Monthly Archives: Gennaio 2022

Partanna, ufficializzato il gruppo consiliare del Partito Democratico

‏PARTANNA – Nella seduta odierna (31 gennaio) del consiglio comunale di Partanna è stato ufficializzato il gruppo consiliare del PD. “Ne fanno parte – rende noto il segretario del circolo Michele Gullo – la consigliera Battaglia e il consigliere Crinelli. La rappresentanza dei due consiglieri comunali democratici è un chiaro segnale alle forze politiche di Partanna che il partito è unito e soprattutto vivo”. Soddisfatto il segretario Gullo: “Da tempo auspicavo questa scelta”.

Di seguito si riporta quanto comunicato nell’ultima seduta consiliare (31/01/2022):

“Noi sottoscritti Consiglieri Comunali Battaglia Valeria e Francesco Crinelli comunichiamo la costituzione, a far data da oggi, del gruppo consiliare del Partito Democratico.

In seguito al pronunciamento del direttivo dell’Associazione Cambia Partanna, che ha scelto di non associare in nessun modo l’attività della suddetta Associazione a quella di qualsivoglia gruppo consiliare, abbiamo deciso di costituire un nuovo gruppo nell’ambito della formazione politica nella quale troviamo naturale posizionamento e nella quale rivestiamo ruoli dirigenziali.

L’esperienza civica della lista Crinelli Sindaco, che ha portato all’elezione in consiglio comunale di 5 esponenti aventi estrazione politica diversa, uniti da un progetto comune, farà naturalmente parte del bagaglio che ci porteremo in questa nuova fase del nostro impegno politico, che cambia nella forma ma certamente non nella sostanza.

A margine di questo passaggio formale è doveroso un ringraziamento ai colleghi consiglieri Bianco e Traina, con i quali in questi tre anni e mezzo è stata condivisa l’esperienza del gruppo Cambia Partanna e con i quali continueremo naturalmente a collaborare nell’ambito della minoranza consiliare”.

Coronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di lunedì 31 gennaio 2022

TRAPANICoronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di lunedì 31 gennaio 2022.

I casi attuali positivi sono 10514 (il dato è al netto di decessi e guarigioni) così distribuiti:

Alcamo 1134; Buseto Palizzolo 26; Calatafimi-Segesta 230; Campobello di Mazara 276; Castellammare del Golfo 547; Castelvetrano 633; Custonaci 198; Erice 626; Favignana 58; Gibellina 133; Marsala 1570; Mazara del Vallo 1668; Misiliscemi: 72; Paceco 243; Pantelleria 154; Partanna 172; Petrosino 124; Poggioreale 19; Salaparuta 45; Salemi 319; Santa Ninfa 151; San Vito Lo Capo 172; Trapani 1516; Valderice 410; Vita 18.

deceduti 519.

guariti   34524.

Ricoverati in Terapia Intensiva: 7.

Ricoverati in Terapia semiintensiva: 16.

Ricoverati in degenza ordinaria: 98.

Ricoverati in Rsa e Covid hotel: 21.

Tamponi molecolari effettuati: 605.

Tamponi per la ricerca dell’antigene: 4309.

Limiti al Superbonus 110%, Cutrone scrive ai parlamentari eletti in Sicilia

PALERMO – Il presidente dell’Ance Sicilia, Santo Cutrone, ha scritto a tutti i parlamentari nazionali eletti in Sicilia chiedendo loro di adoperarsi, nelle commissioni di merito e in Aula, affinché siano subito sbloccate le piattaforme per la cessione dei crediti fiscali di Cassa depositi e prestiti e di Poste Italiane e sia soprattutto bocciata la modifica al Superbonus 110% introdotta dal governo nazionale, che per prevenire il ripetersi di truffe prevede una sola possibilità di cessione dei crediti fiscali.

