l’obiettivo – precisa il sindaco di Partanna – di assicurare continuità alla richiesta di deroga così come già ampiamente ribadito nel mese di ottobre 2018 all’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza e alla competente Commissione parlamentare dell’Ars e direttamente nel mese di novembre 2018 all’allora Ministro della Salute e al direttore generale dello stesso dicastero, al fine di mantenere la struttura così com’è e anzi di implementarla con ulteriori attività mediche. Tutto ciò al netto delle limitate variazioni apportabili al Piano che sostanzialmente ricalca le disposizioni regionali in materia contro le quali abbiamo manifestato nei mesi scorsi tutto il nostro dissenso sia sui tavoli regionali che ministeriali – prosegue il primo cittadino di Partanna –. La proposta, maturata con i colleghi sindaci, di inserire nell’Atto questa richiesta tiene conto dell’esigenza di garantire il buon funzionamento del nosocomio, essenziale per un bacino stimato di oltre centomila utenti e in considerazione di un territorio, quello del Belice ma anche della confinante provincia di Agrigento nella quale molti comuni hanno beneficiato e beneficiano della vicinanza al ‘Vittorio Emanuele II’, classificato come area ad alto rischio sismico. Apprendiamo con favore la notizia comunicataci dal direttore dell’Asp questa mattina che l’assessore Razza ha già inoltrato al neoministro alla Salute Roberto Speranza la richiesta ufficiale di deroga normativa in favore dell’ospedale di Castelvetrano”.

Il capone, un pesce stagionale tutto da scoprire alle Egadi: due giorni dedicati ai sapori della tradizione

EGADI – Si è concluso nelle Isole Egadi “Il capone, un pesce stagionale tutto da scoprire“. Un’iniziativa che ha valorizzato i sapori della cucina tipica locale con piatti preparati secondo le ricette tradizionali dell’isola di Marettimo e di Levanzo. Ed ancora percorsi didattici, attività ludiche e narrative, musica della cultura siciliana.

L’obiettivo dell’evento è stato quello di sensibilizzare la popolazione al consumo del prodotto ittico locale, in particolare del capone, nel rispetto della sua stagionalità e al consumo intelligente, nella consapevolezza che mangiare pesce fa bene e lo si può fare a un prezzo contenuto, specialmente in alcuni periodi dell’anno, promuovendo la tradizione culinaria del territorio costiero attraverso ricette ad hoc.

Quasi 100 kg di pesce sono stati offerti per permettere a tutti di degustare il magnifico prodotto del mare nostrano preparato in vari modi dai ristoratori e dalla gente del luogo: a caponata, con uva e zibibbo, a zuppa, alla siciliana ed arrostito.

“Mi fa piacere constatare che siano state tante le persone venute ad assaporare il capone – ha aggiunto Giuseppe Pagoto, sindaco delle Isole Egadi e presidente del Gac – F.L.A.G. “Isole di Sicilia”. – Una rassegna che ha visto numerosi operatori coinvolti – ha continuato – e che mira a favorire, oltre al rilancio della pesca, anche l’indotto, in particolare i settori della ristorazione e del turismo”.

Un momento davvero importante, per l’economia egadina da sempre fondata sul mare e sulla pesca; una festa in due scenari magici come Marettimo e Levanzo con il buon pesce protagonista.

Asp Trapani al Cous cous fest, si parla di Omega 3 e prevenzione cardiovascolare al Cooking Show

SAN VITO LO CAPO – ‘Omega 3 e prevenzione cardiovascolare’ è stato il tema del Cooking show al quale ha partecipato la direzione aziendale dell’Asp di Trapani che si è svolto nell’ambito del ‘Cous cous fest’.

Benefici, proprietà ed effetti collaterali degli Omega 3 sono stati al centro del momento dedicato alla cucina in diretta sul palco sanvitese in cui gli chef Peppe Alongi e Antonio Vultaggio del ristorante Disìo di San Vito Lo Capo, hanno reinventato e realizzato un “Tortino di alici con cous cous mediterraneo”.

Il tema relativo alla sicurezza alimentare con particolare riferimento alla prevenzione cardiovascolare è stato affrontato insieme a Giuseppe Vinci, responsabile del Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica dell’ospedale S.Antonio Abate di Trapani, che ha sottolineato gli effetti benefici degli acidi grassi Omega 3 sulla salute dell’apparato cardiovascolare e del sistema nervoso, la loro potenziale utilità anche contro patologie che colpiscono altri organi e sistemi.

All’evento hanno partecipato il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, Fabio Damiani, i direttori amministrativo e sanitario Sergio Consagra e Gigi Oddo.

L’Asp di Trapani è presente alla 22^ edizione del Cous cous fest, il festival internazionale dell’integrazione culturale a San Vito lo Capo, dal 20 al 29 settembre, con una postazione agli stand n. 49-50.

La presenza dell’Azienda ha la finalità di divulgare le attività di promozione della salute e della prevenzione, con particolare riferimento alla sicurezza alimentare che rappresenta uno dei punti prioritari dei percorsi di prevenzione in coerenza anche con le linee guida del Piano regionale della Prevenzione.

Nell’area riservata all’Asp di Trapani un team di medici è presente per tutta la durata della manifestazione per approfondire temi legati all’alimentazione e nutrizione, all’opportunità delle vaccinazioni, all’alimentazione in menopausa, al corretto uso degli antibiotici, alle dipendenze comportamentali, alle infezioni ospedaliere, alla cultura della donazione degli organi.

Nello stand Asp Trapani, vengono presentate anche tutte le complesse attività di Screenig eseguite nei presidi ospedalieri del territorio ed è stata attivata una postazione dedicata al Cup, dove è possibile effettuare le prenotazioni per visite specialistiche.

Appello di una cittadina partannese per l’eliminazione dell’amianto nel territorio

PARTANNA – Sono queste le domande, in merito alla tanta presenza di amianto nel territorio, che una cittadina di Partanna, la dott.ssa Roberta Parla, ha lanciato con coraggio e forza via facebook (https://www.facebook.com/roberta.parla.357/videos/1365763236917091/)alle autorità competenti: sono stati richiesti o ci sono finanziamenti per l’eliminazione dell’amianto sparso nel territorio? Sono arrivate ai diversi comuni somme destinate a tale eliminazione? se sì, sono state utilizzate?