KLEOS - venerdì, 17 Maggio 23:21

I giovani in gara allo Juventus Club Doc Partanna

PARTANNA –  Nei giorni  scorsi,  nei locali della sede dello Juventus  Club Doc ”Pavel Nedved”  di Partanna, si è svolto l’ormai classico appuntamento con il Calcio Balilla, giunto alla  terza  edizione. Il torneo, promosso  dai soci del sodalizio bianconero e  riservato ai ragazzi della scuola secondaria di  primo  grado, ha visto la partecipazipone entusiasta  di […]

I premiati

PARTANNA –  Nei giorni  scorsi,  nei locali della sede dello Juventus  Club Doc ”Pavel Nedved”  di Partanna, si è svolto l’ormai classico appuntamento con il Calcio Balilla, giunto alla  terza  edizione.

Il torneo, promosso  dai soci del sodalizio bianconero e  riservato ai ragazzi della scuola secondaria di  primo  grado, ha visto la partecipazipone entusiasta  di circa cinquanta giovani che si sono sfidati in combattutissimi incontri, all’insegna del rispetto e di un sano agonismo.

La competizione, anche quest’anno   intitolata alla memoria di Aldo La Rocca, grande tifoso Juventino (e della Ferrari) ed ammirevole e forte ragazzo  venuto fisicamente a mancare  l’anno scorso,  ma sempre presente nel ricordo di chi lo ha conosciuto,  si è conclusa, dopo un’agguerritissima finale al cardiopalma, con l’affermazione della coppia composta da  Antonino Palumbo (già vincitore nella scorsa edizione in coppia con  Salvatore Calcagno) e Lorenzo Bianco.

Al secondo posto si è piazzata la coppia formata dai cugini Filippo Gargano e al terzo posto il duo Sebastiano Bacile e Salvatore Calcagno.

Alle tre coppie finaliste sono state assegnate delle coppe (offerte dalla Ditta Tecnocarta di Ivano Zinnanti) e dei premi offerti dalla profumeria Katia e dalla Pizzeria L’Arco. Un premio particolare (gagdet bianconeri)  sono stati assegnati alla coppia di ragazze (Katia Bianco e Marta Recupero) che  ha superato due turni eliminatori giungendo fino ai quarti di finale e alla coppia più giovane formata da Alessandro Argento e Francesco Colletta.

Tuttavia, ad imporsi, ancora una volta,  per la soddisfazione  degli organizzatori (già entusiasti per la conquista del 31° scudetto), sono stati  soprattutto il fair play di tutti i partecipanti, il rispetto reciproco  e la condivisione di gradevoli momenti di svago e divertimento, in linea con quelle finalità di aggregazione, condivisione e promozione dei valori  sportivi  che sono alla base dell’attività del Club  Juventus,  particolarmente sensibile nei confronti di coloro  che rappresentano il futuro della nostra comunità. di Vito Aiello


Torna alla Home