KLEOS - venerdì, 20 Febbraio 15:26

Lo chef Giuffrè incanta le donne tunisine: 15 kg di cassata

MAZARA DEL VALLO – “Anche il cibo è dialogo e integrazione – ha detto il Vescovo Domenico Mogavero – e l’occasione di questo progetto è stata un’opportunità concreta per queste donne di conoscere e “sperimentare” la pasticceria siciliana”.

MAZARA – Una cassata metà siciliana e metà tunisina è stata quella che lo chef trapanese Peppe Giuffrè ha preparato per le quindici donne tunisine che stanno frequentando il progetto “Nuovi Italiani – interventi a sostegno dell’inclusione socio-lavorativa degli immigrati di prima e seconda generazione”, finanziato dall’Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro, nell’ambito del PO FSE 2007-2013, finanziato con l’Avviso 1/2011.

Giuffrè, chiamato come testimone per la cucina siciliana, ha svolto un’intera lezione pratica di preparazione del tipico dolce siciliano. E le donne maghrebine hanno così, passo dopo passo, potuto studiare le diverse fasi di composizione della cassata di 15 chili: dieci di ricotta e poi il marzapane, lo zucchero e, infine, al posto dei canditi la cassata è stata arricchita dai datteri.

Insieme alla presidente della Fondazione Vilma Angileri, al termine del laboratorio sono arrivati anche il Console di Tunisia a Palermo, Farhat Ben Soussi e il Vescovo monsignor Domenico Mogavero.

«Anche il cibo è dialogo e integrazione – ha detto il Vescovo – e l’occasione di questo progetto è stata un’opportunità concreta per queste donne che oramai vivono a Mazara del Vallo di conoscere e “sperimentare” la pasticceria siciliana. La costituzione di una cooperativa con alcune di loro è la testimonianza concreta dell’inclusione socio-lavorativa sul territorio».


Torna alla Home