Monthly Archives: Dicembre 2022

Castelvetrano. Vietati i botti di Capodanno. Firmata l’ordinanza

CASTELVETRANO – Considerata la diffusa consuetudine di festeggiare la notte del Capodanno, con lancio di petardi, botti e artifici pirotecnici di vario genere, che possono cagionare infortuni e danni gravi ed irreparabili a persone, animali e cose, il sindaco della città di Castelvetrano, dott.Enzo Alfano ha disposto, con propria ordinanza (n. 58 del 29/12/2022) il divieto di utilizzo di petardi, botti e materiale pirotecnico di qualsiasi tipologia su tutto il territorio comunale.

E’ infatti evidente il pericolo per la pubblica incolumità di persone e animali, causato dall’esplosione di tali dispositivi, che possono provocare inoltre danni al patrimonio monumentale, inquinamento acustico, innesco di incendi.

È fatto divieto, fino alla mezzanotte del 06.01.2023, di usare o portare con sé nei luoghi pubblici o aperti al pubblico materiale esplodente, accendere fuochi, esplodere petardi e simili artifici, nei luoghi pubblici o privati appartenenti a terzi, fatto salvo ove vi siano regolari autorizzazioni ai sensi e per gli effetti delle norme vigenti. Prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 a € 500,00, e contestuale confisca degli articoli pirotecnici.

Regolamentazione delle emissioni acustiche e sonore, divieto di vendita e somministrazione di bevande alcooliche e superalcooliche fino al 31 gennaio 2023

PARTANNA – Con ordinanza n. 51 del 30 dicembre 2022, il sindaco di Partanna, Nicolò Catania stabilisce il divieto di vendita e somministrazione di bevande alcooliche e superalcooliche fino al 31 gennaio 2023.

Il provvedimento si rende necessario alla luce del fatto che in città è presente un cospicuo numero di pubblici esercizi e locali di intrattenimento che attraggono un rilevante numero di frequentatori e che anche in concomitanza con il progressivo venir meno delle restrizioni legate all’emergenza epidemiologica, si registra una crescita della movida e dei suoi effetti che possono in alcuni casi tradursi in episodi di disturbo della quiete pubblica, atti di vandalismo e risse; il primo cittadino, preso atto di quanto emerso nella seduta del Comitato Provinciale dell’Ordine e Sicurezza Pubblica del 15 giugno 2022, alla presenza dei vertici provinciali delle Forze dell’ordine e di tutti i sindaci del territorio, ha adottato l’ordinanza includendo oltre ad aspetti di sicurezza urbana, anche la regolamentazione delle emissioni sonore nei pubblici esercizi, nei luoghi pubblici e nei locali di intrattenimento; il tutto è utile anche ad evitare l’abbandono al suolo di bottiglie, e in genere di contenitori di vetro e di lattine, che costituisce pericolo per l’incolumità pubblica, specie quelli frantumati che possono causare gravi lesioni personali, oltre a costituire elemento di degrado del decoro urbano.

In tutto il territorio comunale, pertanto, fino al 31 gennaio, dalle ore 23 fino alle ore 6 successive, è vietata la vendita e la somministrazione – sia in forma fissa che itinerante – nonché la detenzione e il consumo in luogo pubblico di bevande alcoliche e superalcoliche, in contenitori in vetro e non, anche se dispensate da distributori automatici. Il divieto non si applica all’interno dei locali e degli spazi pubblici legittimamente occupati dagli esercizi autorizzati di pubblica somministrazione.

Regolamentata anche la diffusione della musica sia all’interno degli esercizi pubblici che all’aperto. La violazione dell’Ordinanza è soggetta alle sanzioni amministrative previste dall’art 7 bis del D.Lgs 267/2000.

ord. 51 del 30 dic.2022 atto originale

Violenza di genere. Denunciato per atti persecutori un 27enne di Partanna

PARTANNA – I Carabinieri della Stazione di Partanna, al termine di mirata attività di indagine, hanno denunciato in stato di libertà un 27enne del posto, nei cui confronti sono emersi gravi indizi di colpevolezza in relazione all’ipotesi di reato di atti persecutori.

