KLEOS - sabato, 20 Luglio 18:56

Raduno dei Cavalieri in una tenuta da sogno

PARTANNA – Sono stati ben 75 gli iscritti al Secondo Raduno della Valle del Belice organizzato dai Cavalieri del Grifo, presieduto da Albino Romeo, nella tenuta da sogno  “Poggio Binaia” che si estende per circa 12 ettari e che si occupa di allevamento e di riproduzione di cavalli PSA (purosangue arabi) e di cui sono […]

PARTANNA – Sono stati ben 75 gli iscritti al Secondo Raduno della Valle del Belice organizzato dai Cavalieri del Grifo, presieduto da Albino Romeo, nella tenuta da sogno  “Poggio Binaia” che si estende per circa 12 ettari e che si occupa di allevamento e di riproduzione di cavalli PSA (purosangue arabi) e di cui sono proprietari i partannesi Maurizio Napoli, Mimmo Accardo e le rispettive consorti. Esibizione di cavalli portati dai Cavalieri del Grifo hanno allietato i convenuti che hanno trascorso una giornata all’insegna dello svago e dell’amore per gli equini. L’azienda consta di 4 strutture, una stalla principe, una secondaria, un corpo casa con pertinenze ed una struttura pronta per essere adibita a ristorante. L’azienda dispone anche di un campo di allenamento scoperto. Maurizio Napoli, uno dei proprietari ci spiega: “Qui i cavalli possono venire tutto l’anno, tenendo conto del numero delle stalle, circa 40, di un pascolo steccato di circa un ettaro e mezzo, una stalla per le cavalle pronte per partorire, una zona per la monta; disponiamo di due cavalli per la monta, diamo lavoro a due veterinari, a un hundler (che si occupa di tenere in buona fisicità il cavallo che spesso rimane qui per più mesi, ecc.)”. Napoli ci spiega che nella tenuta ci sono anche tremila alberi di ulivo e numerosi alberi da frutta di vario tipo. “Il futuro dell’azienda – ci spiega – è anche quello di garantire una certa recettività (sono in programmazione 13 camere per 26 posti letto + ristorazione) con un agriturismo di livello elevato”. I clienti vengono con i loro cavalli prevalentemente dalla Calabria, Campania, Toscana e ovviamente dalla Sicilia. Il servizio di stallaggio comprende la cura dell’animale, il lavaggio, la dieta personalizzata (per gravida, fattrice o stallone), il servizio di veterinario h24, di dentista per cavalli e la figura dell’hundler. Abbiamo chiesto a Napoli che cosa l’ha spinto verso un’impresa così inverosimile per una zona come la nostra. “Un mix di fattori – ci ha risposto – la passione per i cavalli, un coraggio in questo momento fuori tempo, un pizzico di incoscienza e la voglia di tentare sul territorio un’avventura veramente innovativa”. Alla giornata era presente anche il neosindaco Nicola Catania (non meno sorpreso di noi della straordinarietà dell’azienda), che ha ribadito l’importanza di raduni, come quelli organizzati dai Cavalieri del Grifo, ed ha sottolineato la significatività di aziende come quella condotta da Napoli e soci che è la terza azienda di questo tipo d’Italia. “L’azienda è una delle ricchezze del nostro territorio poco nota che va valorizzata e promossa con ogni mezzo. Se il privato fa uno sforzo di questo genere in un momento di crisi come quello che attraversiamo – ha detto il sindaco – il suo sforzo va accompagnato con la creazione di tutti quei servizi necessari perché l’azienda sia utilizzata al meglio nell’interesse del territorio e in un’ottica di crescita socioeconomica”.


Torna alla Home