“Da quando si è saputo di questa modifica, nonostante ancora non sia convertita in legge – riferisce Cutrone – le banche, gli intermediari finanziari, Cassa depositi e prestiti e Poste Italiane hanno bloccato tutto, i cantieri aperti si sono dovuti fermare e non se ne possono aprire di nuovi. La formidabile spinta alla ripresa che era stata impressa dal Superbonus 110% si è così esaurita”.
“Il governo nazionale – prosegue Cutrone – piuttosto che affrontare seriamente il problema come aveva proposto l’Ance, ha preferito limitare frettolosamente il Superbonus 110% prevedendo questa enorme sciocchezza che sta solo producendo un disastro per le imprese serie e per l’occupazione”.
Il presidente di Ance Sicilia nella nota illustra la drammatica situazione: “Le imprese fanno la fila davanti alle banche,agli intermediari finanziari, alle Poste e a Cdp, trovando la porta chiusa; non si aprono più nuovi cantieri e i lavori in corso si fermano perché le opere eseguite non potranno essere pagate. Infatti, le banche e gli intermediari finanziari, non potendo più cedere, a loro volta, i crediti fiscali a operatori specializzati, non intendono tenerseli in pancia per anni e, quindi, non accettano più di acquisire crediti fiscali ceduti dalle imprese. Le quali, a loro volta, non possono più praticare lo sconto in fattura ai clienti. Anche in Sicilia il boom di cantieri con il Superbonus 110% si è sgonfiato: la maggior parte delle imprese si è fermata ed è costretta a licenziare il personale che aveva assunto”.
“Oggi – sottolinea Cutrone – l’unica possibilità immediata in attesa dell’iter parlamentare resta quella di cedere i crediti fiscali alle piattaforme create appositamente da Cassa depositi e prestiti e da Poste Italiane che, essendo Stato, non avrebbero problemi a tenersi in pancia tali crediti, ma le piattaforme sono incredibilmente bloccate. Occorre sbloccarle subito!”.
Cutrone conclude l’appello ai parlamentari: “Le truffe non si fermano così. L’unico strumento valido ed efficace è quello che avevamo proposto: istituire un albo di imprese serie e qualificate che certamente non si espongono a simili pratiche illegali, e intensificare i doverosi controlli preventivi da parte dello Stato. I problemi esistono nel nostro Paese, ma vanno risolti con strumenti tecnici idonei, non con colpi di spugna”.

Petrosino, finanziato l’acquisto di una Casetta Mangiaplastica

PETROSINO – A Petrosino verrà installata una Casetta Mangiaplastica che consentirà di migliorare ulteriormente la raccolta differenziata sul territorio comunale. L’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Gaspare Giacalone ha, infatti, ottenuto un finanziamento di 30 mila euro concesso dal Ministero della Transizione Ecologica nell’ambito del Programma Sperimentale “Mangiaplastica” avviato nel 2021.

Con le risorse ministeriali, dunque, verrà acquistato e installato un eco-compattatore che favorirà la raccolta selettiva dei rifiuti e il riciclo in un’ottica di economia circolare. “Ancora una volta la nostra Amministrazione ha ottenuto un finanziamento grazie all’attento e preciso monitoraggio di tutte le opportunità che a più livelli si sono presentate per la nostra comunità”, evidenzia l’Assessore all’Ecologia, Roberto Angileri. Che aggiunge: “In questo caso, grazie alle risorse ottenute dal Ministero potremo sviluppare ulteriormente l’azione amministrativa a tutela dell’ambiente e migliorare il nostro servizio di raccolta dei rifiuti, che già in questi anni ha raggiunto risultati straordinari toccando, di fatto, l’80% di differenziata”.

La Casetta Mangiaplastica verrà installata ed entrerà in funzione entro tre mesi.

Fondi PNRR per la sanità siciliana, domani all’Ars audizione dell’ass. Razza in Commissione salute

PALERMO – “La situazione dei Fondi del PNRR destinati alla sanità siciliana è troppo importante per essere gestita in modo personale. È per tale motivo che domani (1 febbraio), in Commissione salute all’Ars, Forza Italia – per tramite dell’on. Margherita La Rocca Ruvolo, Presidente della Commissione, che ringrazio – ha richiesto una specifica audizione dell’Assessore al ramo Ruggero Razza, affinché chiarisca come intende procedere per la programmazione di tali fondamentali risorse. Un passaggio dovuto, che Forza Italia chiede con urgenza, visto che ad oggi né il Parlamento siciliano, né i sindaci né gli addetti ai lavori, sono stati minimamente coinvolti, neanche per un parere; neanche per chiedere quali siano le reali esigenze territoriali. Anche io sarò presente all’audizione, perché la sanità locale non può continuare ad essere ripetutamente ignorata o mortificata. E’ in balia di sé stessa. I cittadini chiedono risposte”. Lo afferma la deputata di Forza Italia all’Ars, Daniela Ternullo, in prima linea per il contrasto alle molteplici criticità in cui versa il sistema sanitario locale.

