KLEOS - mercoledì, 22 Ottobre 10:46

Progetto Ferrigno 2014/2015

Una cultura condivisa sulla funzione e sul valore della Scuola è quello che noi, con la collaborazione delle risorse che operano nel nostro territorio, vogliamo realizzare. E’ necessario ricostruire la percezione dell’importanza dell’istruzione di cui il Ferrigno ha costituito da sempre, una realtà viva e dinamica. In questo nuovo Anno Scolastico, nuove ambizioni e nuovi […]

Una cultura condivisa sulla funzione e sul valore della Scuola è quello che noi, con la collaborazione delle risorse che operano nel nostro territorio, vogliamo realizzare. E’ necessario ricostruire la percezione dell’importanza dell’istruzione di cui il Ferrigno ha costituito da sempre, una realtà viva e dinamica. In questo nuovo Anno Scolastico, nuove ambizioni e nuovi obiettivi ci impegnano in toto. • La promozione del benessere economico, dell’occupazione e della mobilità sociale; • La promozione dell’uguaglianza morale dei cittadini; • Una vita personale realizzata. Apprendere è un modo di conoscere la vita e, nello stesso tempo, di viverla. A tal fine, vogliamo portare un’idea di scuola aperta all’Europa ma, nel contempo, radicata nella comunità di appartenenza, stabilendo un forte legame con le Istituzioni locali e con le realtà economiche territoriali. La responsabilità della crescita dei nostri alunni vuole che la nostra scuola sia aperta a tutti; che costituisca quella frontiera educativa su cui convergono tensioni e dinamiche proprie del nostro sistema sociale. La nostra scuola è l’agorà, in cui la persona realizza se stessa e costruisce il senso del Noi, il luogo d’ incontro con l’altro, di dialogo, di disciplina e di lavoro. Ecco perché ci presentiamo, puntualmente ed annualmente, a Voi e vogliamo dirVi di noi. Siamo parte di questo territorio e, soprattutto, siamo quelli che cercheremo di migliorare il nostro territorio, offrendo gli strumenti più efficaci e nutrendo i giovani di quella linfa che noi siamo soliti appellare “l’intelligenza e la cultura del sapere fare”. Ad maiora semper


Torna alla Home