KLEOS - martedì, 8 Dicembre 9:16

Il Consiglio di AC della Diocesi di Mazara del Vallo rinnova il proprio “sì” all’associazione

CAMPOBELLO DI MAZARA –  Il Consiglio di AC della Diocesi di Mazara del Vallo ha rinnovato il proprio “sì” all’associazione e lo ha fatto con una Veglia di Preghiera in occasione della Festa dell’Adesione 2020-21, (che  in tutta Italia sarà celebrata oggi 8 dicembre Festa dell’Immacolata Concezione). La veglia, dove hanno partecipato anche i Presidenti […]

CAMPOBELLO DI MAZARA –  Il Consiglio di AC della Diocesi di Mazara del Vallo ha rinnovato il proprio “sì” all’associazione e lo ha fatto con una Veglia di Preghiera in occasione della Festa dell’Adesione 2020-21, (che  in tutta Italia sarà celebrata oggi 8 dicembre Festa dell’Immacolata Concezione). La veglia, dove hanno partecipato anche i Presidenti e Consiglieri Parrocchiali, è stata celebrata domenica 5 dicembre u.s. alle ore 16.00 presso la Chiesa Madre di Campobello di Mazara ed è stata presieduta dal parroco don Nicola Patti nonché assistente diocesano dell’articolazione A.C.R. diocesana. “I mesi che abbiamo attraversato sono stati drammatici. Abbiamo sperimentato una grande fatica, ma abbiamo pure scoperto, forse, nuove, opportunità. Le conseguenze della pandemia attraversano ancora le nostre vite. La paura ha il potere di immobilizzarci, di fermare ogni decisione, ogni azione. Per questo è ancora più importante dire un sì”, ha detto don Nicola Patti. Nel suo intervento la Presidente Diocesana Enza Luppino ha detto: “Sono contenta di essere oggi qui in presenza insieme a voi. In questo periodo ci siamo incontrati in modalità a distanza con qualsiasi mezzo che ci consentisse di essere vicini, ma vedere i vostri occhi, gli unici che si vedono dietro la mascherina, è veramente un’immensa gioia”. Un saluto particolare lo ha voluto dare don Pino Biondo Assistente Unitario dell’AC diocesana che ha detto: “Ho deciso oggi di essere qui, nonostante tutto, perché l’Azione Cattolica, specialmente quest’anno particolare, mi ha dato un segno di speranza. Vedere che c’è un gruppo di persone che si riunisce, nonostante le difficoltà, per portare avanti il proprio cammino associativo mi riempie di tanta gioia. Lasciamoci guidare sempre dallo Spirito Santo che aleggia in noi. Buon cammino associativo”.


Torna alla Home