Monthly Archives: Dicembre 2020

Soddisfazione della Giunta e della Comunità per la liberazione dei 18 pescatori sequestrati in Libia 

PARTANNA – La notizia di ieri, 17 dicembre 2020, è stata accolta con grande gioia e sollievo da parte di tutti; nella seduta del Consiglio Comunale di ieri sera (17 dicembre) tutto il consesso civico e la giunta municipale hanno avuto modo di manifestare pubblicamente il proprio unanime compiacimento.
Nei 108 giorni che hanno segnato il sequestro, la vicenda è stata seguita con profonda apprensione e preoccupazione.
Grande la mobilità delle forze politiche, delle Istituzioni civili e religiose, che insieme alla tenacia delle famiglie hanno avuto il grande merito di porre alla ribalta e all’attenzione di tutti la vicenda.
“La notizia della liberazione dei 18 pescatori – ha dichiarato  il sindaco di Partanna Nicolò Catania – ci rallegra e  il pensiero che le famiglie possano vivere il Natale finalmente riuniti con i loro cari ci dà conforto e gioia”.

Confcommercio Palermo: Eletto all’unanimità il nuovo Consiglio Direttivo 

PALERMO – L’assemblea elettiva di Confcommercio Palermo, che l’altro ieri ha proceduto alla rielezione all’unanimità e per acclamazione di Patrizia Di Dio, ha eletto all’unanimità anche il nuovo Consiglio direttivo della Federazione palermitana, composto da 21 presidenti delle associazioni aderenti a Confcommercio, in rappresentanza dei diversi settori imprenditoriali e commerciali ma anche del mondo delle professioni.

Questo l’elenco completo: Giovanna Analdi (Cassaro Alto), Alberto Argano (Grossisti Ortofrutticolo), Silvano Barraja (Assorafi), Michela Cannatella (Wedding Planner), Daniela Cocco (Stilisti e Marchi), Maurizio Cosentino (Assocom), Antonio Cottone (Pubblici Esercizi), Alessandro Dagnino (Professioni), Nicolò Farruggio (Albergatori), Antonio Gatto (Confauto), Fabio Gioia (Associazioni sportive confederate), Vincenzo Grasso (Silb locali da ballo), Giuseppe La Grassa (Federanimazione), Antonio Lo Coco (Unione Industriali), Nicola Macaione (Librai), Gabriele Miccichè (Confodontoiatri), Rosario Minasola (Assintel), Salvatore Randazzo (Forniture ospedaliere), Vincenzo Salerno (Agenti di commercio), Natale Spinnato (Unione Panificatori). Gioacchino Vitale (Fioristi).
Entrano di diritto nel consiglio direttivo anche il presidente di “50&più” (associazione anziani del commercio), Carmelo Camilleri e il presidente dei giovani imprenditori Giovanni Imburgia.

Coronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di venerdì 18 dicembre 2020

TRAPANI – Coronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di venerdì 18 dicembre 2020.
Totale casi attuali positivi 1874 (il dato è al netto di decessi e guarigioni) così distribuiti:
Alcamo 242; Buseto Palizzolo 7; Calatafimi-Segesta 13; Campobello di Mazara 26; Castellammare del Golfo 32. Castelvetrano 138; Custonaci 20; Erice 90; Favignana 2; Gibellina 18; Marsala 279; Mazara del Vallo 318; Paceco 33; Pantelleria 8; Partanna 45; Poggioreale 0; Salaparuta 0; Salemi 34; Santa Ninfa 2; Trapani 483; Valderice 43; Vita 2, San Vito Lo Capo 20; Petrosino 19.

deceduti 98.

guariti  3434.

Ricoverati in Terapia Intensiva 15.

Ricoverati  in Terapia non intensiva 110.

Tamponi effettuati  345.

Tamponi per la ricerca dell’antigene 224.

Coronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di giovedì 17 dicembre 2020

TRAPANICoronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di giovedì 17 dicembre 2020.
Totale casi attuali positivi 2082 (il dato è al netto di decessi e guarigioni) così distribuiti:
Alcamo 260; Buseto Palizzolo 7; Calatafimi-Segesta 13; Campobello di Mazara 29; Castellammare del Golfo 39. Castelvetrano 142; Custonaci 23; Erice 93; Favignana 2; Gibellina 16; Marsala 300; Mazara del Vallo 432; Paceco 33; Pantelleria 8; Partanna 49; Poggioreale 0; Salaparuta 0; Salemi 39; Santa Ninfa 3; Trapani 497; Valderice 54; Vita 2, San Vito Lo Capo 20; Petrosino 21.

deceduti 95.

guariti  3200.

