KLEOS - mercoledì, 18 Gennaio 11:09

Selinunte e il suo Territorio verso la nomination a patrimonio Unesco

CASTELVETRANO – Finalmente è stato firmato da tutti gli interessati il Protocollo d’intesa per la gestione seriale “Selinunte e il suo Territorio” propedeutico per avviare un adeguato Piano di Gestione, finalizzato a tutelare l’eccezionale valore universale del bene, uno dei requisiti fondamentali richiesti per l’insediamento del sito nella lista del Patrimonio Mondiale. Il documento, importante […]

CASTELVETRANO – Finalmente è stato firmato da tutti gli interessati il Protocollo d’intesa per la gestione seriale “Selinunte e il suo Territorio” propedeutico per avviare un adeguato Piano di Gestione, finalizzato a tutelare l’eccezionale valore universale del bene, uno dei requisiti fondamentali richiesti per l’insediamento del sito nella lista del Patrimonio Mondiale.

Il documento, importante per ufficializzare l’incarico a Raymon Bondin, esperto Unesco, che avvierà l’iter burocratico, è stato firmato dalla Sovrintendenza ai Beni Culturali di Trapani, dai Comuni di Castelvetrano, Campobello di Mazara e Partanna, dal Club per l’Unesco Castelvetrano Selinunte, dal Polo di Sviluppo Turistico Integrato Pandorathon e dalla Rete Museale e Naturale Belicina che riunisce un eccezionale patrimonio di aree archeologiche, riserve naturali, monumenti e musei, compreso il Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa, fra gli insediamenti più importanti e meglio conservati del mondo greco. E non ha esitato a firmare nemmeno l’Assessore ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Sicilia, l’avv. Carlo Vermiglio, che all’apertura dei lavori del Convegno Internazionale “Selinunte – Produzioni ed economia di una colonia greca di frontiera”, svoltosi il 15 e 16 Aprile al Parco Archeologico, organizzato e fortemente voluto dal Club per l’Unesco Castelvetrano Selinunte, aveva garantito che nonostante “non sarà facile raggiungere l’obiettivo, misureremo la nostra capacità di fare sistema per un traguardo che ritengo fondamentale, perché questo territorio – non esitando a definirlo – l’ottava meraviglia del mondo per le ricchezze naturalistiche e storiche che sono nel proprio tessuto connettivale, possa ottenere questo prestigioso riconoscimento”.

Il Presidente del Club per l’Unesco Castelvetrano Selinunte si è personalmente interessato a contattare tutti affinché il terzo atto di un assiduo lavoro, inaugurato il 26 novembre 2014 presso l’Archivio Storico di Castelvetrano, con il primo atto formale siglato il 2 luglio 2016, ponesse definitivamente le basi per raggiungere il tanto auspicato obiettivo. Il proposito è audace. “E’ un obiettivo importantissimo che giorno dopo giorno diventa realtà – ha affermato il Presidente del Club per l’Unesco di Castelvetrano Selinunte, Nicolò Miceli – una opportunità immensa per tutto il territorio, ottenendo un marchio a livello mondiale. Riteniamo che la collaborazione e il sostegno concreto della società civile e dell’associazionismo siano strategicamente indispensabili in un modello di governance e di tutela e valorizzazione del territorio che vuole essere vincente. Ritengo – ha sottolineato il dottor Miceli – che è ancora tanta la strada per raggiungere l’obiettivo, ma l’entusiasmo che gli attori, coinvolti nell’ambito riconoscimento, mi continuano a mostrare ci dà sempre più la carica per affrontare, lasciatemelo ribadire, le battaglie e vincere la guerra”.

Nel Protocollo, nero su bianco, è puntualizzato che “In un secondo momento si potrà prevedere l’inclusione di altri comuni limitrofi identificabili con quelli esistenti all’interno dell’antico territorio selinuntino ossia l’intero territorio su cui l’antica Selinunte esercitò il dominio, che comprende – si riporta nel Protocollo – alcune aree della Valle del Belice, delimitato ad Ovest fino al fiume Mazaro (…) ad Est sulla foce del fiume Platani, a Nord nell’interno fino a Poggioreale presso il Monte Castellazzo”.


Torna alla Home