Due persone denunciate per violazione della quarantena e una pizzeria chiusa dopo i controlli dei carabinieri

TRAPANI – Resta sempre alta l’attenzione che i Carabinieri del Provinciale di Trapani prestano nel corso dei servizio di controllo del territorio al fine di verificare il rispetto della vigente normativa per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.
In particolare, nei giorni scorsi, un 38enne residente a Trapani e un 77enne di Partanna sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per le ipotesi di reato di mancata osservanza delle leggi sanitarie e inosservanza delle misure di contenimento epidemiologico. Infatti i due, nonostante la positività al virus Covid-19, avrebbero violato la quarantena fiduciaria. Il 77enne è stato sorpreso dai Carabinieri della Stazione di Partanna all’esterno della propria abitazione senza giustificato motivo mentre il 38enne, allontanatosi a bordo della propria autovettura, non ha ottemperato all’alt imposto dai militari dell’Arma nel corso di un servizio di controllo alla circolazione stradale. Lo stesso è stato rintracciato poco dopo presso la propria abitazione. Nello stesso contesto operativo, il 38enne è stato anche sanzionato amministrativamente a causa della mancata copertura assicurativa del veicolo su cui viaggiava oltre che per non essersi fermato all’alt.
Sempre a Trapani, i Carabinieri della locale Stazione hanno proceduto ad un controllo presso una pizzeria il cui proprietario è stato trovato privo di green pass. All’uomo sono state notificate sia la sanzione pecuniaria di 400 euro che la sanzione accessoria della sospensione dell’attività commerciale per 2 giorni.

Moltivolti, incendio nella notte devasta il ristorante simbolo di Ballarò

PALERMO – Incendio a Moltivolti, un vero colpo al cuore per tutto lo staff, i soci e la comunità dell’impresa sociale che da anni lavora nel quartiere di Ballarò, ad un passo da piazza Santa Chiara.

I soci di Moltivolti, punto di riferimento con le loro attività sociali per l’intero quartiere, hanno dato incarico a un perito per indagare sulle origini dell’incendio. Si esclude ogni causa dolosa ma i danni sono ingenti e potrebbe essere a rischio il futuro del ristorante che in questo momento ha in organico 35 dipendenti e un progetto di comunità che coinvolge molte più persone.

Arredi, tavoli, sedie, impianti, macchinari e le opere del pittore Igor Scalisi Palminteri sono pesantemente danneggiati, ma è ancora troppo presto per una stima completa dei danni. Nell’attesa di una relazione ufficiale da parte dei vigili del fuoco è già partita la maratona di solidarietà da parte di associazioni, privati, amici, istituzioni e clienti del ristorante.

“Siamo sconvolti da quanto accaduto stamane, un risveglio davvero orribile, ma come sempre la nostra comunità ci sorprende con un sostegno immediato e straordinario – dichiara Claudio Arestivo, a nome dei soci di Moltivolti. Dalle prime ore del mattino siamo stati inondati di messaggi di solidarietà da parte di tantissime persone per cui Moltivolti rappresenta molto di più che un semplice ristorante. Non sentirci soli ci aiuta ad affrontare questo terribile evento. Al momento la priorità è riuscire a tutelare i nostri lavoratori e la comunità. L’urgenza è quella di riaprire prima possibile e rimetterci all’opera. Un realtà come Moltivolti non può permettersi di aspettare tempi tecnici troppo lunghi per le riapertura, perché a rischio c’è il futuro di molte persone. In un momento drammatico in cui la crisi economica attanaglia tutti noi rimanere chiusi per mesi sarebbe disastroso”.

Parte così la raccolta fondi promossa dalla rete di Libera.

“Per consentire un recupero immediato dell’attività lavorative e sociali di Moltivolti con la rete di Libera abbiamo deciso di far partire immediatamente una raccolta fondi – Carmelo Pollichino, Presidente Libera Palermo – per convogliare la solidarietà di tutte la rete dei sostenitori, fatta di associazioni, enti privati e singoli cittadini che in queste ore hanno dimostrato grande attenzione per l’accaduto”.