Ricoverati in Terapia Intensiva 16.

Ricoverati  in Terapia non intensiva 109.

Tamponi effettuati  361.

Tamponi per la ricerca dell’antigene 210.

Liberazione dei 18 pescatori di Mazara del Vallo. Il vescovo Mogavero: «Finito un incubo. grazie al governo»

MAZARA DEL VALLO – Dopo la notizia della liberazione dei 18 marittimi mazaresi rinchiusi a Bengasi, il vescovo Domenico Mogavero ha detto: «Siamo felicissimi di questa notizia, tanto più bella quanto inaspettata. Tre mesi vissuti insieme ai familiari ci avevano resi scettici ma ora l’incubo è finito. Aspettiamo di trascorrere queste ore di attesa per riabbracciarli. Questo è il più bel regalo di Natale per le famiglie. La gioia è tutta loro ma è anche nostra». «Un ringraziamento – ha continuato il Vescovo – va all’Unità di crisi, al Governo tutto per l’impegno lungo e faticoso per superare mille difficoltà e giungere alla bella notizia di questa mattina. Un abbraccio grande ai familiari e ai 18 marittimi».

Continuità territoriale da Trapani Birgi, si riparte da domani 18 dicembre con Albastar e Tayaranjet

TRAPANI – Dopo uno stop and go, causato dal Covid-19 che ha drasticamente ridotto il traffico aereo in tutto il mondo, la continuità territoriale, prevista per i primi giorni di novembre, riparte da venerdì 18 dicembre dall’aeroporto di Trapani Birgi. A servire le rotte onerate, le compagnie aeree Tayaranjet per Ancona, Perugia e Trieste e Albastar per Brindisi, Napoli e Parma. Enac ha inviato alle compagnie aggiudicatarie delle rotte, l’atto aggiuntivo allo schema di convenzione per i prossimi tre anni, che fissa la nuova partenza, dopo i primi due differimenti legati all’emergenza sanitaria e alla scarsità di prenotazioni.

Da giovedì 17 iniziano all’aeroporto di Trapani Birgi, i tamponi gratuiti anti Covid-19 su tutti i passeggeri in arrivo da tutte le destinazioni, effettuati dall’Asp di Trapani, in ottemperanza all’ordinanza regionale n.64 del 10 dicembre 2020. Si tratta di un tampone rapido, con esito in 15 min. Se il passeggero ha una certificazione di tampone negativo, effettuato entro le 48 ore precedenti, non dovrà rifarlo. Il primo volo interessato sarà quello del pomeriggio di Albastar da Cuneo. «Come sempre – afferma il presidente Salvatore Ombra – in aeroporto sarà tutto pronto e ben coordinato per adempiere alla nuova procedura, d’intesa con le autorità sanitarie. Riguardo alla continuità territoriale, speriamo che non debbano esserci nuove interruzioni».

Da domani, venerdì 18 dicembre, Tayaranjet darà avvio ai voli sulla continuità territoriale dall’aeroporto di Trapani Birgi per Ancona, Perugia, Trieste e viceversa. Due saranno le frequenze settimanali. I voli sono acquistabili sul sito www.tayaranjet.com e presso le agenzie di viaggio tradizionali e online. È prevista una tariffa speciale per gli operatori sanitari, medici, infermieri, assistenti paramedici, in viaggio per motivi lavorativi inerenti la fase emergenziale. Inviando una mail a emergenzacovid@tayaranjet.com, riceveranno da Tayaranjet uno sconto pari al 50% sul prezzo del biglietto, tasse incluse.

Il 18 dicembre anche Albastar inizia i voli verso Brindisi, Napoli e Parma in Continuità territoriale. Le destinazioni si aggiungono alla programmazione di linea che il vettore ha già in partenza da Trapani Birgi, ovvero Roma, Milano Malpensa e Cuneo. I voli sono acquistabili sul sito www.albastar.es e attraverso tutti i principali GDS. Per informazioni e prenotazioni, il call center risponde al numero +39 095 311 503, mail callcenter@albastar.es.

