Monthly Archives: Aprile 2021

Automobilismo, si corre il 21 e 22 maggio la gara “Automobile Club Trapani-Coppa Costa Gaia”

TRAPANI – Si svolgerà il 21 e 22 maggio prossimi, in tutto il territorio della provincia di Trapani, la seconda edizione della gara “Automobile Club Trapani-Coppa Costa Gaia”, valida come prova del Campionato italiano Regolarità Auto Moderne e per il Trofeo Nazionale Regolarità Auto Storiche. La gara avrà validità anche per il Campionato siciliano della specialità. In totale sono quasi 200 i chilometri che si percorreranno nei due giorni di gara. Si partirà da Trapani per attraversare i territori di Marsala, Mazara del Vallo, Torretta Granitola, Campobello di Mazara, Castelvetrano, Partanna, Santa Ninfa, Gibellina, Salemi, Vita, Segesta, Buseto Palizzolo, Valderice e poi di nuovo il ritorno a Trapani. Nel calendario nazionale la gara che condurrà gli specialisti delle competizioni di precisione sul filo del centesimo di secondo nel Trapanese, è inserita come seconda tappa, dopo l’apertura del Campionato in Trentino Alto Adige con la XXVIII Coppa “Città della pace”. Anche per il Trofeo nazionale regolarità auto storiche il “Coppa Costa Gaia” è la seconda gara in calendario, dopo l’annullamento di ben due gare in Toscana ed Emilia Romagna.

«Per l’Aci Trapani è un ennesimo impegno economico e di forze umane per lo sport automobilistico – ha detto il Presidente Giovanni Pellegrino – questa gara, a differenza della “Monterice”, attraverserà l’intera provincia, dando così la possibilità ai partecipanti di scoprire e vivere luoghi esclusivi che sono scrigno di ogni bellezza e promuovere attraverso lo sport della regolarità, la cultura dell’auto». sportiva dell’automobile. Saranno protagoniste della due giorni trapanese, vetture che hanno fatto e che fanno la storia non solo sportiva, ma hanno scritto e scrivono pagine importanti nel costume e nella società. La regolarità è una specialità dell’automobilismo, per la quale la competizione è concentrata sulla precisione, sull’interpretazione del tempo al volante. L’intesa dell’equipaggio e la quasi simbiosi con la vettura, sono elementi fondamentali. Il passaggio da luoghi esclusivi è possibile grazie al connubio perfetto tra agonismo e cultura per la macchina, ma anche per tutto ciò che fa da cornice al momento sportivo.

A SITA 2021 numeri e strumenti contro il Cybercrime: “La pirateria informatica è un pericolo per tutti”

PARTANNA – Circa duemila attacchi hacker nel 2020 contro aziende pubbliche e private in Italia, molte delle quali impegnate nella lotta al Covid-19. Questo è uno dei dati emersi nel corso dell’incontro online dal titolo “Cybercrime: rischi e strumenti per arginare i crimini nell’era digitale”, svoltosi questa mattina (30 aprile) all’interno del programma di SITA 2021, la serie di eventi formativi su Scienze, Innovazione, Tecnologia e Ambiente, organizzata dal Comune di Partanna e dall’associazione Apice, nell’ambito del G55 Coworking/Fablab. La tavola rotonda in streaming rivolta agli studenti di tutte le scuole siciliane, realizzata con la collaborazione della Fondazione Rocco Chinnici, è servita a fare il punto su uno dei fenomeni più in espansione nelle società moderne, ovvero quello dei crimini informatici, che comportano un aggiornamento continuo delle normative e degli strumenti di contrasto.

Ai saluti istituzionali del sindaco di Partanna, Nicolò Catania, è seguita l’introduzione da parte di Giovanni Chinnici: il figlio del magistrato ucciso dalla mafia nel 1983, e presidente della Fondazione che ne porta il nome, ha prima di tutto ricordato il forte legame che legava il padre alla città di Partanna, dove ha svolto l’attività di Pretore dal 1954 al 1966, ed ha evidenziato come oggi ricorresse il trentanovesimo anniversario dall’assassinio a Palermo di Pio La Torre. «Rocco Chinnici e Pio la Torre hanno avuto la capacità di interpretare il presente, immaginando il futuro», ha sottolineato Giovanni Chinnici.