Al momento è possibile donare sul conto corrente di Libera Palermo che ha sede nel coworking di Moltivolti.

CONTO CORRENTE: Libera Palermo
IBAN: IT27J0501804600000011253176
FILIALE: Banca Popolare Etica Palermo
CAUSALE: Sostegno Moltivolti Palermo

25enne con precedenti per furto viola la misura cautelare: arrestato

CASTELVETRANO – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castelvetrano hanno arrestato un 25enne originario di Palermo.
L’uomo, già sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza per pregressi reati contro il patrimonio, nel mese di dicembre scorso era stato arrestato dai Carabinieri di Castelvetrano per il furto di alcuni televisori dal locale Ospedale, prontamente rinvenuti e restituiti agli aventi diritto.
Durante la convalida dell’arresto, la competente Autorità Giudiziaria aveva sottoposto l’uomo alla misura cautelare dell’obbligo di dimora che, tra l’altro, imponeva al 25enne di permanere in casa dalle 20 e le 7 del giorno dopo.
Tuttavia l’uomo, durante alcuni servizi posti in essere da militari dell’Arma, non è stato trovato in abitazione in più circostanze, per tale motivo l’Autorità Giudiziaria ha emesso un’ordinanza di aggravamento predisponendo gli arresti domiciliari per il 25enne con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Sergio Mattarella è stato rieletto Presidente della Repubblica. Le pronte felicitazioni del Circolo Democratico di Partanna

ROMASergio Mattarella è stato rieletto stasera (29 gennaio) presidente della Repubblica con 759 voti (a fronte din un quorum di 505). Il segretario del Pd di Partanna ha prontamente emesso il seguente comunicato di felicitazione:

“Il Presidente della Repubblica Italiana è nuovamente Sergio Mattarella. È il miglior scenario e la migliore figura possibile per distacco. Va detto senza timori, è un grande sospiro di sollievo per il Paese, che fino a poche ore fa rischiava di ritrovarsi con nomi di ben altra risma.

Una sconfitta della politica, incapace in sette anni di trovare un nome alternativo e costretta ad andare a chiedere con la coda tra le gambe la disponibilità all’unica grande figura istituzionale che forse abbiamo oggi in Italia. Un miracolo, di questi tempi.

Abbiamo assistito ad una triste e al contempo buffa pantomima dei leader della destra italiana, uscita da questi giorni spaccata, umiliata, divisiva, senza un reale programma e/o serietà istituzionale.

Il Segretario del Circolo Michele Gullo fa notare che ‘Il PD è rimasto saldo, anche grazie all’azione del segretario Letta con la sua esperienza, determinazione e responsabilità. Il partito è riuscito a essere quella forza politica che porta avanti con serietà le scelte istituzionali, senza dover quindi scadere in scenari da cabaret in parlamento al solo scopo di “mostrare i muscoli” ai propri alleati e avversari. Il Partito Democratico si rivela ancora una volta un punto di riferimento per quegli italiani che credono nei valori democratici, nelle istituzioni e in una politica corretta a favore dei cittadini’.

In tanti dovremmo oggi alzarci in piedi e dire grazie al Presidente per questo suo senso delle istituzioni e di responsabilità nei confronti del popolo italiano”.

Il Circolo del Partito Democratico di Partanna

I sindaci: “La disponibilità del Presidente Mattarella è un gesto grande per lo Stato, di amore per il Paese”

ROMA – “La disponibilità del Presidente Mattarella a un nuovo mandato è un gesto di amore per il Paese, per l’unità dell’Italia e la coesione delle Istituzioni democratiche. I Sindaci e le comunità dei territori montani lo ringraziano, come già abbiamo fatto in tante occasioni, con autentica stima e senza retorica, le ultime il 9 dicembre 2021 al Quirinale in occasione della Giornata della Montagna e il 13 dicembre scorso in occasione del messaggio che il Capo dello Stato ha rivolto all’Assemblea Uncem. In tante occasioni nell’ultimo settennio, Sergio Mattarella è sempre stato una luce in mezzo a diversi momenti di fragilità delle Istituzioni, come quelli vissuti in questi ultimi giorni. Grazie Presidente, perché ha sempre creduto e siamo certi continuerà a credere nelle Autonomie locali e nei Sindaci, asse portante della Repubblica”.

Lo afferma Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem, Unione Comuni, Comunità ed Enti montani.