KLEOS - giovedì, 27 Gennaio 14:13

L’Amministrazione aderisce al progetto “memorie d‘inciampo”

PARTANNA – L’Amministrazione Comunale di Partanna ha aderito all’iniziativa promossa dalla Prefettura di Trapani – in occasione della 77esima Giornata della Memoria – per il progetto “memorie d‘inciampo”, che prevede la posa in ogni Comune di “pietre di inciampo” nei pressi delle abitazioni dei concittadini deportati. Le stolpersteine, ovvero pietre d’inciampo, sono installate in tutta […]

PARTANNA – L’Amministrazione Comunale di Partanna ha aderito all’iniziativa promossa dalla Prefettura di Trapani – in occasione della 77esima Giornata della Memoria – per il progetto “memorie d‘inciampo”, che prevede la posa in ogni Comune di “pietre di inciampo” nei pressi delle abitazioni dei concittadini deportati.

Le stolpersteine, ovvero pietre d’inciampo, sono installate in tutta Europa da un’idea dell’artista tedesco Gunter Demnig. Si tratta di piccole targhe d’ottone della dimensione di un sanpietrino (10×10) che vengono poste davanti alla porta dell’ultima abitazione delle vittime della ferocia nazista, con il nome della vittima, l’anno di nascita, la data e il luogo della deportazione e la data di morte.

Camminando per strada, ci si potrà imbattere così in un “inciampo” metaforico nella nostra memoria e nella storia.

Il sindaco, Nicolò Catania, che questa mattina (27 gennaio) ha partecipato, sottoscrivendo assieme agli altri sindaci l’adesione al progetto, dichiara: “Abbiamo aderito come Amministrazione a quest’importante incontro in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi di concentramento. Il progetto “memorie d’inciampo”, ha l’alto patronato della Presidenza della Repubblica, e vuole coniugare memoria e attualità”.


Torna alla Home