Quindi è stato il momento di Calogero Ferrara, sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Palermo, che nel suo intervento ha chiarito i termini del fenomeno Cybercrime, sulla scorta della sua attività professionale in merito. «Il Cybercrime ha superato il traffico di droga, tra gli ambiti più proficui per le mafie», ha precisato Ferrara, specificando che ormai nel mondo «almeno ogni 3 secondi avviene un furto di identità digitale».

Poi la parola è passata a Francesco Petruzzella, funzionario informatico presso la Procura della Repubblica di Palermo, che ha analizzato alcuni casi pratici, rivolgendosi in primo luogo ai giovani, particolarmente esposti ai pericoli dei crimini online: «I cloud costituiscono gli obiettivi principali dei cybercriminali per ottenere disponibilità di info personali, colpendo la riservatezza dei dati», ha detto Petruzzella, che ha raccomandato come «la prudenza è il migliore strumento contro un attacco criminale digitale». Quindi il funzionario informatico ha ricordato che, secondo i dati più aggiornati, «nel 2020 in Italia sono stati 1.871 i cyber attacchi nei confronti di aziende pubbliche e private». «Tra le strutture colpite, attraverso il blocco dei sistemi informatici – ha specificato Petruzzella – ci sono ad esempio aziende sanitarie impegnate a proteggerci dalla pandemia».

Asp Trapani, al via progetto di Alta formazione in Cure palliative e Terapia del dolore

TRAPANI – L’Asp di Trapani è stata individuata dall’Assessorato regionale della Salute come azienda capofila per l’ambito Formazione nel progetto “Realizzazione delle reti locali di cure palliative e potenziamento delle cure domiciliari di base specialistiche”.
L’obiettivo del progetto di Alta formazione in Cure palliative e Terapia del dolore, che inizia a maggio e a cui parteciperanno professionisti di tutte le Aziende Sanitarie Regionali, è quello di promuovere un modello organizzativo e assistenziale regionale unitario e garantire ai malati ed ai loro familiari una migliore qualità delle cure anche nelle fasi finali della vita.
Il percorso formativo, che ha una durata di due mesi, si articola in 12 moduli in cui si alterneranno docenti provenienti da vari Centri di eccellenza nazionali. Saranno approfondite tematiche relative agli aspetti normativi organizzativi-gestionali, metodologici, clinici, psico-relazionali.
Il corso di Alta formazione sarà presentato lunedì 3 maggio 2021 nell’ambito di un evento organizzato dall’Azienda sanitaria provinciale di Trapani nella sala Mirabilia del Museo regionale ‘Agostino Pepoli’, al quale parteciperanno il presidente della Regione Siciliana e ad interim assessore regionale alla Salute on. Nello Musumeci, il prefetto di Trapani, Tommaso Ricciardi, il vescovo di Trapani mons. Pietro Maria Fragnelli e il vescovo di Mazara del Vallo, mons. Domenico Mogavero; il dirigente generale D.P.S Assessorato Regione Sicilia, Mario La Rocca, il direttore del Museo, Roberto Garugli.
Tra i relatori, i docenti universitari Numa Cellini (già Ordinario di Radioterapia-Università Cattolica del Sacro Cuore Roma); Vincenzo Valentini (Ordinario di Radioterapia-Università Cattolica del Sacro Cuore-Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli-IRCCS-Roma); Oscar Corli (direttore Unità di Ricerca nella Terapia del Dolore e Cure Palliative-Istituto di Ricerche Farmacologiche “M. Negri” Milano).
Nel corso dell’evento è previsto un’esibizione degli allievi del Conservatorio di Musica “A. Scontrino” di Trapani.
La partecipazione dei discenti alla giornata di apertura è in modalità ibrida (in presenza e da remoto).
Apprezzamento ha espresso il commissario straordinario dell’Asp di Trapani, Paolo Zappalà, per il valore del progetto di Alta formazione organizzato dalla Referente aziendale Antonella La Commare, Responsabile U.O.S. Formazione, che si propone di incidere sulle pratiche professionali affrontando tutti gli aspetti connessi alle Cure Palliative.
“La malattia – ha sottolineato Zappalà – coinvolge la persona nella sua interezza, a livello biologico, psicologico, spirituale, sociale, e pertanto è fondamentale che il rapporto di cura si prenda carico non solo della malattia ma soprattutto dell’ammalato, con particolare riferimento alla fase finale della vita dell’individuo che va accompagnato e non lasciato solo”.

Coronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di venerdì 30 aprile 2021

TRAPANI – Coronavirus la situazione a Trapani e provincia. Aggiornamento di venerdì 30 aprile 2021.

Totale casi attuali positivi 1034 (il dato è al netto di decessi e guarigioni) così distribuiti:
Alcamo 252; Buseto Palizzolo 4; Calatafimi-Segesta 24; Campobello di Mazara 4; Castellammare del Golfo 48; Castelvetrano 52; Custonaci 7; Erice 38; Favignana 0; Gibellina 10; Marsala 397; Mazara del Vallo 8; Paceco 30; Pantelleria 8; Partanna 1; Petrosino 23; Poggioreale 1; Salaparuta 0; Salemi 15; Santa Ninfa 0; San Vito Lo Capo 22; Trapani 76; Valderice 14; Vita 0.

deceduti 311.

guariti 11682.

Ricoverati in Terapia Intensiva 5.

Ricoverati in Terapia non intensiva 54.

Tamponi molecolari effettuati: 200.

Tamponi per la ricerca dell’antigene: 404.

Progetto “Cittadinanza e sostenibilità”

CASTELVETRANO – Nell’ambito del protocollo d’intesa tra il Circolo Legambiente Crimiso ed i Licei di Castelvetrano stipulato nel 2019 si è svolta nelle scorse settimane la seconda parte del progetto “Cittadinanza e sostenibilità” per i capitoli riguardanti i nuclei tematici “Biodiversità marina e costiera” e “Aree protette, riserve naturali, SIC, ZPS“.
Il contributo di Legambiente-Crimiso ha avuto due momenti distinti: due incontri illustrativi in videoconferenza e un riscontro concreto del lavoro d’aula con la visita della riserva orientata della foce del fiume Belice e delle dune limitrofe.
I lavori in videoconferenza, coordinati dai prof.ri Maltese e Luppino, hanno visto, dopo un breve cenno di saluto e di presentazione di Legambiente e della sezione locale da parte di Mimmo Di Bella, vicepresidente del circolo Crimiso, la relazione dell’avv. Monica Di Bella sulla legge quadro nazionale sulla salvaguardia delle zone protette e lungo le coste e l’immediato entroterra e in particolare sui concetti di “SIC” e “ZPS”; è seguita la relazione della prof.ssa Anna Maria Gucciardo che ha intrattenuto i ragazzi sulla morfologia della riserva orientata della foce del Belice, e sulla flora e la fauna in essa presenti; il dr. Fiorentino, direttore della riserva, ha incentrato il suo intervento sulla storia della riserva e l’attuale distinzione con la preriserva; infine Giovanni Incerto ha illustrato il contesto naturalistico del Vallone di Zangara sottostante il sito del Castello della Pietra.
Il 20 Aprile scorso si è svolto il secondo step con la visita guidata della riserva della foce del fiume Belice e delle dune limitrofe a cura dei volontari del Circolo Legambiente; nutrita e partecipata la presenza degli studenti che, guidati dai prof.ri Maltese e Luppino, hanno interloquito con le guide e partecipato entusiasti al safari fotografico appositamente indetto e le cui migliori foto verranno premiate con l’omaggio della tessera di Legambiente.