In particolare, i Carabinieri avevano avviato delle attività investigative, svolte sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Marsala con le modalità stabilite dal “Codice Rosso”, a seguito della denuncia sporta da una giovane con cui il 27enne aveva intrattenuto una relazione di tipo sentimentale.

Secondo quanto ricostruito dai militari dell’Arma, l’uomo avrebbe iniziato a molestare la donna a seguito dell’interruzione della loro relazione, avvenuta nel mese di dicembre del 2019. Da allora, le presunte condotte di tipo persecutorio attuate dal 27enne, tra cui appostamenti, pedinamenti, nonché continue telefonate e innumerevoli messaggi ad ogni ora del  giorno e della notte, avrebbero indotto la vittima in uno stato di ansia e paura per la propria incolumità, fino alla decisione di rivolgersi ai Carabinieri della Stazione per la risoluzione della delicata vicenda.  

Le indagini dei Carabinieri proseguono al fine di raccogliere ulteriori riscontri investigativi.

Bilancio delle attività del N.A.S. di Palermo nel 2022

PALERMO – Nel corso dell’anno 2022 sono stati numerosi gli impegni dei Carabinieri del N.a.s. di Palermo, svolti unitamente ai Comandi territoriali dell’Arma delle province di Palermo, Trapani ed Agrigento, che hanno visto un incremento delle attività di controllo e monitoraggio nonché una intensificazione degli interventi, sia nel settore alimentare che sanitario, allo scopo di prevenire e reprimere condotte illecite e vigilare sul rispetto delle normative a tutela della salute dei cittadini.

Nel corso di questi 12 mesi i militari hanno ispezionato 1.186 strutture ed esercizi, contestato 245 sanzioni penali e 533 sanzioni amministrative per complessivi 560mila euro circa, segnalato 173 persone all’Autorità Giudiziaria e 378 alle competenti Autorità amministrative e sanitarie, nonché posto sotto sequestro prodotti alimentari e sanitari per circa 992 tonnellate, procedendo altresì alla chiusura di 58 strutture.

Particolarmente numerose sono state, nel corso delle diverse campagne nazionali disposte dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, le attività ispettive svolte, sia in ambito sanitario in relazione alle verifiche per la corretta esecuzione dei tamponi e analisi antigeniche per la ricerca del Covid-19, presso i punti prelievo delle farmacie e centri di analisi, sui presidi sanitari, in particolare sui pronto soccorsi stagionali attivi nel periodo estivo e presso studi odontoiatrici e centri estetici, sia nel campo della tutela alimentare, con controlli nel settore della filiera del latte e dell’olio d’oliva, nella produzione vitivinicola o delle conserve alimentari, della ristorazione etnica e delle mense scolastiche nonché recentemente sulla prevenzione del rischio da contaminazione del batterio “Listeria” negli alimenti, solo per citarne alcune.

Prioritari sono state inoltre le attività mirate alla tutela del benessere degli anziani, nel corso delle quale, sono state controllate 178 strutture socio-assistenziali, riscontrando violazioni in 67 di queste.

Non meno importante, sul versante delle indagini di polizia giudiziaria, l’attività investigativa nel campo dei concorsi universitari, che ha portato l’Autorità Giudiziaria palermitana all’emissione di ordinanza di custodia cautelare, eseguita l’8 aprile scorso, a carico di 2 sanitari ed all’emissione di 11 provvedimenti di interdizione dai pubblici uffici nonché al deferimento in stato di libertà di 21 persone.

Divieto di utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici sul territorio comunale

PARTANNA – È sempre in vigore l’ordinanza sindacale n. 22 del 31/12/2021 con cui il sindaco di Partanna, Nicolò Catania, dispone il divieto di utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici sul territorio comunale. Mai abrogato, il provvedimento evidenzia che l’utilizzo di simili prodotti provoca ogni anno, anche a livello nazionale, infortuni di grave entità e l’accensione e il lancio di fuochi d’artificio, come lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti e il lancio di razzi, determinano oltretutto disturbo alla quiete e alla tranquillità dei cittadini, e si rilevano dannosi sia per gli animali domestici sia per i volatili che tradizionalmente vivono nell’ambiente urbano.

