KLEOS - sabato, 19 Gennaio 13:05

L’Avis contatta le scuole

PARTANNA – Avvicinare i giovani al concetto di solidarietà e promuovere la donazione del sangue. Sono, questi, gli obiettivi che il presidente, Antonino Battaglia, e tutto il direttivo dell’Avis partannese si sono prefissi di raggiungere attraverso il tour di sensibilizzazione che si è svolto a dicembre nelle scuole superiori del Comune. Gli incontri sono stati […]

PARTANNA – Avvicinare i giovani al concetto di solidarietà e promuovere la donazione del sangue. Sono, questi, gli obiettivi che il presidente, Antonino Battaglia, e tutto il direttivo dell’Avis partannese si sono prefissi di raggiungere attraverso il tour di sensibilizzazione che si è svolto a dicembre nelle scuole superiori del Comune. Gli incontri sono stati positivi, e hanno catturato l’attenzione di tutti i presenti stimolando la curiosità dei giovani studenti. Alcuni di loro già si sono presentati per la prova di idoneità di aspirante. Durante l’incontro sono stati distribuiti anche i nuovi vademecum che spiegano passo dopo passo la donazione del sangue. “Tutta l’équipe dell’Avis di Partanna – ha evidenziato il presidente Ninni Battaglia – è molto soddisfatta dell’incontro perché i protagonisti potrebbero costituire il naturale turn-over dell’associazione e consentire l’incremento della raccolta del prezioso liquido in una tutta la provincia. Si ringraziano tutti i docenti che hanno collaborato alla buona realizzazione degli incontri”. Dopo le visite nelle aule magne degli istituti, l’Avis di Partanna ha indetto un concorso chiamato “Crea uno spot per l’Avis” giunto alla II edizione, iniziativa anche questa il cui scopo è quello di diffondere la cultura della donazione del sangue.

Nella foto, da sinistra, in piedi, Giovanna Calcaterra,, Maurizio Napoli, Anna Maria Alesi, Anna Maria Li Causi, Caterina Termini, Antonino Termini, Giovanni Casciotta, Michela Salvo, Antonino Mangialomini. In basso Federica Randazzo, Federica Lanza, Adriana Stabile.


Torna alla Home