Quarta edizione del Festival delle Arti “Mascariamu”

SALEMI – L’associazione artistica “Artemisia” di Salemi organizza, per il 2 maggio 2021, la quarta edizione del festival delle arti “Mascariamu”, in onore della festa del Ss. Crocifisso di Salemi. L’evento, ideato dall’associazione, che vanta un’esperienza più che decennale nel campo della promozione artistica, e giunto alla sua quarta edizione, è nato per creare una forte sinergia tra la comunità e le arti. Le precedenti edizioni hanno interessato le arti in tutte le loro declinazioni (body-painting, estemporanee di pittura, concorsi fotografici, laboratori per adulti e bambini, spettacoli di magia, manifestazioni sportive, esposizioni artistiche), grazie anche alla partecipazione di molti artisti noti e coinvolgendo un pubblico molto vasto e riscuotendo un grande successo. Quest’anno, a causa della tragica situazione che stiamo vivendo, l’evento sarà incentrato sull’esecuzione di un’unica, grande opera d’arte, a cui lavoreranno esclusivamente i membri dell’associazione che opereranno nel massimo rispetto delle prescrizioni anti-covid. Una realizzazione madonnara dal titolo “Vita via est” (la vita è la strada) che celebrerà gli eroi della pandemia e le vite perse e che vuole essere d’auspicio per una nuova e migliore ripartenza. L’antica arte madonnara, utilizzando semplicemente dei gessetti colorati, richiama alla mente le antiche tradizioni religiose, appassionando chiunque si trovi ad ammirare i maestri madonnari durante la realizzazione dell’opera. Gli artisti dell’associazione Artemisia, Gloria, Alessio e Tancredi Caradonna, guidati dall’esperienza del maestro Lidia Angelo, unica madonnara di Sicilia, realizzeranno l’opera davanti la chiesa del Crocifisso in via Riformati nr. 4 a Salemi. L’intento della manifestazione vuole essere quello di infondere speranza nel cuore di tutta la popolazione, attraverso la rappresentazione di un’opera che, seppur effimera e destinata a scomparire presto, rimarrà nella memoria collettiva come simbolo di fiducia per il futuro. Durante la realizzazione dell’opera saranno effettuate delle riprese a cura del video-maker dell’associazione, Baldo Caradonna.

Successo del Progetto “Mazara To Live”

MAZARA DEL VALLO – Hanno vinto il primo premio i ragazzi della 2^A dell’I.S. “Ruggiero D’Altavilla” di Mazara del Vallo che giovedì 29 aprile hanno partecipato alla finale provinciale del PNSD 2021, dietro la supervisione della prof.ssa Elena Alcamesi.

Il progetto presentato dai ragazzi, “Mazara To Live”, nasce da un’attività svolta nell’ambito del progetto “Oltre i confini… una scuola aperta al territorio” del CIDI di Milano.

Gli studenti sono stati protagonisti di un percorso didattico multidisciplinare ricco ed entusiasmante, che ha visto combinare lo studio dell’Educazione civica in Italiano, Storia, Inglese e Diritto con le conoscenze di base di progettazione e realizzazione di un prodotto software: un’APP realizzata con Thunkable e con la programmazione tramite Scratch.

I ragazzi sono stati messi a dura prova in un ambiente “reale”, in un connubio tra il sapere e il saper fare che ha costantemente valorizzato la loro partecipazione. Un percorso sicuramente diverso da quello che sono abituati a fare a scuola. Lo scopo delle loro attività è stato infatti uno scopo socialmente utile, in quanto volto alla realizzazione di un’opera di interesse pubblico.

Con il supporto dell’Associazione Casa della Comunità Speranza e il patrocinio gratuito del Comune di Mazara del Vallo, la versione 1.0 di Mazara to Live è ora disponibile sul Play Store e verrà costantemente implementata, anche in base ai feedback ricevuti: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.gmail.elenaalcamesi.anewplacetolive

Il progetto “Mazara To Live” vince un cospicuo premio in denaro per la sua implementazione e l’accesso alla selezione regionale del Premio Nazionale Scuola Digitale.

Complimenti ai ragazzi che hanno partecipato e alla dirigente dott.ssa Grazia Maria Lisma per aver creduto nella cultura digitale e nel progetto “Mazara To Live” .