Trapani-Brindisi e viceversa, ogni martedì e sabato, a partire dal 19 dicembre. Le tariffe da Trapani euro 50,93 (tutto incluso), da Brindisi euro 52,61 (tutto incluso). Trapani-Napoli e viceversa, ogni martedì, a partire dal 22 dicembre. Tariffe da Trapani euro 50,15 (tutto incluso), da Napoli a tratta euro 61,73 (tutto incluso). Trapani-Parma e viceversa, ogni venerdì e domenica, a partire dal 18 dicembre. Tariffe da Trapani euro 50,93 (tutto incluso), da Brindisi euro 52,61 (tutto incluso).

Le tariffe residenti, correlate alla continuità territoriale, sono totalmente rimborsabili. Esse includono un bagaglio in stiva fino a 27 chilogrammi, un bagaglio a mano di 7 chilogrammi e un articolo aggiuntivo di piccole dimensioni come borsa da donna o zainetto. Permettono il cambio nome e data senza penali e il check-in gratuito fino a 25 ore prima della partenza del volo o in alternativa in aeroporto fino a 45 minuti prima della partenza. Un’ulteriore riduzione del 10% sulle tariffe è applicabile per gli studenti universitari, i bambini al di sotto di 12 anni, gli anziani e gli invalidi. Su tutti i voli è offerto gratuitamente un servizio snack per tutti i passeggeri.

SIMG – Presidente Cricelli: “E’ necessario che i medici di famiglia siano sottoposti subito alla vaccinazione anti Covid-19”.

BRUXELLES – Martedì 15 dicembre i ministri della Salute di Italia, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Belgio, Lussemburgo – con i colleghi di Svizzera e Gran Bretagna – hanno individuato nel periodo tra Natale e Capodanno il punto chiave per partire con le prime simboliche somministrazioni del vaccino messo a punto dall’americana Pfizer e dalla tedesca BioNTech. Dall’inizio del 2021, potrà iniziare il processo di vaccinazione su larga scala. Affinché queste date vengano ufficializzate, è necessario che arrivi l’approvazione da parte dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema), la cui riunione è prevista per lunedì 21 dicembre. Le dosi del vaccino saranno consegnate direttamente dall’azienda alle Regioni, le quali in questa fase stanno calcolando il preciso fabbisogno di questo primo quantitativo di vaccini rispetto ai numeri delle prime categorie che verranno vaccinate, personale sanitario e delle RSA. In alcune regioni è già stato aperto il sito per la prenotazione da parte degli operatori sanitari.

“In questo momento la vaccinazione non è obbligatoria, ma noi stiamo lanciando un appello affinché gli operatori sanitari si vaccinino in massa, a partire dai Medici di famiglia – sottolinea il prof. Claudio Cricelli, Presidente SIMG – Effettuare il vaccino per noi medici è un obbligo morale. È molto importante per tre motivi: anzitutto, dobbiamo dare il buon esempio a tutta la cittadinanza, anche in vista della fase più difficile, in cui si dovrà convincere tutta la popolazione a vaccinarsi; in secondo luogo, è indispensabile che i medici siano protetti, perché svolgono una funzione indispensabile in un momento in cui c’è una grossa richiesta dei loro servizi; infine, un medico protetto potrebbe essere una garanzia anche nei confronti delle altre persone, auspicando che il vaccino abbia funzione anche sterilizzante, ossia in grado di distruggere il virus, oltre che neutralizzante, con cui annulla gli effetti dell’infezione e la sua evoluzione in Covid-19. Se fosse neutralizzante, a essere protetto sarebbe solo il soggetto vaccinato, mentre se fosse anche sterilizzante sarebbero protetti anche i contatti del soggetto vaccinato”.

Una vaccinazione così ampia non è mai stata effettuata nella storia. Sarà un processo impegnativo e lungo l’intero anno 2021; richiederà un’accurata pianificazione da parte dei decisori politici e uno sforzo da parte di tutto il personale sanitario. In questo quadro, il ruolo dei Medici di Medicina Generale sarà determinante, ma non strettamente legato alla stessa somministrazione del vaccino.

