KLEOS - sabato, 3 Settembre 12:04

Concerto-tributo a Modugno nelle cale di Marettimo e Levanzo e il pubblico sta in barca

ISOLE  EGADI – Il format è originalissimo: i musicisti suonano sulle rocce e il pubblico assiste al concerto dalle barche ormeggiate in rada nella cala. Marettimo e Levanzo, due delle tre isole Egadi, tornano protagoniste della grande musica col concerto “Nel blu dipinto di blu”, un tributo dedicato al cantautore Domenico Modugno. Martedì, ore 18,30, […]

ISOLE  EGADI – Il format è originalissimo: i musicisti suonano sulle rocce e il pubblico assiste al concerto dalle barche ormeggiate in rada nella cala. Marettimo e Levanzo, due delle tre isole Egadi, tornano protagoniste della grande musica col concerto “Nel blu dipinto di blu”, un tributo dedicato al cantautore Domenico Modugno. Martedì, ore 18,30, prima tappa a Scalo Maestro (sotto il Castello di Punta Troia) a Marettimo e mercoledì si replica a Cala Fredda di Levanzo. L’idea del concerto è di Filippo Peralta ed è promosso dalla Pro Loco Isole Egadi, col patrocinio del Comune di Favignana: un format già sperimentato con successo lo scorso anno col tributo a Ennio Morricone. Quest’anno il concerto sarà dedicato, invece, a Domenico Modugno, con Gino De Vita alla chitarra e arrangiamenti, Roberto Pellegrino alla fisarmonica e Peppe La Commare, voce. «In questi mesi di studio per gli arrangiamenti ci siamo chiesti: cosa lega Modugno alle Egadi? La sua passione per il mare, lo stesso a Lampedusa come alle Egadi – spiega il musicista Gino De Vita – che trasportò in moltissimi testi: la famosissima “Nel blu dipinto di blu” e “Lu pisci spada”, brano che narra la tragica storia d’amore di due pesci spada innamorati, fedeli fino alla morte nel massacro della tonnara». Domenico Modugno venne definito il cantastorie venuto dal mare: compose canzoni in dialetto salentino, siciliano e napoletano, ispirandosi al folklore delle due regioni. Nei suoi brani Modugno canta di minatori, personaggi pittoreschi, pescatori, cavalli diventati ciechi e spinti a morire nel gran sole rovente: originario di Polignano negli anni ’70 comprò casa a Lampedusa, proprio sulla spiaggia dei Conigli. «Modugno ha cantato e raccontato il mare tra le sue melodie – spiega ancora De Vita – o con la chitarra o con la fisarmonica, i due strumenti che il cantautore suonava. In questo concerto alle Egadi suoneremo, con una formula originale, contemporaneamente i due strumenti insieme interpretando Modugno con una melodia nuova e completa». In scaletta 16 brani di Modugno in ordine cronologico. «Il concerto è l’occasione di promozione turistica per il territorio delle Egadi – spiega il Presidente della Pro Loco, Massimo Saladino – offrendo a turisti e residenti l’opportunità di godere momenti musicali in contesti ambientali unici e originali delle nostre isole».


Torna alla Home