I pericoli del Cybercrime e le misure per contrastarlo. Domani a SITA 2021 un evento con la Fondazione Rocco Chinnici

PARTANNA – I crimini informatici sono sempre più diffusi e rappresentano un fenomeno in continuo cambiamento, contro cui bisogna adottare misure efficaci ed all’avanguardia: di ciò si parlerà nel corso dell’incontro online che si terrà domani mattina – venerdì 30 aprile, a partire dalle ore 11 – all’interno di SITA 2021, la serie di eventi in streaming su Scienze, Innovazione, Tecnologia e Ambiente, organizzata dal Comune di Partanna e dall’associazione Apice, nell’ambito del G55 Coworking/Fablab.

L’evento è realizzato in collaborazione con la Fondazione Rocco Chinnici, ed è intitolato “Cybercrime: rischi e strumenti per arginare i crimini nell’era digitale”. L’apertura dei lavori è affidata al sindaco di Partanna, Nicolò Catania. Alla tavola rotonda parteciperanno Giovanni Chinnici, presidente della Fondazione Rocco Chinnici; Calogero Ferrara, sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Palermo; Francesco Petruzzella, funzionario informatico presso la Procura della Repubblica di Palermo.

La diretta streaming potrà essere seguita su profili Facebook e canali Youtube del Comune di Partanna, del G55 Coworking/Fablab e di SITA 2021. L’incontro è rivolto agli studenti di tutte le scuole superiori, che partecipando potranno acquisire i relativi crediti formativi.

Taxi gratis per over 80 che devono raggiungere i centri di vaccinazione

PALERMO – Una corsa gratis in taxi per tutti gli ultraottantenni soli che devono raggiungere i centri di vaccinazione Covid-19. E’ l’opportunità che dal 1° maggio viene offerta ai residenti del comune di Palermo dalla Fondazione ANIA attraverso il progetto “Ti accompagno io”, realizzato con la collaborazione della Cooperativa Radiotaxi Trinacria, dell’Associazione Indagini3, della Fondazione Univerde e il patrocinio del Comune di Palermo.

Aderire all’iniziativa è semplice. Le persone che hanno più di 80 anni e non possono contare su nessuno che le accompagni ad effettuare il vaccino contro il Covid-19, non dovranno far altro che telefonare al numero 091-6878e richiedere un taxi facendo presente di essere ultraottantenne solo/a che deve raggiungere un centro di vaccinazione Covid-19. Una volta saliti sulla vettura, basterà mostrare il certificato di prenotazione del vaccino con l’indicazione del centro da raggiungere e un documento che dimostri la propria età. Il cliente non dovrà corrispondere nessuna cifra all’autista e potrà usufruire dello stesso servizio anche al ritorno.

Il progetto “Ti accompagno io” è stato fortemente voluto dal settore assicurativo italiano che, attraverso l’attività della Fondazione ANIA, promuove da oltre 17 anni iniziative di protezione e assistenza alla popolazione. In tal senso la proposta di offrire un servizio di accompagnamento gratuito per le persone sole che avrebbero difficoltà a raggiungere le strutture sanitarie preposte alla vaccinazione, è perfettamente in linea con tutte quelle azioni che sono nel DNA del settore assicurativo.

La Cooperativa Radiotaxi Trinacria, da sempre attenta alle tematiche di carattere sociale ed ambientale, ha subito sposato l’iniziativa di Fondazione ANIA mettendo a disposizione i suoi taxi presenti sul territorio palermitano, perché il progetto ha una duplice valenza e affianca, al risvolto sociale, un importante supporto economico ad una categoria, quella dei tassisti, che ha subito pesanti perdite a causa delle limitazioni alla mobilità e alla circolazione. Grazie al supporto dei partners Fondazione UniVerde e Indagini3, da sempre impegnati nella difesa dell’ambiente e nel sociale, Fondazione ANIA intende coinvolgere il più ampio numero di cittadini palermitani over 80. L’iniziativa ha coinvolto anche Roma, dove sono state effettuate oltre 17mila corse in meno di 2 mesi e, dal 1° maggio, partirà anche a Torino, Trieste e Napoli.