L’Amministrazione comunale, che non ritiene sufficiente il ricorso ai soli metodi coercitivi, intende appellarsi al senso di responsabilità

individuale e alla sensibilità collettiva, e pertanto invita i cittadini a privilegiare comunque l’impiego di prodotti meno invasivi e pericolosi, quali effetti scenici gradevoli e meno dirompenti. Nella propria ordinanza il sindaco vieta di fare esplodere botti e/o petardi di qualsiasi tipo nei luoghi di aggregazione o in tutti quelli affollati, coperti o scoperti, pubblici o privati, nelle aree a rischio di propagazione degli incidenti, nei pressi di scuole, condomini, ospedali, luoghi di culto, uffici pubblici e ricoveri di animali, e negli spazi pubblici quali parchi, piazze, strade dove transitano o siano presenti delle persone, fatto salvo ove vi siano regolari autorizzazioni ai sensi e per gli effetti delle norme vigenti.
La violazione della stessa ordinanza comporta l’applicazione delle sanzioni amministrative previste, di un importo compreso da € 25,00 ad € 500,00, il sequestro del materiale pirotecnico utilizzato o illecitamente detenuto, fatte salve, eventuali e ulteriori sanzioni penali e amministrative disposte dalla legge n. 689/1981.

Coronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di venerdì 30 dicembre 2022

TRAPANICoronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di venerdì 30 dicembre 2022.‍‌

I casi attuali positivi sono 1341 (il dato è al netto di decessi e guarigioni) così distribuiti:

Alcamo 111; Buseto Palizzolo 11; Calatafimi-Segesta 17; Campobello di Mazara 29; Castellammare del Golfo 33; Castelvetrano 59; Custonaci 20; Erice 131; Favignana 10; Gibellina 13; Marsala 258; Mazara del Vallo 105; Misiliscemi: 45; Paceco: 66; Pantelleria 15; Partanna 40; Petrosino 18; Poggioreale 2; Salaparuta 8; Salemi 18; San Vito Lo Capo 4; Santa Ninfa 6; Trapani 264; Valderice 54; Vita 4.

deceduti 803.

guariti 156210.

Ricoverati in Terapia Intensiva: 2.

Ricoverati in Terapia semiintensiva: 6.

Ricoverati in degenza ordinaria: 37.

Ricoverati in Rsa e Covid hotel: 4.

Tamponi molecolari effettuati: 132.

Tamponi per la ricerca dell’antigene: 238.

Approvato il bilancio consolidato del Comune. Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl: “Finalmente possibile stabilizzazione dei precari”

CASTELVETRANO – “Con l’approvazione del bilancio consolidato da parte del consiglio comunale e la conseguente fuoriuscita dal dissesto finanziario, dal primo gennaio 2023 si aprirà per i lavoratori precari del comune di Castelvetrano una fase storica e non più rinviabile per riconoscere, dopo tanti anni di lavoro svolto con professionalità, competenza e abnegazione, l’agognata stabilizzazione dell’intera platea dei lavoratori interessati e così sanare la terribile ferita del precariato nelle pubbliche amministrazioni e dare finalmente la giusta dignità a quei lavoratori che hanno assicurato, nonostante la precaria condizione di lavoro, importanti servizi istituzionali a beneficio della collettività di Castelvetrano”.

Ad affermarlo i segretari di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl Trapani Caterina Tusa, Francesca Todaro, Rosario Genco e Giorgio Macaddino, che hanno già inviato una richiesta di incontro con il sindaco del comune castelvetranese per chiedere un incontro immediato per potere definire l’iter procedurale per la stabilizzazione dei 225 lavoratori precari “al fine di valorizzare le professionalità acquisite dal personale con rapporto di lavoro a tempo determinato in attuazione dell’art. 20, comma 1 del D. Lgs n.75/2017 e, dunque, procedere alla stabilizzazione di ciascun lavoratore nella categoria professionale di attuale appartenenza”.

