KLEOS - martedì, 14 Gennaio 15:35

“Salviamo le bellezze di Gibellina”, appello al Ministro Franceschini per il restauro delle opere di Consagra

GIBELLINA/TRAPANI – Il Comune di Gibellina chiede aiuto al Ministro per i beni e le attività culturali Dario Franceschini, affinché si possano restaurare le opere dell’artista Pietro Consagra. Nei giorni in cui ricorre l’anniversario per il terremoto del Belice, che nel 1968 distrusse interi paesi, compresa Gibellina, il sindaco Salvatore Sutera e l’assessore alla cultura, […]

GIBELLINA/TRAPANI – Il Comune di Gibellina chiede aiuto al Ministro per i beni e le attività culturali Dario Franceschini, affinché si possano restaurare le opere dell’artista Pietro Consagra. Nei giorni in cui ricorre l’anniversario per il terremoto del Belice, che nel 1968 distrusse interi paesi, compresa Gibellina, il sindaco Salvatore Sutera e l’assessore alla cultura, Tanino Bonifacio, hanno inviato una lettera al Ministro affinché si possano restaurare, in breve tempo, le numerose opere che Consagra, amico di Ludovico Corrao, realizzò nel nuovo centro di Gibellina.

L’appello rivolto al Ministro ha proprio come tema “Salviamo la bellezza di Gibellina” e, non a caso, è stato rivolto a Franceschini in occasione del centenario della nascita del maestro: Consagra nacque a Mazara del Vallo ed è stato sepolto, per sua volontà, al cimitero di Gibellina nel 2005. «Gibellina è stata eletta a luogo altamente simbolico da Consagra e, proprio qui, il maestro volle realizzare il progetto di “Città frontale”» dice Bonifacio. Le opere di Pietro Consagra non sono state mai oggetto di restauro, ma alcune di loro hanno subìto un degrado strutturale e ora sono a rischio, «ecco perché necessitano di un urgentissimo intervento di ripristino e di restauro conservativo». Nell’elenco ci sono il “Meeting”, massimo esempio in tutto il mondo di architettura della “Città frontale”, “La città di Tebe”, composta da sedici grandi sculture (scenografia per l’opera teatrale “Edipo Re”), le “Porte del cimitero monumentale”, il “Teatro”, progettato nel 1972 ma mai ultimato e, a tutt’oggi, cantiere aperto.

Proprio al “Meeting” sono evidenti le criticità strutturali: il ferro del cemento armato si è arrugginito e pezzi di calcinacci si sono staccati. È necessaria la manutenzione e sostituzione degli infissi in alluminio da dove si verificano infiltrazioni d’acqua. L’appello è anche rivolto per opere di altri artisti, come Paolo Schiavocampo (“Doppia spirale” del 1987) ed Ettore Colla (“Ellittica e Meridiana” del 1987).

«Il restauro delle opere del maestro Pietro Consagra comporta un importante investimento economico – spiega l’assessore Bonifacio – che il Comune non può sostenere». Al Ministro Franceschini, sindaco e assessore hanno rappresentato il “caso Gibellina”, «perché la nostra città è una realtà identitaria di arte contemporanea unica al mondo – spiegano – apprezzata sul piano internazionale ma, purtroppo, dimenticata dalle istituzioni, perché mai inserita nell’agenda politica o in un programma di recupero, valorizzazione e conservazione del suo ricco patrimonio». L’appello al Ministro è stato corredato anche da un corposo dossier fotografico, nel quale si evincono i particolari del degrado strutturale di alcune opere.

Torna alla Home