Per sapere come aderire al progetto “Ti accompagno io” e per aver tutte le informazioni sulle modalità di utilizzo del servizio taxi gratuito, basta telefonare al numero 091-6878 oppure consultare i siti internet www.fondazioneania.it o www.6878.it.

Bando ANCI “Fermenti in Comune”: ammesso il progetto dei Comuni di Partanna e Vita

PARTANNA – Ammesso a finanziamento il progetto presentato dal Comune di Partanna assieme al Comune di Vita e all’Associazione Apice, nell’ambito del bando dell’ANCI denominato “Fermenti in Comune”. Il progetto presentato “FLAT, FABLAB per il TURISMO” vede coinvolta, nella qualità di partner, l’Impresa Insieme S.r.l, consulente del Consorzio Trapanese per la legalità e lo sviluppo: a svolgere le funzioni di RUP sarà il geometra Tommaso Arena del Comune di Partanna, già responsabile del servizio Cooworking/fablab del G55 dello stesso Comune. Il progetto prevede la costituzione di una rete di Fablab che, partendo proprio da quello presente a Partanna, si articolerà su un vasto territorio e avrà quale obiettivo la formazione di giovani nel campo dell’innovazione tecnologica. L’importo totale del progetto, che impegna 30 giovani diplomati, universitari, laureati e laureandi, maschi e femmine in egual misura, è di € 58.000,00. La struttura del FABLAB di Partanna già esistente, sarà potenziata e si costruiranno sedi operative nei Comuni del Consorzio per estendere la possibilità di accedere a informazioni utili al proprio impiego nello sviluppo tecnologico per il rilancio del settore turistico locale e a creare occasioni di occupazione, indirizzando i giovani verso nuove forme di lavoro. Dopo l’azione formativa è prevista un’azione di accompagnamento per la costituzione di start-up che possano operare con una logica di autoimprenditorialità nel mercato del lavoro.

“Il FABLAB è un luogo fisico sicuro, gestito dal Comune di Partanna e aperto ai giovani – dice il sindaco Nicolò Catania -. Il suo orientamento verso i temi del Turismo e dello sviluppo locale fornisce loro opportunità nel campo dell’innovazione tecnologica e nel campo di applicazione delle nuove tecnologie in agricoltura, nell’urbanistica, nella mobilità, nella ricostruzione in 3D del patrimonio archeologico, nella promozione turistica e nei sistemi avanzati di comunicazione e marketing territoriale”. Il G55 FabLab Partanna (Fabbrica Laboratorio Digitale) nasce per iniziativa dell’Amministrazione Comunale già nel 2014 con l’obiettivo di portare la Digital Fabrication e la cultura Open Source in un luogo fisico, dove macchine, idee, persone e approcci nuovi si possano mescolare liberamente. Uno degli obiettivi principali del G55 FABLAB Partanna è la diffusione delle conoscenze digitali e della cultura del FabLab. Esso è dotato di una sala riunioni 8 posti ad uso comune dotata di televisore a led e stampante laser, una sala seminari/workshop 40 posti ad uso comune dotata di videoproiettore; una sala Makers 20 posti ad uso comune dotata di televisore a led; una sala relax/cooking/coffè break ad uso comune dove poter consumare cibi e bevande; una biblioteca digitale e lettura ad uso comune; un locale archivio/deposito blindato ad uso comune; stampanti 3D, Scanner 3D, banco attrezzi. Il Comune di Partanna e il Comune di Vita, assieme agli altri Comuni del Consorzio, metteranno a disposizione i loro tecnici affinché partecipino ai processi di “progettazione partecipata” attivati dai giovani. L’Associazione APICE svolgerà le attività di tutoraggio dell’azione formativa e si adopererà per il coinvolgimento delle comunità locali. Impresa Insieme S.r.l si occuperà dell’azione formativa, coinvolgendo i propri docenti e quelli dell’Università di Palermo e dell’Associazione degli Ergonomi italiani. Saranno coinvolte le altre Associazioni giovanili del territorio dei Comuni del Consorzio e in particolare verrà coinvolta la Consulta Giovanile del Comune di Partanna.