Arrestati presunti autori di furti in abitazioni e su autovetture

TRAPANI – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Trapani e gli Agenti della Polizia di Stato della Questura di Trapani, la scorsa settimana, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari, su richiesta della Procura della Repubblica di Trapani, nei confronti di due pregiudicati trapanesi di 35 e 40 anni, presunti responsabili di numerosi episodi di furti su autovetture ed in abitazioni private.
Il provvedimento scaturisce da articolate indagini eseguite dai militari della Compagnia di Trapani e della Squadra Mobile della Questura di Trapani, a fronte del recrudescente fenomeno dei reati predatori commessi nel Capoluogo e nei comuni di Paceco, Valderice e Misiliscemi, dal mese di maggio al mese di ottobre 2022.
Le attività investigative hanno consentito di raccogliere, attraverso la minuziosa analisi delle immagini tratte dai sistemi di videosorveglianza nonché mediante l’escussione di testimoni e vittime, gravi indizi di colpevolezza a carico degli indagati, risultati presunti autori di 5 furti in abitazione, 2 furti con strappo e 2 furti su autovettura, nel corso dei quali si sarebbero impossessati di denaro contante e monili in oro, recando danni evidenti alle auto ed alle case prese di mira.
In occasione di quattro episodi, gli agenti della Polizia Scientifica erano riusciti ad isolare le impronte digitali di uno dei due presunti autori dei furti, rilevate nel corso dei sopralluoghi effettuati nelle abitazioni.
Espletate le formalità di rito gli arrestati sono stati associati alla casa circondariale Pietro Cerulli di Trapani.

Erice saluta il nuovo anno con una grande festa al borgo e un forte messaggio di pace

ERICE – A partire dalle 19.00 del 31 dicembre fino a tarda serata sarà possibile ammirare una suggestiva installazione artistica, firmata da Nicola Augugliaro, negli spazi dell’Istituto Blackett-San Domenico della Fondazione Ettore Majorana e del Centro di Cultura Scientifica di Erice, fondata nel 1963 dal fisico Antonino Zichichi, e da allora frequentata da Nobel e scienziati di tutto il mondo. Attraverso pannelli illustrativi, foto d’archivio, pagine di giornali e cimeli, luci, colombe, racconti, musiche sarà ricostruito mezzo secolo di attività della fondazione che, di fatto, ha determinato la rinascita di Erice sotto l’egida della cultura scientifica internazionale. Sarà possibile fare un viaggio nella storia di questo luogo inteso come “Culla di Pace”.
Qui novantamila scienziati di tutto il mondo hanno sottoscritto il ‘manifesto di Erice’. L’appello è stato sottoscritto per la prima volta nel 1982 dal presidente del Centro di Cultura Scientifica “Ettore Majorana”, Antonino Zichichi, insieme a due tra i maggiori esponenti della fisica del XX secolo, Paul Dirac e Piotr Kapitza. Il documento è rivolto ai potenti della Terra per la diffusione di una scienza senza barriere ideologiche, politiche e razziali. Una scienza senza frontiere, né segreti, ma al servizio dell’uomo e della pace. Proprio lo spirito di questo manifesto spinse in quegli anni il capo del governo italiano a proporre Erice come sede dei colloqui di pace tra Israele e Palestina.
Ai visitatori verrà offerto un bicchiere di bollicine di spumante al fine di brindare al nuovo anno e riflettere sulla pace, così fortemente offesa dagli ultimi avvenimenti internazionali. A Erice per l’ultimo dell’anno si dice no alla guerra, alle armi, al razzismo, e sì alla pace, alla vita e all’accoglienza dell’altro.
L’evento è organizzato dalla Fondazione Ettore Majorana e dal Centro di Cultura Scientifica di Erice.

La notte di Capodanno, sarà festeggiata con l’attesa della mezzanotte in Piazza della Loggia, nell’ambito delle iniziative di “EricèNatale”, organizzate dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte con il sostegno de I Borghi più belli d’Italia e la Funierice, in collaborazione con associazioni ed enti del territorio.
Con il borgo illuminato a festa con il grande albero di Natale, nella notte più festosa dell’anno, Erice darà il benvenuto al nuovo anno con il ritmo degli Ottoni Animati e la selezione musicale di Alberto Anguzza.

Gli Ottoni Animati animeranno Piazza della Loggia trasformandola in una discoteca a cielo aperto, con il loro sound inconfondibile. La lunga notte sarà accompagnata dalla selezione musicale di Alberto Anguzza, frontman degli Ottoni Animati.