“In occasione del recente congresso, i medici della SIMG, interrogati se fossero disponibili a somministrare loro stessi il vaccino, hanno risposto nel 99% dei casi di essere, alle adeguate condizioni, disposti a dare il loro supporto – evidenzia il prof. Cricelli – Ma la somministrazione del vaccino anti-Covid non è l’unico compito da svolgere. Oggi più che mai essi saranno determinanti per il successo della campagna vaccinale universale informando tutti i loro pazienti, profilando i cittadini da sottoporre a Vaccinazione, osservando le reazioni vaccinali nel breve medio e lungo termine. I Medici di famiglia devono allo stesso tempo continuare a presidiare il territorio, prendersi cura dei propri pazienti in un momento molto delicato come questo, in cui sta per sopraggiungere la consueta epidemia influenzale. In questi giorni è in corso l’arruolamento di circa 20mila operatori sanitari, di cui 3mila medici, che costituiranno le unità stanziate nelle primule dove verranno effettuati i vaccini. Sarà per tutti uno sforzo incredibile: dovranno essere sottoposte a vaccinazione decine di milioni di persone. L’operazione non si limita a una semplice puntura: ogni soggetto dovrà essere esaminato per capire quali siano le sue condizioni e se siano presenti delle controindicazioni; successivamente, dovrà rimanere sotto osservazione nell’immediato per almeno 15-20 minuti; nei giorni seguenti, vi sarà un importante coinvolgimento proprio dei Medici di famiglia, che dovranno monitorare i possibili effetti collaterali caratteristici delle vaccinazioni, quali dolori o un po’ di febbre”.

La cooperativa Badia Grande dona 300 litri di olio al comune di Trapani per le famiglie bisognose

TRAPANI – La Cooperativa sociale Badia Grande ha donato all’amministrazione comunale di Trapani 300 bottiglie di olio extra vergine di oliva ricavato dalla molitura delle olive raccolte dai beneficiari del Siproimi (Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e minori stranieri non accompagnati) del Comune di Trapani nel terreno che circonda il Centro polifunzionale per l’integrazione degli immigrati, in contrada Cipponeri. La cerimonia di consegna si è svolta ieri (16 dicembre) all’interno del Centro, realizzato dal Comune con fondi ministeriali su un terreno confiscato alla mafia, che Badia Grande gestisce dal 2016 facendone un luogo di sperimentazione ed incontro tra persone provenienti da storie e culture diverse, aperto a tutta la cittadinanza”

Su ogni bottiglia è stata apposta un’etichetta con la scritta “Tesori e Tradizioni della nostra terra” ed i loghi della cooperativa Badia Grande e del Comune di Trapani.

Alla consegna erano presenti il vicesindaco e assessore ai servizi sociali del Comune di Trapani, Enzo Abbruscato, i volontari della Croce Rossa – Comitato di Trapani, Sveva Tatangelo e Giuseppe Corso, la coordinatrice dei progetti Siproimi gestiti dalla Cooperativa sociale Badia Grande, Greta Margagliotti, la responsabile del Siproimi del Comune di Trapani, Cristina Vultaggio, assieme ad una rappresentanza di beneficiari che, nel mese di novembre, hanno raccolto le olive dai 31 alberi presenti nel giardino della struttura, nell’ambito di un progetto integrativo promosso dall’equipe socio educativa della cooperativa Badia Grande.

«Non è la prima volta – spiega Greta Margagliotti, coordinatrice dei progetti Siproimi gestiti da Badia Grande – che l’équipe della Cooperativa promuove l’integrazione dei beneficiari nel territorio che li ospita facendo conoscere loro le tradizioni locali. Li abbiamo coinvolti, ad esempio, nella preparazione di alcune pietanze tipiche, come ‘mufolette’, le ‘sfince’ e le arancine. Questo progetto – aggiunge – è stato articolato in una parte teorica e in una parte pratica, con la raccolta vera e propria seguendo anche la molitura delle olive al frantoio. Abbiamo promosso, inoltre, iniziative solidali anche durante il lockdown con il progetto “Un dono da fratello a fratello” consegnando beni di prima necessità alla parrocchia Sacro Cuore».

