KLEOS - lunedì, 28 Gennaio 18:15

Festa della pace 2019

MAZARA DEL VALLO – Si è svolta sabato 26 gennaio 2018 presso la Parrocchia Sacro Cuore in Santa Maria di Gesù la Festa della Pace 2019. L’evento è stato organizzato dall’Azione Cattolica Parrocchiale in occasione del Mese dellaPace che inizia il 1° Gennaio di ogni anno con la Giornata Mondiale della Pace istituita da papa […]

MAZARA DEL VALLO – Si è svolta sabato 26 gennaio 2018 presso la Parrocchia Sacro Cuore in Santa Maria di Gesù la Festa della Pace 2019.
L’evento è stato organizzato dall’Azione Cattolica Parrocchiale in occasione del Mese dellaPace che inizia il 1° Gennaio di ogni anno con la Giornata Mondiale della Pace istituita da papa Paolo VI e celebrata per la prima volta nel 1968.
Quest’anno Papa Francesco con il suo messaggio per la 52^ Giornata Mondiale della Pace si rivolge ai politici e con il suo messaggio “La buona politica è al servizio della pace” gli esorta a essere missionari di pace per salvaguardare la “casa comune” che è il nostro pianeta. “Siamo chiamati”, dice il papa rivolgendosi a tutto il Popolo d Dio, “a portare e annunciare la pace come la buona notizia di un futuro dove ogni vivente verrà considerato nella sua dignità e nei suoi diritti”.
Durante la festa è stata presentata ai ragazzi l’iniziativa di pace 2019 “La Pace è servita” dove l’Azione Cattolica Italiana ha scelto quest’anno di aderire al progetto di pace “Abbiamo RISO per una cosa seria” promossa dal FOCSIV (Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario) a sostegno dell’agricoltura familiare tutelando e promuovendo l’autonomia economica delle famiglie e la promozione della dignità umana e dei lavoratori.
Il progetto mettendo in primo piano un alimento molto speciale presente in diverse parti del mondo che è il RISO, intende far riflettere sulla libertà, la dignità e l’autonomia personale ed economica come vie verso la costruzione della pace.
In particolare il progetto si concentra su tre aree d’intervento: migrazione e filiera italiana; democrazia alimentare; rafforzamento del ruolo delle donne.
I ragazzi dopo sono stati coinvolti in giochi aventi come alimento comune il riso e il territorio dove è coltivato.
La festa è terminata con la celebrazione eucaristica officiata dal parroco don Vincenzo Aloisi.


Torna alla Home