La raccolta delle olive è durata circa 10 giorni e sono stati coinvolti complessivamente 11 beneficiari. «I beneficiari sono stati informati della finalità sociale che aveva la raccolta – racconta Cristina Vultaggio, responsabile del Siproimi del Comune di Trapani – e si sono offerti volontariamente di dare il proprio contributo con tanta dedizione; ho anche dovuto organizzare dei turni perché volevano partecipare tutti, perché sentivano davvero che stavano facendo qualcosa di utile per gli altri».

«Trapani è anche questa, non solo quella delle recenti cronache – sottolinea l’assessore ai servizi sociali Enzo Abbruscato – La donazione di questo olio è la dimostrazione che da un bene confiscato alla mafia può germogliare la solidarietà, innescando una catena umana che arriva fino a chi ne ha più bisogno. Ringrazio la cooperativa Badia Grande e soprattutto i beneficiari, autori di questo bel gesto, e la Croce Rossa che riceve materialmente l’olio portandolo, tramite l’iniziativa ‘Carrello Solidale’, direttamente sulle tavole dei cittadini trapanesi in difficoltà economica».

«Sempre più persone hanno bisogno e chiedono aiuto – dice Sveva Tatangelo, volontaria della CRI – stiamo ritornando al periodo del lockdown con tanta gente che non lavora e che non ha ricevuto ancora i soldi della cassa integrazione E’ una condizione inaspettata, difficile da affrontare che costringe chi avrebbe potuto trascorrere un Natale con tutti i confort, se non ci fosse stata la pandemia, a chiedere aiuto. Per fortuna che l’aiuto arriva da parte dei concittadini ed oggi anche da parte di questi ragazzi che vengono da lontano e che hanno deciso di dare una mano alla città di Trapani che li sta accogliendo. E questo è un gesto bellissimo!»

In libreria “Beethoven. La straordinaria complessità di un genio” di Rocco Di Campli

PISA – Nell’anniversario della nascita a Bonn (16 dicembre 1770) di Beethoven esce in libreria un libro di Rocco Di Campli a lui dedicato.

Ludwig Van Beethoven fu, secondo l’opinione di molti, il più grande musicista di tutti i tempi. Il suo contributo fu inestimabile, la parabola artistica inseparabile dal suo percorso umano.

Beethoven fu il primo musicista “indipendente” della storia. Compose per sé, non per i committenti, e per esprimere i palpiti segreti dell’anima. Ponendo se stesso al centro della propria opera, divenne una figura eroica, riversando nella musica i propri affanni personali e trasformandoli in un messaggio di pace e di speranza universale.

Questo volume è un viaggio per accostarci a Beethoven, scandagliandone l’animo e le sfaccettature della complessa personalità. A partire dalla descrizione delle caratteristiche fisiche, attraverso la ritrattistica e le testimonianze di personaggi coevi (come Rossini), conosceremo il Maestro affrontando vari aspetti della sua esistenza: il quadro storico, le vicende politiche, gli amori, le amicizie, il coinvolgimento con gli ideali illuministi, gli slanci emotivi e gli influssi sui futuri romantici.

Rocco Di Campli, ingegnere meccanico, coltiva da sempre la sua passione per la musica sinfonica. La storia e la musica di Beethoven lo hanno coinvolto da sempre, fino a farlo diventare un profondo esperto. Ha tenuto conferenze sulla figura del grande musicista.

Programmata una missione a Trapani per un incontro della commissione antimafia regionale e i rappresentanti istituzionali attivi nell’azione di contrasto alla mafia

PALERMO – L’on Claudio Fava del Gruppo Misto all‘Ars ha dichiarato: “Quanto sta emergendo dall’attività di indagine della magistratura e delle forze dell’ordine nel trapanese, ultima in ordine di tempo la vicenda che riguarda il sindaco di Calatafimi, è elemento di grave e profonda preoccupazione. Se le eventuali responsabilità penali dovranno essere accertate in sede processuale, quello che già adesso traspare chiaramente è un’inquietante familiarità nei rapporti tra amministratori locali ed esponenti delle cosche: un comportamento che mostra una permeabilità delle istituzioni e rafforza il prestigio dei boss mafiosi in un territorio.
Come commissione antimafia regionale riteniamo essenziale un approfondimento su quanto sta avvenendo e, per questo, la commissione ha deliberato, alla ripresa delle attività nel nuovo anno, una missione a Trapani per incontrare i rappresentanti istituzionali attivi nell’azione di contrasto e di indagine, sindacati e le associazioni territoriali”.